Giugno 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Türkiye vota al ballottaggio, Erdogan è in condizione di prolungare la pena

Türkiye vota al ballottaggio, Erdogan è in condizione di prolungare la pena

  • Erdogan è in vantaggio dopo aver vinto il primo turno
  • Lo sfidante Kilicdaroglu lo segue di quasi cinque punti
  • La forte prestazione di Erdogan ha sfidato i sondaggi d’opinione e ferito l’umore dell’opposizione
  • Il voto nazionalista si è diviso con un sostegno diverso
  • Erdogan attende con impazienza il terzo decennio di governo e i critici temono il “regime individuale”

ANKARA (Reuters) – I turchi hanno votato domenica in un ballottaggio presidenziale che potrebbe vedere Tayyip Erdogan estendere il suo governo fino a un terzo decennio e continuare l’approccio sempre più autoritario della Turchia, la politica estera aggressiva e il governo economico non ortodosso.

Erdogan, 69 anni, ha sfidato i sondaggi e ha mantenuto un comodo vantaggio di quasi cinque punti sul rivale Kemal Kilicdaroglu al primo turno del 14 maggio. Con conseguenze disastrose per la stessa Türkiye e per la geopolitica globale.

La sua prestazione inaspettatamente forte in mezzo a una crisi del costo della vita sempre più profonda e la sua vittoria alle elezioni parlamentari per una coalizione del Partito conservatore per la giustizia e lo sviluppo, l’MHP e altri, hanno incoraggiato l’attivista veterano che ha affermato che il voto per lui è stato un voto per la stabilità .

Le elezioni determineranno non solo chi guiderà la Turchia, un membro della NATO di 85 milioni di persone, ma anche come sarà governata, dove si dirigerà la sua economia dopo che la sua valuta è scesa a un decimo del suo valore rispetto al dollaro in un decennio, e la forma della sua politica estera, che ha fatto sì che la Turchia stia facendo arrabbiare l’Occidente sviluppando relazioni con la Russia e gli stati del Golfo.

READ  Gli incendi sono scoppiati nel nord di Israele dopo gli attacchi transfrontalieri provenienti dal Libano

Nella città sudorientale a maggioranza curda di Diyarbakir, il pensionato Farouk Jijel, 54 anni, ha dichiarato di aver votato per Erdogan come aveva fatto due settimane fa.

“È importante per il futuro della Turchia che il presidente e il parlamento, dove ha la maggioranza, lavorino insieme sotto lo stesso tetto. Quindi ho votato di nuovo per Erdogan per la stabilità”, ha detto.

La casalinga Canan Tennis, 34 anni, ha dichiarato di aver votato per Kilicdaroglu, che il 14 maggio ha raccolto quasi il 72% di consensi in città, la principale roccaforte del partito di opposizione filo-curdo.

“Ora basta. Il cambiamento è necessario per superare la crisi economica ei problemi che la Turchia sta affrontando, quindi ho votato nuovamente per Kilicdaroglu. Siamo ottimisti e determinati”, ha detto.

La votazione è iniziata alle 8:00 (05:00 GMT) e terminerà alle 17:00 (14:00 GMT). Il risultato avrebbe dovuto iniziare a essere mostrato in prima serata.

Kilicdaroglu, 74 anni, è il candidato della coalizione di opposizione di sei partiti e guida il Partito popolare repubblicano, fondato dal fondatore della Turchia, Mustafa Kemal Ataturk. Il suo campo ha faticato a riprendere slancio dopo aver scioccato Erdogan al primo turno.

Le elezioni primarie hanno mostrato più sostegno del previsto per il nazionalismo, una forza potente nella politica turca che è stata intensificata da anni di combattimenti con i militanti curdi, un tentativo di colpo di stato nel 2016 e un afflusso di milioni di rifugiati dalla Siria dall’inizio della guerra. 2011.

La Turchia è il paese che ospita più rifugiati al mondo, con circa 5 milioni di migranti, di cui 3,3 milioni sono siriani, secondo i dati del ministero dell’Interno.

Il terzo candidato presidenziale e nazionalista intransigente Sinan Ogan ha dichiarato di sostenere Erdogan sulla base del principio della “lotta continua (contro il terrorismo)” in riferimento ai gruppi filo-curdi. Ha ottenuto il 5,17% dei voti.

Un altro nazionalista, Umit Özdağ, leader del Partito della vittoria anti-immigrati (ZP), ha annunciato un accordo che annuncia il sostegno dello ZP a Kilicdaroglu, dopo aver detto che avrebbe rimpatriato i migranti. Lo ZP ha ottenuto il 2,2% dei voti alle elezioni parlamentari di questo mese.

Un sondaggio Kunda ravvicinato al ballottaggio ha mostrato il sostegno a Erdogan al 52,7% e Kilicdaroglu al 47,3% dopo la distribuzione degli elettori indecisi. Il sondaggio è stato condotto dal 20 al 21 maggio, prima che Ogan e Ozdag rivelassero la loro approvazione.

L’altra chiave è come voteranno i curdi di Türkiye, che costituiscono circa un quinto della popolazione.

Il Partito democratico popolare filo-curdo ha appoggiato Kilicdaroglu al primo turno, ma dopo essersi appoggiato a destra per ottenere voti nazionalisti, non lo ha nominato apertamente e ha esortato gli elettori a respingere il “regime individuale” di Erdogan. nel deflusso superficiale.

“Più Erdoğan”

Il presidente turco ha fatto del suo meglio durante la sua campagna elettorale mentre lottava per sopravvivere alla sua prova politica più dura. Comanda una feroce lealtà dai turchi turchi che una volta si sentivano privati ​​dei diritti civili nella Turchia laica e la sua carriera politica è sopravvissuta a falliti colpi di stato e scandali di corruzione.

READ  Un giudice ha stabilito che il principe Harry non era stato ingiustamente privato dei suoi agenti di sicurezza nel Regno Unito in seguito alla mossa degli Stati Uniti

“La Turchia ha una lunga tradizione democratica e una lunga tradizione nazionalista, ed è chiaramente la tradizione nazionalista che sta vincendo in questo momento”, ha detto Nicholas Danforth, storico turco e non storico della Turchia. e orgoglio nazionale, presentando agli elettori una vena aggressiva e antielitaria”. – Resident fellow presso il think tank ELIAMEP.

“Più Erdogan significa più Erdogan. La gente sa chi è e qual è la sua visione del Paese, e molti di loro sembrano essere d’accordo”.

Erdoğan ha saldamente controllato la maggior parte delle istituzioni turche e le frange di liberali e critici. Human Rights Watch ha affermato, nel suo World Report 2022, che il governo di Erdogan ha ripristinato la situazione dei diritti umani in Turchia per decenni.

Tuttavia, se i turchi rovesciano Erdogan, sarà in gran parte perché hanno visto la loro prosperità, uguaglianza e capacità di soddisfare i bisogni di base, con l’inflazione che salirà all’85% nell’ottobre 2022.

Kilicdaroglu, un ex funzionario pubblico, ha promesso di annullare molti dei radicali cambiamenti apportati da Erdogan alle politiche interne, estere ed economiche della Turchia.

Tornerà anche a un sistema di governo parlamentare, dal sistema presidenziale esecutivo di Erdogan, che è stato approvato di misura in un referendum del 2017.

Segnalazione aggiuntiva di Jonathan Spicer a Istanbul. Scritto da Alexandra Hudson. Montaggio di Jonathan Spicer, Nick McPhee e Kim Coghill

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.