Aprile 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un Navalny imprigionato scopre che un documentario su di lui vince un Oscar

Un Navalny imprigionato scopre che un documentario su di lui vince un Oscar

TALLINN, Estonia (AP) – Il leader dell’opposizione russa incarcerato Alexei Navalny ha appreso lunedì dal suo avvocato che un film che descrive in dettaglio la sua intossicazione e il suo attivismo politico ha vinto l’Oscar per il miglior documentario..

Il politico di 46 anni stava partecipando a un’udienza in tribunale tramite collegamento video dalla prigione quando il suo avvocato ha dato la notizia del documentario “Navalny” del regista Daniel Rohr, secondo la sua portavoce Kira Yarmysh. Lo ha definito “l’annuncio di vittoria (Oscar) più sorprendente della storia”.

Yarmysh non ha menzionato la reazione iniziale di Navalny alla sua vittoria all’Oscar.

Secondo Yarmysh, Navalny ha affrontato un’udienza a Kovrov, una città vicino alla prigione nella regione di Vladimir, a est di Mosca. I critici più aspri del presidente Vladimir Putin hanno preso parte all’udienza di una denuncia che ha presentato contro i funzionari della prigione russa.

In una teleconferenza quotidiana con i giornalisti, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha rifiutato di commentare la sua vittoria all’Oscar, dicendo di non aver visto il film e quindi “non avrebbe senso dire nulla” al riguardo. Ha aggiunto che “Hollywood a volte non esita a politicizzare i propri affari”.

I canali della televisione di stato russa hanno ampiamente ignorato la vittoria.

L’udienza di lunedì è stata una delle numerose cause legali che un ribelle Navalny ha intentato contro i direttori della prigione per ciò che sostiene essere un abuso dei suoi diritti. Sono state programmate altre due sessioni, ma sono state rinviate a data da destinarsi.

Il documentario descrive la carriera di Navalny nella lotta alla corruzione ufficiale, il suo avvelenamento quasi fatale con un agente nervino nel 2020 che incolpa del Cremlino, il suo recupero di cinque mesi in Germania e il suo ritorno a Mosca nel 2021, dove è stato prontamente arrestato al aeroporto. Successivamente è stato condannato a due anni e mezzo di carcere, condannato l’anno scorso e condannato ad altri nove anni di carcere.

READ  Shireen Abu Aqla è stata uccisa da proiettili israeliani, secondo un'organizzazione per i diritti umani delle Nazioni Unite

Navalny ha subito pressioni incessanti da parte delle autorità. Ha trascorso diverse settimane in isolamento in una piccola “cella di punizione”, e il mese scorso è stato messo in un’unità abitativa ristretta per sei mesi. Gli vengono virtualmente negate le telefonate o le visite della sua famiglia.

Alla festa di domenica sera A Los Angeles, Rohr ha accettato l’Oscar dicendo di averlo dedicato a Navalny e a tutti i prigionieri politici del mondo.

“Alexei”, ​​ha detto, “il mondo non ha dimenticato il tuo messaggio vitale per tutti noi: non dobbiamo aver paura di opporci ai dittatori e alla tirannia ovunque alzi la testa”.

Come ha parlato la moglie di Navalny, Yulia, Dicendo: Mio marito è in prigione solo per aver detto la verità. Mio marito è in prigione per aver difeso la democrazia. Alexei, sogno il giorno in cui sarai libero e il nostro paese sarà libero. Sii forte, amore mio”.

Sua figlia Dasha ha detto ai giornalisti che l’unico modo in cui la famiglia poteva tenersi in contatto con lui era tramite lettere, poiché gli avvocati della difesa potevano fargli visita occasionalmente. Ha detto che la sua salute stava peggiorando, il che era preoccupante.

Lyubov Sobol, alleato di lunga data di Navalny, ha dichiarato in un’intervista all’Associated Press che il successo del documentario è “un segnale importante che il mondo sta vedendo gli sforzi della lotta per la democrazia in Russia, e il mondo sta sostenendo i coraggiosi e persone coraggiose che hanno sfidato Vladimir Putin e hanno combattuto la lotta ingiustamente.” male simbiotico, che ora tormenta il mondo intero e l’Ucraina in primis.

READ  Un dingo attacca una donna che corre sulla spiaggia di un'isola australiana, lasciandola in ospedale

“È una vittoria molto importante ed ero incredibilmente felice”, ha detto Sobol.

Un’altra alleata di Navalny, Maria Pevchikh, ha scritto su Instagram: “Alexei, questo è il tuo premio. Non si tratta del film. Si tratta del fatto che quello che fai non può lasciare nessuno indifferente. Che sia in Russia, a Hollywood o altrove”. .(Sei un vero eroe.”

___

Ha contribuito il giornalista dell’Associated Press Kostya Manenkov a Tallinn.

___

Per una maggiore copertura degli Academy Awards di quest’anno, visita: https://apnews.com/hub/academy-awards