Maggio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Tutta la forza di Denver viene mostrata in Gara 1 contro i Lakers, quando la difesa del titolo inizia con una vittoria

Tutta la forza di Denver viene mostrata in Gara 1 contro i Lakers, quando la difesa del titolo inizia con una vittoria

Era vicino, finché non lo era più.

Anche i Lakers erano in vantaggio, in vantaggio per 60-57 all'intervallo, grazie a una tripla di LeBron James prima della sirena, fino a quando il parziale di 20-4 dei Nuggets è stato interrotto da un parziale di 89-78 alla fine di tre frame. Denver ha guidato Los Angeles di ben 14 punti in quel terzo quarto ricco di slancio, mentre l'ex Laker Kentavious Caldwell-Pope ha segnato quattro triple per coronare diversi possedimenti di tris per i campioni in carica, portando infine a casa la prima partita . Vincere 114-103.

La sinergia e la continuità di Denver erano in piena mostra, con la sua formazione di cinque uomini con Nikola Jokic e Jamal Murray, con Caldwell-Pope, Aaron Gordon e Michael Porter Jr., che completavano il tutto, canticchiando con tale intesa che era come se stessero finendo le reciproche frasi. Possono giocare al proprio ritmo e ritmo. Possono coordinare look spalancati con relativa facilità. Quando Jokic ha trovato Caldwell-Pope nell'angolo opposto, Gordon stava già scivolando davanti ad Anthony Davis per tenerlo fuori dalla gara. Quando Jokic ha ricevuto un bel passaggio da Murray, Gordon stava già scivolando dalla linea di fondo per saltare per un altro layup. Quando i Nuggets iniziano a girarsi, Porter è pronto per passare alla tripla successiva.

“Man mano che la partita andava avanti, man mano che i ragazzi diventavano sempre più composti, ho pensato che il terzo quarto fosse stato grandioso, ma pensavo davvero che la fine del secondo quarto sarebbe davvero tornata e ci avrebbe permesso di andare lontano e avere il grande risultato. terzo quarto che abbiamo avuto”, ha detto l’allenatore dei Nuggets Michael Malone.

READ  Il futuro di Lionel Messi: Barcellona, ​​Arabia Saudita o Miami?

Sì, i Lakers hanno ridotto il divario dai Nuggets a soli sei punti a sei minuti dalla fine del quarto. Ma Denver ha salvato questa partita dalle fauci del dubbio durante la corsa del terzo quarto e non ha mai guardato indietro nella prima partita. Il punto esclamativo negli ultimi minuti della gara, quando Gordon Jokic ha superato il palo alto e Jokic ha lanciato una palla alta a Murray in entrata, ci ha ricordato quanto possano essere intercambiabili questi pezzi del puzzle a Denver. Questa potrebbe essere la vera forza dell'intera formazione cablata dei Nuggets.

Il pick-and-roll di Jokic e Murray è inarrestabile e gli allenatori avversari temono che sia una delle coppie più difficili da difendere nel basket. Tuttavia, i Nuggets possono gestire la loro offensiva attraverso Gordon. Caldwell-Pope e Porter fungono entrambi da schermi killer e da distanziatori a pavimento. Tutti e cinque i titolari hanno visto più di 32 minuti. Avrebbero potuto segnare tutti di più. Hanno girato la palla solo una volta per tutta la serata. L'intera unità si arrampica, tutti vulnerabili a saltare una corsia di sorpasso o ad abbattere il tentativo di qualcuno nell'area.

“È dura”, ha detto l'allenatore dei Lakers Darvin Ham. “La squadra del campionato non si sconfiggerà da sola”.

DENVER, COLORADO - 20 APRILE: Aaron Gordon (50) dei Denver Nuggets va a canestro contro LeBron James (23) dei Los Angeles Lakers nel primo quarto durante il primo round dei playoff NBA alla Ball Arena di Denver, Colorado, sabato , 20 aprile 2024. (Foto di Andy Cross/MediaNews Group/The Denver Post tramite Getty Images)

Aaron Gordon va a canestro contro LeBron James nel primo quarto di Gara 1. (Foto di Andy Cross/MediaNews Group/The Denver Post tramite Getty Images)

La piena forza di Denver sembrava più evidente quando James e Anthony Davis ricevevano contributi minimi dal cast di supporto dei Lakers. Nonostante un primo tempo difficile con 32 punti e 14 rimbalzi di James e Davis, Los Angeles ha visto D'Angelo Russell tirare 1 su 9 dalla lunga distanza, Rui Hachimura totalizzare solo sette punti e avere bisogno di Austin Reeves fino al quarto quarto per produrre qualsiasi risultato tangibile. impatto. Gabe Vincent, che è stato acquisito dai Lakers come free agent, si è infortunato per gran parte della stagione regolare, ha commesso tre falli veloci mentre cercava di proteggere Murray e giocherà poco più di sette minuti, uno lontano da una ritorsione vittoriosa contro una squadra dei Nuggets che ha sconvolto i Miami Heat di Vincent. Nelle finali dello scorso anno, Denver ha battuto i Lakers nelle finali della Western Conference.

READ  Rapporto: I Panthers inizialmente volevano che Baker Mayfield prendesse un taglio di $ 7 milioni

Per la maggior parte delle due stagioni, Denver ha semplicemente avuto una completezza a cui poche squadre possono paragonarsi – e quel gruppo potrebbe includere solo i Boston Celtics, leader dell'Est, al termine di questa stagione. I Nuggets si assicurano di lasciare sempre Jokic o Murray sul campo. Jokic ha portato la seconda unità di Denver alla fine del primo quarto. Murray ha preso il comando all'inizio del quarto quarto mentre DeAndre Jordan, uscito dalla panchina di Denver, ha fornito minuti positivi proprio come aveva fatto durante la corsa ai playoff dell'anno scorso.

I Nuggets giocano inevitabilmente, poiché una corsa potente come un turnover del terzo quarto è sempre in agguato dietro l'angolo. Forse Los Angeles ha un altro aspetto oltre a proteggere Jokic con una combinazione di Hachimura e poi Davis. È improbabile che i tiratori dei Lakers portino quel tipo di scintilla in più in altre tre partite. Tuttavia, Denver sembra non avere una risposta a nessun nuovo problema. I Nuggets di Malone hanno superato ogni prova a cui sono stati sottoposti da tempo.