Dicembre 7, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Abuso di dominazione: mega multa Amazon in Italia – 12/09/2021 18:52

Amazon e altri giganti della tecnologia americani sono sul punto di licenziare le loro pratiche commerciali in Europa (AFP / Marco Pertorello).

Amazon e altri giganti della tecnologia americani sono sul punto di licenziare le loro pratiche commerciali in Europa (AFP / Marco Pertorello).

Amazon è stata multata giovedì per 1.128 miliardi di euro dalla polizia rivale in Italia per “abuso di posizione dominante” per aver discriminato i venditori che non utilizzano il suo servizio logistico.

Agli occhi di molti funzionari, questa è una delle sanzioni più grandi per le pratiche considerate anticoncorrenziali in Europa imposte a uno dei giganti tecnologici americani.

“Amazon ha minato gli operatori concorrenti nell’e-commerce” sostenendo il proprio settore logistico, che spedisce e consegna pacchi, secondo l’Antitrust italiano dopo un’indagine approfondita.

“La strategia sbagliata che Amazon sta perseguendo è particolarmente grave perché ha il potenziale per incoraggiare o addirittura eliminare la concorrenza nei mercati rilevanti”, ha affermato.

Il panel statunitense ha espresso il suo “profondo disaccordo” con questa autorizzazione, contro la quale avrebbe presentato ricorso. Secondo Amazon, “le multe e le soluzioni proposte sono irragionevoli e sproporzionate”.

La Commissione europea “ha collaborato strettamente” con l’autorità italiana concorrente all’inchiesta, commentando un suo portavoce, citando “un esempio di integrazione riuscita”.

“Ciò che Amazon ha fatto è stato molto simile alle azioni di Kafa” (Google, Amazon, Facebook e Apple), “vale a dire, utilizzare una posizione dominante per spingere le funzionalità pertinenti, i servizi logistici in questo caso”, Pierre Zhelenko, co-avvocato, Linklators a Parigi e specialista in diritto della concorrenza, ha detto ad AFP Said.

A novembre, il colosso statunitense della distribuzione online era già stato sanzionato in Italia per 0,78 milioni di euro per aver violato le regole della concorrenza limitando l’accesso al sito Amazon di alcuni rivenditori di prodotti. Mela.

READ  I gol dell'Italia contro il Belgio

Questo comportamento è tanto più grave agli occhi degli scettici italiani che “almeno il 70% degli acquisti di elettronica di consumo in Italia viene effettuato su Amazon”.

– ‘Sfavorevole ai rivali’ –

Il dominio di Amazon nel mercato italiano “aiuta a migliorare il proprio servizio logistico… i venditori attivi sul sito Amazon.it potrebbero essere dannosi per gli operatori concorrenti”, ha stabilito giovedì l’autorità italiana.

Secondo lui, i venditori che non utilizzano il servizio logistico di Amazon sono esclusi dalla “serie di vantaggi necessari per ottenere selettività e migliori opportunità di vendita”.

Continua che questa strategia “allarga il divario tra il potere di Amazon e i suoi concorrenti” nel mercato italiano.

Kodacons, l’associazione italiana dei consumatori, ha salutato la “multa di registrazione” come “danneggiando effettivamente i colossi del web e ponendo fine a comportamenti riprovevoli”.

I paesi europei hanno aumentato le sanzioni finanziarie contro i pesi massimi del digitale statunitensi e cinesi negli ultimi mesi nel tentativo di controllare meglio le loro operazioni.

Amazon è stata multata per 74 746 milioni in Lussemburgo a luglio per non conformità con le nuove normative europee sui dati personali degli utenti di Internet, la più grande sanzione finanziaria mai imposta in base a queste regole.

– Boom delle vendite online –

I giganti del digitale sono stati più volte isolati dalla Commissione Europea per pratiche ritenute anticoncorrenziali. Di conseguenza, Google ha ricevuto una pesante multa dall’Unione Europea, per un totale di 8,25 miliardi di euro.

L’organo chiave del Parlamento europeo ha adottato a novembre un progetto di regolamento per regolamentare meglio Internet nei mercati digitali e porre fine all’abuso di potere da parte dei gruppi industriali.

Il disperato italiano ha spiegato che la multa inflitta giovedì, calcolata sulla base delle entrate globali di Amazon, aumenterà di oltre 30 330 miliardi entro il 2020, tenendo conto del suo predominio nel mercato globale.

Amazon ha registrato un boom nel business online dall’inizio dell’epidemia di Covit-19, ma ha faticato a reclutare e recuperare prodotti per soddisfare le sue esigenze.

Il gruppo ha registrato un utile netto di 3,2 miliardi di dollari nel terzo trimestre, in calo della metà dello scorso anno.

Circa 1,5 milioni di persone in tutto il mondo lavoravano per Amazon alla fine di settembre, ovvero il 30% in più rispetto a un anno fa, e l’azienda continua ad assumere con impegno per soddisfare la crescente domanda.

bh / du