Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

WhatsApp ha risposto dopo che Elon Musk ha twittato Trust Nothing

WhatsApp ha risposto dopo che Elon Musk ha twittato Trust Nothing

WhatsApp ha respinto questa affermazione.

Nuova Delhi:

Lo screenshot del suo dispositivo di un ingegnere di Twitter ha sollevato preoccupazioni sul presunto accesso di WhatsApp al microfono del dispositivo, anche quando l’app non è in uso. L’ingegnere Fouad Al-Dubairi ha affermato che il suo WhatsApp utilizzava costantemente il microfono mentre dormiva.

La sua preoccupazione ha anche provocato una risposta dal suo capo, Elon Musk.

“Non fidarti di niente, nemmeno di niente”, ha scritto Musk su Twitter.

Il ministro dell’Unione Rajeev Chandrasekhar ha definito l’incidente un’invasione della privacy e ha detto che il governo se ne occuperà immediatamente.

“Si tratta di una violazione inaccettabile della privacy. Esamineremo attentamente la questione e prenderemo provvedimenti contro qualsiasi violazione della privacy anche con la preparazione della nuova legge sulla protezione dei dati personali digitali DPDP (sic)”, ha dichiarato il segretario federale di Stato per l’elettronica e la tecnologia. twittato.

WhatsApp ha respinto il reclamo e ha affermato: “Gli utenti hanno il pieno controllo delle impostazioni del proprio microfono su Google per indagini e risarcimento”.

“Una volta concessa l’autorizzazione, WhatsApp accede al microfono solo quando l’utente è impegnato in una chiamata o sta registrando una nota audio o video – e anche in questo caso, quelle comunicazioni sono protette con crittografia end-to-end in modo che WhatsApp non possa ascoltarle, ” lei ha aggiunto.

READ  Sono state annunciate ufficialmente le prime auto equipaggiate con la prossima generazione di CarPlay

Tuttavia, molti utenti nella sezione dei commenti hanno affermato di trovarsi di fronte a problemi simili.

WhatsApp è ancora l’app di messaggistica istantanea più popolare che utilizza la crittografia end-to-end per proteggere il contenuto dei messaggi dalla lettura da parte di chiunque altro.

Inoltre, WhatsApp ha avuto alcuni problemi di privacy in passato, come: condividere alcuni dati utente con la società madre Meta come il numero di telefono, le informazioni sul dispositivo, la posizione e i contatti.

Signal e Telegram affermano di offrire maggiore privacy agli utenti.