Maggio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Yayoi Kusama si scusa per le sue passate osservazioni razziste

Yayoi Kusama si scusa per le sue passate osservazioni razziste

L’acclamata artista giapponese Yayoi Kusama, le cui “Infinite Mirror Rooms” hanno portato file intorno all’edificio per una grande mostra dopo l’altra, si è scusata per i commenti razzisti nella sua autobiografia del 2002 che hanno attirato rinnovata attenzione. Ha aperto il suo nuovo spettacolo Al Museo d’Arte Moderna di San Francisco.

“Mi rammarico profondamente di aver usato un linguaggio offensivo e offensivo nel mio libro”, ha detto Kusama, 94 anni. Lo ha detto in una dichiarazione al San Francisco Chronicle la settimana scorsa. “Il mio messaggio è sempre stato di amore, speranza, compassione e rispetto per tutte le persone. È stata mia intenzione per tutta la vita elevare l’umanità attraverso la mia arte. Mi scuso per il dolore che ho causato.”

Le scuse di Kusama, arrivate il giorno prima del suo spettacolo, “Yayoi Kusama: Infinite Love”, inaugurato al museo, si riferiscono a passaggi della sua autobiografia del 2002, “Infinity Net”, in cui descriveva i neri come “primitivi e ipersessuali”. “Oggetti”.

Sito di ipersensibilità Quei commenti sono apparsi a giugno. Il critico del Chronicle della settimana scorsa Ha denunciato la decisione del museo Per continuare lo spettacolo.

Nell’edizione giapponese originale del libro, Kusama ha anche descritto il suo quartiere di New York come uno “slum” dove “i prezzi degli immobili stanno scendendo di 5 dollari al giorno” a causa dei “neri che si sparano a vicenda fuori e dei senzatetto che dormono lì”. Queste frasi furono rimosse da una successiva traduzione inglese.

Kusama, nata nel 1929 a Matsumoto, in Giappone, iniziò a disegnare a causa delle allucinazioni che ebbe da giovane. Ha parlato apertamente delle sue lotte con la sua condizione psicologica, ma continua a dipingere.

READ  Billie Eilish parla della sindrome di Tourette con David Letterman

La controversia che circonda i commenti di Kusama è l’ultimo esempio di un’istituzione alle prese con la problematica storia personale di una figura artistica di spicco. Il Museo d’Arte Moderna di San Francisco è stato costretto a prendere in considerazione ciò che il personale ha descritto come disuguaglianze strutturali legate alla razza.

Gary Jarrells, il curatore più longevo della galleria, si è dimesso nel 2020 poco dopo che una pubblicazione lo citava dicendo: “Non preoccuparti, continueremo sicuramente a collezionare artisti bianchi”. Il suo ex direttore, Neil Benezra, Si è scusato con il personale Dopo aver rimosso i commenti critici da un post di Instagram successivo all’uccisione di George Floyd.

Martedì, in un’intervista telefonica, l’attuale direttore del museo, Christopher Bedford, ha affermato di aver accolto con favore l’opportunità di “essere molto franco riguardo al rapporto del museo con l’antirazzismo” e di “pensare a come presentare un argomento difficile con sfumature”.

Bedford ha detto che il museo sta già programmando di tenere un simposio la prossima primavera “sulla questione della biografia e del suo rapporto con la creatività e su come noi come cultura possiamo conciliare i due quando sono in opposizione”. L’obiettivo a lungo termine è quello di sviluppare materiali interpretativi per il pubblico “su queste difficili relazioni tra produttore e oggetti”, ha affermato.

Per quanto riguarda Kusama, Bedford ha detto: “Penso che sia davvero straordinario che una donna di 10 anni sulla faccia della Terra, che stava creando un’incredibile quantità di lavoro e che era stata emarginata e discriminata contro se stessa, venisse allo scoperto e si scusasse un modo così incondizionato per quello che è successo.” Dichiarazioni razziste.

READ  Il "Tour of the Ages" di Taylor Swift: 4 punti salienti

Ha aggiunto: “Ciò che ci spetta è raccogliere, esporre e interpretare gli artisti in tutta la loro complessità”. “Come tutti gli altri, sono imperfetti. Lo sforzo profondo non è quello di eliminare, modificare o cancellare le persone; lo sforzo è quello di renderne pienamente e veramente conto.”