Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Uno straordinario viaggio in 3D attraverso i pilastri della creazione

Uno straordinario viaggio in 3D attraverso i pilastri della creazione

Questa immagine è un mosaico di viste in luce visibile e infrarossa dello stesso fotogramma dalla visualizzazione dei Pilastri della Creazione. Il modello 3D delle colonne realizzato per la sequenza di visualizzazione è mostrato alternato nella versione del Telescopio Spaziale Hubble (luce visibile) e nella versione del Telescopio Spaziale Webb (infrarossi). Crediti: Greg Bacon (STScI), Ralph Crawford (STScI), Joseph DePascal (STScI), Leah Hostak (STScI), Christian Nieves (STScI), Joseph Olmstead (STScI), Alyssa Pagan (STScI), Frank Summers (STScI), Mondo dell’apprendimento della NASA

NASAUna nuova visualizzazione 3D dei Pilastri della Creazione combina i dati dei telescopi spaziali Hubble e James Webb per fornire un’esperienza coinvolgente in queste famose nubi che creano stelle.

Una nuova straordinaria visualizzazione consente agli spettatori di esplorare domande fondamentali sulla scienza, sperimentare come viene fatta la scienza e scoprire da soli l’universo.

Un team di scienziati della NASA presso lo Space Telescope Science Institute (STScI) di Baltimora, nel Maryland, ha prodotto una nuova straordinaria visualizzazione 3D degli imponenti “Pilastri della Creazione” nella Nebulosa Aquila combinando i dati dei telescopi spaziali Hubble e James Webb della NASA. . Questo è il film più completo, dettagliato e multi-lunghezza d’onda mai realizzato su queste famose nubi che generano stelle.

I Pilastri della Creazione sono i protagonisti di una nuova visualizzazione dai telescopi Hubble e Webb della NASA

Ha guadagnato grande fama nel 1995 attraverso la NASA Telescopio spaziale HubbleI Pilastri della Creazione situati nel cuore della Nebulosa Aquila hanno catturato l’immaginazione del mondo con la loro bellezza eterea e accattivante.

Ora, la NASA ha rilasciato una visualizzazione 3-D di queste imponenti strutture celesti utilizzando i dati dei telescopi spaziali Hubble e James Webb della NASA. Questo è il film più completo e dettagliato finora su queste nuvole che generano stelle.

Approfondimenti da più lunghezze d’onda

“Volando attraverso e tra i pilastri, gli spettatori sperimentano la loro struttura 3D e vedono quanto appaiono diversi nella visione a luce visibile di Hubble rispetto alla visione a infrarossi di Webb”, ha spiegato lo scienziato capo della visualizzazione Frank Summers dello Space Telescope Science Institute. (STScI) a Baltimora, che ha guidato il team di sviluppo cinematografico della NASA Il mondo dell’apprendimento“Il contrasto li aiuta a capire perché esiste più di un telescopio spaziale che osserva aspetti diversi dello stesso oggetto”.

READ  Le ali mancanti su uno scarabeo "alieno" pongono un puzzle evolutivo

I quattro pilastri della creazione, composti principalmente da idrogeno molecolare freddo e polvere, vengono erosi dai forti venti e dalle forti radiazioni ultraviolette provenienti dalle giovani stelle calde vicine. Strutture simili a dita più grandi del sistema solare sporgono dalla sommità delle colonne. All’interno di queste dita potrebbero essere incastonate stelle embrionali. La colonna più lunga si estende per tre anni luce, tre quarti della distanza tra il nostro Sole e la stella più vicina.

Dati osservativi e accuratezza scientifica

Il film porta i visitatori nelle strutture 3D delle colonne. Piuttosto che una spiegazione tecnica, il video si basa sui dati osservativi di un articolo scientifico condotto da Anna McLeod, assistente professore alla Durham University nel Regno Unito. McLeod è stato anche consulente scientifico del progetto cinematografico.

“I Pilastri della Creazione sono sempre stati nella nostra mente per la Creazione 3D. I dati di Webb combinati con i dati di Hubble ci hanno permesso di vedere i Pilastri in modo più completo”, ha affermato il responsabile della produzione Greg Bacon di STScI ha permesso al nostro piccolo team di Talented di accettare la sfida di visualizzare questa struttura distintiva”.

Osservazioni e comprensione di più lunghezze d’onda

Questa nuova tecnologia aiuta gli spettatori a sperimentare come due dei telescopi spaziali più potenti del mondo lavorano insieme per fornire un’immagine più complessa e completa dei pennacchi. Hubble vede gli oggetti che brillano nella luce visibile, a migliaia di gradi. La visione a infrarossi di Webb, sensibile agli oggetti più freddi con temperature di solo centinaia di gradi, penetra nella polvere torbida per vedere le stelle incastonate nelle colonne.

“Quando combiniamo le osservazioni dei telescopi spaziali della NASA su diverse lunghezze d’onda della luce, espandiamo la nostra comprensione dell’universo”, ha affermato Mark Clampin, direttore della Divisione di Astrofisica presso la sede della NASA a Washington. “La regione dei Pilastri della Creazione continua a fornirci nuove intuizioni che affinano la nostra comprensione di come si formano le stelle. Ora, con questa nuova visualizzazione, tutti possono sperimentare questo paesaggio ricco e accattivante in un modo nuovo.”

READ  Il James Webb Telescope rivela galassie proibite miliardi di anni fa

Portare l’esplorazione dello spazio nell’apprendimento generale

Questo video è stato prodotto dallo Space Science Institute della NASA in collaborazione con i partner del California Institute of Technology/Oceanic Research Institute, sviluppato dal progetto AstroViz della NASA, e fa parte di un video più lungo e narrato (il secondo video in questo articolo) che riunisce Tra il contatto diretto con la scienza e gli scienziati nelle missioni di astrofisica della NASA e al contempo la soddisfazione delle esigenze del pubblico giovanile, delle famiglie e degli studenti permanenti. Permette agli spettatori di esplorare domande fondamentali sulla scienza, sperimentare come viene fatta la scienza e scoprire da soli l’universo.

Nuovi sviluppi e strumenti educativi

Nella visualizzazione sono evidenziate diverse fasi della formazione stellare. Quando gli spettatori si avvicinano al pilastro centrale, in cima vedono una protostella piccola e compatta che brilla di un rosso brillante nella luce infrarossa. Vicino alla parte superiore della colonna di sinistra c’è un getto diagonale di materiale espulso da una stella appena nata. Sebbene l’aereo sia la prova della nascita della stella, gli spettatori non possono vedere la stella stessa. Infine, all’estremità di uno dei “dita” sporgenti della colonna di sinistra c’è una nuovissima stella luminosa.

Modello 3D dei Pilastri della Creazione

Questa immagine mostra un modello stampato in 3D dei famosi Pilastri della Creazione nella Nebulosa dell’Aquila. Il modello computerizzato 3D scolpito utilizzato per visualizzare i Pilastri della Creazione è stato convertito in formato file STL e posizionato su una base rotonda per l’utilizzo con stampanti 3D. Crediti: Leah Hostak (STScI), Ralph Crawford (STScI), scienziato della NASA

Ampliare la partecipazione del pubblico all’astronomia

Il prodotto aggiuntivo di questa visualizzazione è un nuovo prodotto Modello stampabile in 3D dei pilastri della creazioneIl modello base delle quattro colonne utilizzato nella visualizzazione è stato adattato al formato file STL, in modo che gli spettatori possano scaricare il file del modello e stamparlo su stampanti 3D. Esaminare la struttura delle colonne in questo modo tattile e interattivo aggiunge nuove prospettive e approfondimenti all’esperienza complessiva.

Conclusione: formazione ed esplorazione continua

Ulteriori visualizzazioni e connessioni tra la scienza della nebulosa e gli studenti possono essere esplorate attraverso altri prodotti prodotti da Learning World della NASA come Spazio espositivo, una mostra video attualmente esposta in quasi 200 musei e planetari negli Stati Uniti. I visitatori possono andare oltre i video ed esplorare le immagini prodotte dai telescopi spaziali utilizzando gli strumenti interattivi ora a disposizione di musei e planetari.

READ  Abbiamo appena dato uno sguardo senza precedenti ai dettagli della divisione cellulare: ScienceAlert

I materiali Learning World della NASA si basano sul lavoro supportato dalla NASA con il premio n. NNX16AC65A allo Space Telescope Science Institute, in collaborazione con il California Institute of Technology/IPAC, Pasadena, California, e il Center for Astrophysicals | Harvard e Smithsonian, Cambridge, Massachusetts, e il Jet Propulsion Laboratory, La Cañada Flintridge, California.

Il telescopio spaziale Hubble, lanciato nel 1990, è uno degli strumenti più importanti nella storia dell’astronomia. Orbita attorno alla Terra da un’altitudine di circa 547 chilometri, Hubble ha rivoluzionato la nostra comprensione dell’universo con la sua visione chiara ed estremamente profonda del cosmo, senza ostacoli dall’atmosfera terrestre. Nel corso dei decenni, ha fornito dati inestimabili e immagini straordinarie che hanno portato a importanti scoperte in vari settori dell’astrofisica, tra cui il tasso di espansione dell’universo, l’esistenza della materia oscura e le proprietà degli esopianeti. A differenza dei telescopi terrestri, Hubble può catturare immagini ad alta risoluzione nella luce ultravioletta, visibile e nel vicino infrarosso, fornendo una visione completa degli oggetti e dei fenomeni celesti che hanno cambiato la conoscenza scientifica e l’interesse del pubblico per l’esplorazione spaziale.

IL Telescopio spaziale James Webb JWST, lanciato il 25 dicembre 2021, rappresenta il prossimo grande passo avanti negli osservatori spaziali. Webb, situato a circa 1,5 milioni di chilometri dalla Terra, è progettato per osservare l’universo principalmente nello spettro infrarosso, permettendogli di guardare più indietro nel tempo che mai, oltre appena oltre il pianeta. la grande esplosione. Questa capacità consente agli astronomi di studiare la formazione delle galassie, delle stelle e dei primi sistemi planetari. Il quadro strumenti avanzato di Webb e lo specchio primario più grande, rispetto al suo predecessore, il telescopio spaziale Hubble, forniscono risoluzione e sensibilità senza precedenti, rendendolo ideale per sondare atmosfere esoplanetarie e rilevare potenziali segni di vita. La posizione unica del telescopio nel secondo punto di Lagrange (L2) lo protegge dalla luce e dal calore del Sole e della Terra, garantendo che possa osservare l’universo con interferenze minime.

Universe of Learning della NASA è un programma integrato di insegnamento e apprendimento dell’astronomia che fornisce risorse e competenze per aiutare il pubblico a comprendere l’universo collegandolo alla scienza e alla tecnologia delle missioni astrofisiche della NASA. Attraverso una collaborazione tra il Science Mission Directorate della NASA, lo Space Telescope Science Institute, l’IPAC/Caltech, il Jet Propulsion Laboratory e lo Smithsonian Astrophysical Observatory, questo programma offre un’ampia gamma di materiali tra cui visualizzazioni, simulazioni interattive e attività educative. Queste risorse sono progettate per coinvolgere gli studenti di tutte le età nel processo di scoperta scientifica, ispirare la prossima generazione di astronomi e promuovere la comprensione generale dell’universo.