Maggio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un comandante iraniano è stato condannato a 13 anni di carcere per aver abbattuto un aereo di linea ucraino

Un comandante iraniano è stato condannato a 13 anni di carcere per aver abbattuto un aereo di linea ucraino

(CNN) Domenica, fino a 10 militari iraniani sono stati giudicati colpevoli da un tribunale di Teheran per il loro coinvolgimento nell’abbattimento dell’aereo di linea Volo Ukraine International Airlines 752 Nel 2020, secondo il semi-ufficiale Mehr News iraniano.

Ma il verdetto è stato liquidato come un “falso verdetto” dalle famiglie delle vittime, che hanno affermato che le autorità iraniane non sono riuscite a perseguire i responsabili ultimi del disastro.

Il principale imputato nel processo era l’anonimo comandante del sistema di difesa missilistica terra-aria Tor M1 che ha abbattuto l’aereo, uccidendo tutte le 176 persone a bordo. Il comandante è stato condannato a 13 anni di carcere, secondo Mehr.

Il Boeing 737 è partito dall’aeroporto Imam Khomeini di Teheran l’8 gennaio 2020 e si stava dirigendo verso la capitale ucraina, Kiev, quando è stato colpito da missili antiaerei poco dopo il decollo.

giorni dopo la caduta, riconosciuto dalle autorità iraniane che la sua forza aerospaziale del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche aveva erroneamente abbattuto l’aereo dopo che un operatore della difesa aerea lo aveva identificato erroneamente come un missile da crociera.

Nella sentenza finale emessa domenica dal tribunale di Teheran, il tribunale ha affermato che l’aereo passeggeri è stato abbattuto a causa di un “errore umano”. La corte ha affermato, secondo Mehr, che il comandante ha sparato missili contro aerei civili due volte, “contrariamente agli ordini del centro di comando e ad altre istruzioni”.

Mehr ha affermato che gli altri imputati giudicati colpevoli sono dipendenti dell’Air Defense Center.

La PS752 Victims’ Families Association, un gruppo internazionale che cerca giustizia per i morti, ha rilasciato domenica una dichiarazione in cui afferma che le famiglie delle vittime “non hanno mai riconosciuto il tribunale del sistema islamico come tribunale della Sharia”.

READ  L'accordo di governo di coalizione del Pakistan lascia il partito di Imran Khan fuori dal potere

Ha affermato che il tribunale non ha perseguito i “principali autori” dell’incidente, perseguendo invece “dieci ufficiali di basso rango con le loro origini e identità completamente nascoste”.

L’associazione ha denunciato il processo e lo ha definito un “falso verdetto” dopo che le udienze del processo si sono svolte in privato e le famiglie delle vittime non hanno partecipato alle udienze. Ha aggiunto che più di 70 denunce delle famiglie delle vittime hanno ritirato le loro denunce prima che il verdetto fosse emesso e hanno respinto la giurisdizione del tribunale.

Il gruppo ritiene che il caso sia ancora aperto e chiede che la Corte internazionale di giustizia esamini la controversia.

L’abbattimento dell’aereo passeggeri è avvenuto in un momento di accresciute tensioni con gli Stati Uniti, poche ore dopo che l’Iran ha lanciato attacchi di missili balistici su una base statunitense in Iraq – un atto di rappresaglia per l’uccisione del comandante della Forza Quds iraniana, Qassem Soleimani, da parte di un Drone statunitense.

A quel tempo migliaia di manifestanti antigovernativi a Teheran Sono scesi in piazza Per denunciare l’accaduto, alcuni hanno chiesto la rimozione del leader iraniano e la persecuzione dei responsabili.

Di quelli uccisi nell’incidente, 138 erano viaggiatori in Canada, secondo CBC. Le vittime includevano 82 iraniani, 63 canadesi, 11 ucraini, 10 svedesi, quattro afgani, tre tedeschi e tre britannici.