Agosto 14, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un asteroide vicino alla Terra ha una superficie simile a una fossa di plastica

Un asteroide vicino alla Terra ha una superficie simile a una fossa di plastica

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Secondo gli scienziati della NASA, un asteroide vicino alla Terra chiamato Bennu si rivela pieno di sorprese: più recentemente il fatto che la sua superficie assomigli a un cratere di palline di plastica.

La nuova rivelazione arriva dopo l’agenzia spaziale Ha raccolto con successo un campione dell’asteroide nell’ottobre 2020.

Durante lo storico evento di assemblaggio, la testa di campionamento della navicella OSIRIS-REx è affondata per 0,5 metri nella superficie dell’asteroide. Apparentemente, l’esterno di Bennu è costituito da particelle legate in modo lasco che non sono legate insieme in modo molto sicuro, a giudicare da ciò che è successo quando il veicolo spaziale ha raccolto un campione. Se la navicella spaziale Non ha lanciato di nuovo il suo razzo dopo il rapido accumulo di polvere e rocce, potrebbe essere affondato direttamente nell’asteroide.

“Quando abbiamo lanciato i nostri propulsori per lasciare la superficie, stavamo ancora affondando nell’asteroide”, ha detto in una dichiarazione Ron Blose, uno scienziato dell’OSIRIS-Rex presso il Johns Hopkins Applied Physics Laboratory di Laurel, nel Maryland. Blues è coautore di un paio di studi di luglio pubblicati sulle riviste Scienze E il progresso della scienza sulla scoperta.

Bennu è un asteroide simile a un mucchio di macerie a forma di trottola, costituito da rocce legate insieme dalla gravità. È largo circa un terzo di miglio (500 metri).

“Se Bennu è completamente pieno, ciò implicherebbe una roccia quasi solida, ma abbiamo trovato molto vuoto in superficie”, ha affermato il coautore dello studio Kevin Walsh, membro del team scientifico OSIRIS-REx del Southwest Research Institute di Boulder , Colorado. . , nella situazione attuale.

Quindi cosa sarebbe successo se i propulsori della navicella spaziale non si fossero attivati ​​immediatamente?

Il coautore dello studio Patrick Michel, scienziato dell’OSIRIS-REx e direttore della ricerca presso il Centro nazionale per la ricerca scientifica presso l’Osservatorio della Costa Azzurra a Nizza, in Francia, ha affermato.

Fortunatamente, la navicella spaziale e il suo prezioso campione sono tornati sulla Terra. Il campione di Bennu lo è L’atterraggio è previsto per settembre 2023.

Quando il veicolo spaziale è arrivato a Bennu nel dicembre 2018, il team di OSIRIS-REx è rimasto sorpreso nello scoprire che la superficie dell’asteroide era ricoperta di roccia. Precedenti osservazioni li avevano preparati per un terreno sabbioso simile a una spiaggia.

Gli scienziati hanno anche assistito al lancio nello spazio di particelle dell’asteroide.

“Le nostre previsioni sulla superficie dell’asteroide erano completamente sbagliate”, ha dichiarato l’autore dello studio Dante Loretta, ricercatore principale di OSIRIS-Rex presso l’Università dell’Arizona, a Tucson.

Il veicolo spaziale ha scattato foto del sito in cui ha raccolto un campione da Bennu, sconcertando ulteriormente la squadra. Sebbene Osiris Rex abbia delicatamente infastidito l’asteroide, ha scaricato un’enorme quantità di detriti rocciosi e ha lasciato un cratere largo 26 piedi (8 m).

“Quello che abbiamo visto era un enorme muro di detriti che si irradiava dal sito campione”, ha detto Loretta, professoressa di scienze planetarie e chimica cosmica presso il Lunar and Planetary Laboratory dell’Università dell’Arizona. Eravamo tipo, ‘Santa vacca! “Ogni volta che abbiamo testato la procedura di acquisizione del campione in laboratorio, abbiamo a malapena creato un’apertura”.

Le immagini prima e dopo il sito di atterraggio mostrano la differenza drammatica. Le immagini rivelano quella che sembra essere una depressione in superficie, con diversi grandi massi alla base. L’evento di campionamento stesso probabilmente ha causato questa forma del suolo affondata. La superficie scura dell’asteroide contiene anche polvere riflettente vicino al punto di raccolta, che mostra dove sono state trasportate le rocce durante l’evento. Queste modifiche sono visibili nel dispositivo di scorrimento in basso.

Università dell’Arizona/Goddard/NASA

Analizzando i dati di accelerazione del veicolo spaziale, il team ha stabilito che ha incontrato pochissima resistenza, la stessa quantità che qualcuno potrebbe sentire premendo il pistone in una macchina da caffè francese.

Comprendere di più sulla formazione di Bennu potrebbe aiutare gli scienziati a studiare altri asteroidi, sia che l’obiettivo sia pianificare missioni come OSIRIS-REx o proteggere la Terra da potenziali collisioni con rocce spaziali.

Un asteroide come Bennu, legandosi a malapena insieme, potrebbe sfondare l’atmosfera terrestre, il che potrebbe comportare altri rischi anche se non fosse un colpo diretto.

“Dobbiamo continuare ad avere un’interazione fisica con quei corpi perché questo è davvero l’unico modo per determinare le loro proprietà meccaniche e la loro risposta alle azioni esterne”, ha detto Michel. “Le immagini sono importanti ma non ci danno una risposta sul fatto che siano deboli o forti”.

OSIRIS-REx – che sta per Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security-Regolith Explorer – è stata la prima missione della NASA ad essere inviata su un asteroide vicino alla Terra e una volta lì ha eseguito l’orbita più vicina di un oggetto planetario da parte di un veicolo spaziale a Data. Bennu è l’oggetto più piccolo che una navicella spaziale abbia mai orbitato.

Il memoriale della navicella spaziale Bennu è il più grande campione raccolto da una missione della NASA da quando gli astronauti dell’Apollo hanno restituito le rocce lunari.

Una volta che Osiris Rex si avvicinerà alla Terra nel 2023, scaricherà la capsula contenente il campione, che sparerà attraverso l’atmosfera terrestre e si paracaduterà nel deserto dello Utah.

Se OSIRIS-REx è ancora sano dopo essere caduto dal campione, inizierà una nuova spedizione per studiare altri asteroidi.

READ  La frequenza delle esplosioni radio veloci dallo spazio è un mistero. Questo è ancora più insolito