Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Svizzera: la polizia ha sparato e ucciso un sequestratore che trasportava un'ascia sul treno

Svizzera: la polizia ha sparato e ucciso un sequestratore che trasportava un'ascia sul treno

  • Scritto da Imogen Foulkes e Ian Casey
  • BBC News, Ginevra e Londra

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

La polizia ha cercato di parlare con il sequestratore per diverse ore

Giovedì sera la polizia svizzera ha ucciso a colpi d'arma da fuoco un uomo che aveva preso in ostaggio 15 passeggeri di un treno.

Il sequestratore, che si dice fosse un richiedente asilo iraniano di 32 anni, è salito su un treno locale vicino a Yverdon.

Il macchinista è stato costretto a fermare il treno e a unirsi ai passeggeri nella carrozza.

I rapporti della polizia dicono che gli agenti hanno preso d'assalto il treno e “hanno ferito a morte l'uomo” dopo che questi li aveva attaccati. Tutti gli ostaggi sono stati rilasciati illesi.

Secondo i media locali, le autorità sono state allertate dai passeggeri del treno ed erano presenti più di 60 agenti.

La polizia, inclusa un'unità speciale di Ginevra, ha circondato il treno e ha cercato per diverse ore di parlare con l'uomo in inglese e persiano, senza alcun risultato.

A tarda notte, quando hanno notato che il sequestratore si stava allontanando dai passeggeri, hanno preso d'assalto il treno usando granate stordenti.

Secondo i rapporti della polizia, l'uomo ha aggredito la polizia, che a quel punto ha usato armi da fuoco per proteggere se stesso e gli ostaggi, e il sequestratore è stato colpito.

La polizia afferma che il motivo della presa di ostaggi non è chiaro. Uno dei passeggeri del treno ha detto che l'autore del reato sembrava “molto nervoso”.

Rapporti locali riferiscono che gli ostaggi e le loro famiglie ricevono sostegno dal dipartimento psicologico del servizio sanitario svizzero.

Dell'uomo si sa poco, tranne che è di origine iraniana ed è stato assegnato al centro per richiedenti asilo di Neuchâtel.

In Svizzera i casi di presa di ostaggi sono rari, ma già in passato si sono verificati in banche e aziende. Nel gennaio 2022, i dipendenti di un'azienda orologiera sono stati presi in ostaggio e costretti ad aprire un caveau.

READ  Ultime notizie sulla Russia e la guerra in Ucraina