Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

World of Warcraft: un gioco popolare che ritorna in Cina

World of Warcraft: un gioco popolare che ritorna in Cina

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

La società cinese NetEase e l'editore di giochi Activision Blizzard hanno posto fine alla loro disputa

  • autore, Mariko ciao
  • Ruolo, Giornalista d'affari

Secondo il colosso cinese dei videogiochi NetEase, giochi popolari come World of Warcraft torneranno in Cina quest'estate.

L'anno scorso, NetEase e lo sviluppatore di giochi Activision Blizzard hanno concluso la loro partnership durata 14 anni a causa di una disputa sulla supervisione della proprietà intellettuale.

La separazione ha scatenato un’intensa rabbia, con milioni di utenti internet cinesi che si sono lamentati del fatto che avrebbero perso l’accesso ai loro giochi preferiti.

Tutti i giochi richiedono un editore locale e licenze del governo cinese per operare lì.

La precedente controversia si trasformò in una controversia aperta che portò le due società a citarsi reciprocamente.

“Siamo estremamente grati per la passione che la comunità cinese ha dimostrato per i giochi Blizzard nel corso degli anni”, ha affermato Joanna Farris, presidente di Blizzard Entertainment, Lo ha detto in un comunicato.

“Siamo concentrati nel restituire i nostri mondi ai giocatori con eccellenza e dedizione.”

Altri giochi Blizzard che torneranno in Cina includono le serie Hearthstone, Warcraft, Overwatch, Diablo e StarCraft.

La Cina è il più grande mercato di gioco online al mondo, con entrate nazionali in aumento del 13% a 303 miliardi di yuan (42 miliardi di dollari, 33 sterline) alla fine dello scorso anno.

NetEase è la seconda azienda di videogiochi del paese per fatturato dopo Tencent.

Microsoft e NetEase hanno inoltre affermato di aver concordato di esplorare la possibilità di portare nuovi titoli NetEase sulle console di gioco Xbox di Microsoft e su altre piattaforme di gioco.

“Riportare i leggendari giochi Blizzard ai giocatori in Cina mentre esploriamo modi per portare nuovi titoli su Xbox dimostra il nostro impegno nel portare più giochi a più giocatori in tutto il mondo”, ha affermato Phil Spencer, CEO di Microsoft Gaming.

Questo settore redditizio è stato anche testimone di frequenti controversie con le autorità.

Pechino si è mossa per la prima volta contro il settore dei giochi nel 2021, stabilendo che ai giocatori online sotto i 18 anni sarebbe stato consentito giocare solo per un’ora il venerdì, i fine settimana e i giorni festivi.

Alla fine dell’anno scorso, le autorità hanno annunciato ulteriori restrizioni per limitare gli acquisti in-game, ma la Cina sembra essersi allontanata da regole rigide per combattere ciò che il regolatore considerava il gioco “ossessivo”.

READ  L'aggiornamento 1.27 di Gran Turismo 7 è ora disponibile, aggiunge cinque auto, nuove gare e turni aggiuntivi - GTPlanet