Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un rallentamento glaciale dell’inflazione è destinato a sostenere la cautela sui tagli dei tassi di interesse da parte della Fed

Un rallentamento glaciale dell’inflazione è destinato a sostenere la cautela sui tagli dei tassi di interesse da parte della Fed

(Bloomberg) – Si prevede che i dati sui prezzi al consumo negli Stati Uniti della prossima settimana, che seguono i numeri sorprendentemente forti sull'occupazione, mostreranno un forte rallentamento dell'inflazione core che spiega l'approccio cauto della Federal Reserve al taglio dei tassi di interesse.

I più letti da Bloomberg

Si prevede che l’indice dei prezzi al consumo core di marzo, una misura dell’inflazione core che esclude cibo e carburante, aumenterà dello 0,3% rispetto al mese precedente dopo l’aumento dello 0,4% di febbraio. Si prevede che il rapporto di mercoledì mostrerà un aumento simile nell'indice dei prezzi al consumo complessivo.

Si prevede che la misura principale dei prezzi aumenterà del 3,7% rispetto a un anno fa, rappresentando l’aumento più piccolo dall’aprile 2021. Sebbene la cifra annuale sia ben al di sotto del picco del 6,6% raggiunto nel 2022, i recenti progressi sono stati disomogenei.

I dati sull’inflazione seguiti da vicino arrivano sulla scia dell’ultimo rapporto mensile sull’occupazione, che ha superato le aspettative per il quinto mese consecutivo. Mentre i funzionari della Fed hanno indicato la moderazione della domanda di lavoro nell’ultimo anno come possibile precursore di un abbassamento dei tassi di interesse, l’aumento di 303.000 posti di lavoro nelle buste paga per marzo potrebbe sollevare interrogativi sulla portata di questo raffreddamento e sulle sue implicazioni sull’inflazione.

Molti funzionari della Fed, parlando la scorsa settimana, sono stati coerenti nel messaggio che è opportuno attendere fino a quando non ci sarà un’indicazione più chiara che l’inflazione sta rallentando verso il loro obiettivo prima di fare il primo passo verso la riduzione dei costi di finanziamento.

Cosa dice Bloomberg Economics:

“L’attenzione si sta ora spostando verso il percorso dell’inflazione, che attualmente è un fattore più importante nella funzione di reazione della Fed. Ci aspettiamo che il rapporto CPI di marzo mostri un modesto rallentamento del ritmo mensile dell’inflazione core allo 0,3% – che rimane coerente con l'obiettivo dell'inflazione core”. Tasso annuale della Fed del 2,0%. Anche se l'inflazione primaria annua si aggira attorno al 3,0% fino alla fine dell'anno, un'inflazione core sostenuta e più bassa dovrebbe consentire alla Fed di tagliare i tassi di interesse quest'estate.

—Anna Wong, Stuart Ball, Elisa Wenger ed Estelle Au, economisti. Per l’analisi completa, clicca qui

READ  Il governatore Maura Healy nomina Philip Eng nuovo direttore generale di MBTA

I banchieri centrali statunitensi si incontreranno dal 30 aprile al 1 maggio e si prevede che manterranno i tassi di interesse stabili. Mercoledì saranno pubblicati i verbali della riunione di marzo e gli operatori seguiranno anche le osservazioni del presidente della Fed di New York, John Williams, all'evento di giovedì.

Per saperne di più: I dati esplosivi sull’occupazione aumentano la possibilità di tagli minori dei tassi da parte della Fed

Si prevede che il rapporto di giovedì sui prezzi pagati ai produttori statunitensi mostrerà un progresso mensile più moderato. Tuttavia, i recenti aumenti dei prezzi del petrolio greggio, del rame e di alcune altre materie prime suggeriscono una minore inflazione delle materie prime nei prossimi mesi.

Andando verso nord, mercoledì si prevede che la Banca del Canada manterrà il suo tasso di interesse di riferimento al 5%, con le prospettive economiche riviste per riflettere una crescita più forte del previsto all’inizio di quest’anno e gli effetti a lungo termine del governo Trudeau. politica. Limite ai residenti temporanei.

Altrove, anche le banche centrali, dalla Nuova Zelanda all’Eurozona al Perù, sono destinate a restare ferme, mentre gli economisti sono divisi tra un taglio e una pausa in Israele. Nel frattempo, venerdì è previsto che l'ex presidente della Fed, Ben Bernanke, fornisca una revisione degli errori di previsione della Banca d'Inghilterra.

Clicca qui per vedere cosa è successo la scorsa settimana. Di seguito è riportato un riepilogo di ciò che accadrà nell’economia globale.

Asia

Un folto gruppo di banche centrali asiatiche terrà riunioni la prossima settimana, e si prevede che le autorità di Filippine, Nuova Zelanda, Tailandia e Corea del Sud manterranno la stabilità politica.

Eventuali indicazioni su quando potrebbero passare a cicli di allentamento saranno al centro dell’attenzione, con il governatore della RBNZ Adrian Orr che dovrebbe fornire un aggiornamento mercoledì sulla tempistica per la normalizzazione dei tassi di interesse mentre l’economia neozelandese continua a fluttuare.

Secondo i dati, l'inflazione al consumo in Cina dovrebbe rallentare allo 0,4% a marzo, mentre il calo dei prezzi alla produzione potrebbe accentuarsi leggermente al 2,8%, sostenendo la necessità di ulteriori stimoli. Si prevede che le esportazioni diminuiranno per il secondo mese.

L’India ottiene i dati sull’inflazione per marzo e sulla produzione industriale per febbraio.

In Giappone, i dati sugli utili in contanti potrebbero mostrare salari reali più bassi per il 23 febbraio, una tendenza che dovrebbe finire con l’inizio degli aumenti salariali per il nuovo anno fiscale, il più grande in più di tre decenni.

READ  Le azioni diminuiscono in Corea del Sud e la fiducia delle imprese migliora in Giappone

Europa, Medio Oriente, Africa

Giovedì la Banca Centrale Europea manterrà i tassi di interesse stabili in quella che a livello globale dovrebbe essere la pausa finale prima dell’inizio dell’allentamento monetario a giugno. Le parole della presidente Christine Lagarde saranno oggetto di ricerca per trovare indizi su ciò che potrebbe accadere dopo, con alcuni funzionari che stanno già spingendo per passi successivi.

Dopo i dati sull'inflazione più deboli del previsto della scorsa settimana, i politici non riceveranno molti dati aggiuntivi prima della riunione, anche se l'indagine trimestrale sui prestiti bancari di martedì potrebbe fornire qualche indicazione.

I ministri delle Finanze europei si incontreranno regolarmente a Lussemburgo alla fine della settimana. Discuteranno degli sviluppi del tasso di cambio, dell'inflazione e della competitività della regione.

Andando verso est, l’Ungheria pubblicherà i verbali del suo ultimo incontro politico, in cui ha tagliato il suo benchmark di 75 punti base e ha affermato che avrebbe continuato ad allentare l’allentamento. La Serbia dovrebbe mantenere invariati i tassi d'interesse.

La Russia riceverà i dati sull'inflazione mercoledì, lo stesso giorno in cui la governatrice della Banca di Russia Elvira Nabiullina potrebbe presentare il suo rapporto annuale alla Duma di Stato.

In Gran Bretagna, i dati sul PIL di venerdì confermeranno probabilmente un secondo mese di crescita a febbraio, mettendo l’economia sulla buona strada per una moderata ripresa dopo una lieve recessione nel 2023. La Banca d’Inghilterra pubblicherà quel giorno un rapporto di Bernanke, che espone raccomandazioni su come i funzionari potrebbero migliorare le previsioni e la comunicazione dopo aver criticato la loro lentezza nel riconoscere la crisi inflazionistica iniziata dopo la pandemia.

Per saperne di più: Bernanke consiglia alla BoE lo “scenario outlook” sui piani della Fed

La decisione di Israele sui tassi di interesse di lunedì sarà probabilmente una coincidenza tra una correzione e un taglio dei tassi di 25 punti base. Il declino darebbe impulso all’economia poiché la guerra di sei mesi a Gaza continua ad avere un impatto sui consumi e su settori che vanno dal turismo all’edilizia. Ma potrebbe anche aumentare la pressione sullo shekel, che si è indebolito dall’inizio di marzo.

READ  NewEdge Wealth sta vedendo intensificarsi un rally record

È probabile che l’Uganda sia più fiduciosa, con gli analisti che prevedono che il Comitato di politica monetaria lascerà invariato il tasso di interesse di riferimento dopo averlo aumentato di 50 punti base al 10% in una riunione non programmata il mese scorso. Questo avviene mentre l’inflazione ricomincia a diminuire e la valuta si rafforza rispetto al dollaro.

Nel frattempo, lo Zimbabwe lancerà lunedì la sua nuova valuta, lo ZiG.

America Latina

Rimettere il genio dell’inflazione nella bottiglia ha fatto sì che i banchieri centrali di tutto il mondo fossero ben preparati, come testimoniano Rosanna Costa in Cile, Victoria Rodriguez in Messico e Roberto Campos Neto in Brasile.

I dati in Cile probabilmente mostreranno che i prezzi al consumo torneranno vicino al valore di gennaio del 3,8% dopo il balzo di febbraio. La banca centrale ha alzato le sue previsioni per il 2024 al 3,8% dal 2,9%.

In Messico, dove la disinflazione si è rivelata difficile e prolungata, il consenso iniziale era di riaccelerare le letture mensili e quindicinali.

Il Brasile, che aveva già un’inflazione al di sotto del target dallo scorso giugno prima di un aumento di 203 punti base nel terzo trimestre, vedrà probabilmente i prezzi al consumo scendere per il sesto mese consecutivo, entro l’intervallo di tolleranza della banca centrale ma ancora ben al di sopra. Obiettivo.

L'ultimo è l'Argentina, dove i dati mensili pubblicati per marzo potrebbero registrare un aumento a una cifra, secondo un membro del Consiglio consultivo del presidente, Javier Miley. Gli analisti intervistati dalla banca centrale ritengono che questo tasso sia poco più del 14%, sufficiente per far salire il risultato annuale del 300%.

La Banca Centrale peruviana potrebbe decidere giovedì di mantenere i tassi di interesse per la seconda volta consecutiva al 6,25% dopo che i dati sull'inflazione di marzo hanno superato le stime di tutti gli economisti.

-Con l'assistenza di Robert Jameson, Brian Fowler, Laura Dillon Keen, Reed Lundberg, Paul Wallace, Monique Vanek, Tony Halpin e Alexander Weber.

(Aggiornamenti con lo Zimbabwe nella sezione EMEA.)

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2024 Bloomberg L.P