Maggio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

“Vortici” e tempeste spazio-temporali

“Vortici” e tempeste spazio-temporali

Se ti sei mai chiesto come ci si potrebbe sentire a essere risucchiati in un buco nero – contorti, in espansione, disorientati, condannati – potresti fare di peggio che viaggiare attraverso “il lato deformato del nostro universo, un’odissea attraverso buchi neri, wormhole, E tempo.” “Travel and Gravitational Waves”, un progetto di libro collaborativo di Kip Thorne, fisico del Caltech, e Leah Halloran, artista visiva e presidente del dipartimento artistico della Chapman University di Orange, in California.

Il dottor Thorne apporta notevoli qualità a questo compito. Nel 2017, ha vinto il Premio Nobel per la fisica per il suo lavoro sul Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory, o LIGO, che ha rilevato le oscillazioni spazio-temporali causate dalla collisione di due buchi neri distanti. È stato anche il produttore esecutivo di “Interstellar”. La signora Halloran, cresciuta facendo surf e pattinando nella Bay Area, è diventata ossessionata dalla scienza dopo aver fatto uno stage al liceo presso l’Exploratorium di San Francisco.

Il libro è composto da illustrazioni di quelle che il dottor Thorne ama chiamare “tempeste spazio-temporali” previste dalla relatività generale, la teoria della gravità di Einstein, alternate alle sue interpretazioni della fisica, che appaiono in poesia. Molte delle illustrazioni, scritte con inchiostro nell’inquadratura del film, raffigurano la moglie della signora Halloran, Felicia, mentre viene frustata, schiacciata e contorta dalle forze della natura.

Queste immagini coinvolgono una scienza reale e all’avanguardia basata sul lavoro svolto negli ultimi anni sotto la guida del dottor Thorne e Sol Tikulsky alla Cornell University, in un progetto chiamato Extreme Spacetime Simulation, o SXS. Ci si aspettava che le onde gravitazionali allungassero e comprimessero lo spaziotempo in direzioni perpendicolari mentre viaggiano, ma si scopre che deformano anche lo spaziotempo di una piccola quantità. Quando Felicia cade in un buco nero, i suoi piedi girano in una direzione mentre la testa gira nell’altra; Nei disegni della signora Halloran, questo movimento è rappresentato da vortici che il dottor Thorne chiama vortici.

READ  Un altro strumento essenziale del telescopio spaziale Web ottiene "Go for Science"

“La torsione non è qualcosa che la tecnologia attuale può misurare, mentre lo stretching e la compressione sono facili da misurare”, ha detto il dottor Thorne in un’intervista. Nel caso dei buchi neri in collisione presso LIGO, questa differenza misurabile è pari a quattro millesimi del diametro di un protone.

Il dottor Thorne e la signora Halloran collaborano da più di un decennio. Ha conseguito il MFA in Incisione presso la Yale University nel 2001 con un progetto basato sul libro del Dr. Thorne Black Holes and Time Warps, Einstein’s Obscene Legacy. Ricordava di averlo incontrato anni dopo a una festa a Pasadena, in California, e di essere stata “follemente entusiasta”. Ha invitato il dottor Thorne nel suo studio e hanno deciso di collaborare per dettagliare e celebrare il nostro strano mondo einsteiniano.

Il loro primo progetto è stato un articolo commissionato per la rivista Playboy nel 2010, su invito dell’ex editore di libri Dr. Thorne, che lavorava lì in quel momento. Il pezzo di 6.000 parole e nove pannelli è stato infine rifiutato perché le fotografie di Felicia non soddisfacevano gli standard di bellezza femminile della rivista. “Non ho oggettivato abbastanza le donne”, ha detto la signora Halloran.

Il dottor Thorne si rifiutò di pubblicare senza il suo aiuto. Così i due continuarono a lavorare fianco a fianco nel suo studio, producendo illustrazioni e testi per quello che iniziarono a chiamare “il loro piccolo libro”. Durante la pandemia, è stato effettuato un tour aereo dell’antenna LIGO a Hanford, Washington, sull’aereo privato di un amico.

“È stato semplicemente un meraviglioso atto di amicizia e collaborazione”, ha detto la signora Halloran. “Kip veniva nel mio studio. Parlavamo e la mia testa era confusa nel tentativo di elaborare tutte le cose meravigliose che diceva. E poi provavo a creare qualcosa che potesse incarnare in modo tangibile il tipo di concetti che stava descrivendo,” lei ha aggiunto.

READ  Un uomo, 47 anni, è stato colpito due volte fuori da una scuola pubblica di New York City

Ad un certo punto, curiosi di vedere cosa avevano, hanno chiesto ad un amico grafico di prototipare i collage. Il dottor Thorne stava scrivendo in prosa, ma come esperimento il designer ha diviso il testo in strofe. Il dottor Thorne ha avuto un’illuminazione. “Sto davvero rifinendo la prosa e sto lavorando per cercare di farla scorrere bene”, ha detto. “E ho capito che in realtà era quasi poesia, quindi ho deciso di provare a trasformare tutto in poesia.”

Ha tracciato la linea cercando di farla rima. Ma qualcuno potrebbe dire che la poesia era già lì, nella matematica di Einstein.