Giugno 26, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Starliner decolla per il suo primo volo con gli astronauti della NASA a bordo

Starliner decolla per il suo primo volo con gli astronauti della NASA a bordo

Dopo due viaggi sulla rampa di lancio che non si sono conclusi nello spazio, mercoledì due astronauti della NASA sono finalmente andati in orbita a bordo di un veicolo costruito dal gigante aerospaziale Boeing.

Il volo inaugurale della Starliner, una capsula larga 15 piedi con astronauti a bordo, arriva quattro anni e sei giorni dopo che SpaceX, l’altra società assunta dalla NASA per fornire voli agli astronauti, ha lanciato la sua prima missione con astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale . La Boeing dovrebbe ora offrire anche questo servizio, ma una serie di costosi ritardi ha impedito agli astronauti di far volare prima il veicolo della compagnia. SpaceX, una volta vista come una startup, ha portato in orbita 13 equipaggi in totale.

Il tanto atteso volo della navicella spaziale Boeing è l’ultimo passo negli sforzi della NASA per fare maggiore affidamento sul settore privato per il suo programma di volo spaziale umano.

“Questa è un’altra pietra miliare in questa straordinaria storia della NASA”, ha dichiarato l’amministratore della NASA Bill Nelson durante una conferenza stampa post-lancio.

Quando lo Starliner arriverà alla stazione spaziale giovedì, si unirà a una capsula SpaceX Crew Dragon già attraccata lì. I funzionari della NASA hanno costantemente sottolineato di voler avere due diversi veicoli spaziali americani in grado di trasportare gli astronauti in orbita.

“Ci piace sempre avere un backup”, ha detto Nelson. “Questo lo rende più sicuro per i nostri astronauti”.

Se la missione del veicolo andrà bene, fornirà anche buone notizie per Boeing, il cui record di sicurezza aerea è sotto attento esame dopo che il pannello laterale di un aereo dell’Alaska Airlines è esploso durante un volo all’inizio di quest’anno.

READ  Il telescopio James Webb trova l'acqua attorno a una cometa nella fascia principale degli asteroidi

Anche la divisione spaziale della Boeing è stata sotto pressione, con il lavoro sullo Starliner che si è protratto per anni più a lungo di quanto la società o la NASA si aspettassero. I rischi tecnici includevano test inadeguati del software, corrosione delle valvole di spinta, nastro infiammabile e un componente chiave del sistema del paracadute che si rivelò più debole del previsto.

Gli astronauti Butch Wilmore, a sinistra, e Sonny Williams lasciano l’Operations and Exit Building a Cape Canaveral mercoledì mattina.credito…Joe Raedle/Getty Images

Pochi minuti prima del lancio, Butch Wilmore, comandante della missione, ha detto: “Diamo fuoco a questo razzo, spingiamolo in cielo”.

Sonny Williams, l’altro membro dell’equipaggio in servizio come pilota, ha aggiunto: “Andiamo, Calypso, portaci nello spazio e ritorno”, riferendosi al nome che ha dato alla capsula, dalla nave utilizzata dall’oceanografo Jacques Cousteau.

video

testo

“Sonny e io siamo onorati di condividere il sogno del volo spaziale con ognuno di voi. Quindi andiamo avanti, diamo fuoco a questo razzo e spingiamolo in cielo, mentre questi potenti americani si preparano vai, Calipso. Portaci nello spazio e ritorno.”

creditocredito…NASA tramite Reuters

Alle 10:52 ET, i motori del razzo Atlas 5 si accesero, sollevando la navicella spaziale Starliner su una traiettoria curva nello spazio. Il lancio e le prime parti del viaggio orbitale di oggi sono stati un gradito sollievo, poiché si sono svolti senza intoppi.

video

testo

“Houston, Starliner. Sì.”

Il lettore video si sta caricando
creditocredito…NASA tramite Reuters

“Sto sorridendo, credetemi”, ha detto Mark Nappi, il funzionario Boeing responsabile dello Starliner. “Ma c’è un po’ di sopraffazione emotiva, perché ci sono molte fasi in questa missione. E abbiamo appena completato la prima parte.”

video

testo

“Hai avuto un bel soffocamento.” “Buona strozzatura.” “La stanchezza dell’SRB è positiva”. “Buon SRB.”

Il lettore video si sta caricando
creditocredito…NASA tramite Reuters

Si è verificato un piccolo malfunzionamento nel sistema che fornisce il raffreddamento durante il volo in orbita. Il sistema di raffreddamento, noto come sublimatore, utilizzava un po’ più acqua del previsto. Una volta raggiunta l’orbita, la navicella spaziale è passata a un diverso sistema di raffreddamento, quello criogenico, e sebbene gli ingegneri indagheranno su ciò che è accaduto, ciò non influirà sulla missione.

L’arrivo del signor Wilmore e della signora Williams alla stazione è previsto giovedì alle 12:15.

Lungo il percorso, il signor Wilmore e la signora Williams si prenderanno del tempo per testare manualmente il volo della navicella spaziale, cosa che di solito non è necessaria tranne che in situazioni di emergenza. Anche i sistemi di supporto vitale saranno completamente controllati.

Gli astronauti trascorreranno quindi almeno otto giorni sulla stazione spaziale prima di tornare sulla Terra. La missione ha 87 obiettivi di prova in totale. “Esistono molti di questi tipi, li definirei tipi confortevoli di bersagli per i test di volo”, ha affermato Nappi. “Come si adattano i sedili? Come funzionano le tute? Come sono i display?”

Dopo la missione, la NASA e Boeing esamineranno i dati del volo per completare la certificazione Starliner. La navicella spaziale sarà quindi pronta per iniziare i voli operativi una volta all’anno per trasportare gli equipaggi della NASA per un soggiorno di sei mesi presso la stazione spaziale. Ogni capsula Starliner – Boeing ne ha due per le missioni orbitali – è progettata per 10 missioni.

video

Il lettore video si sta caricando
creditocredito…NASA tramite Reuters

La strada per il viaggio di mercoledì è in costruzione da anni.

Nel 2014, la NASA ha assegnato contratti a Boeing e SpaceX, la compagnia missilistica gestita da Elon Musk, per costruire sostituti per le navette spaziali che trasportavano gli astronauti da e verso la stazione spaziale prima che andassero in pensione nel 2011. La NASA aveva iniziato a pagare la Russia per far volare i suoi aereo spaziale. Astronauti in orbita sui razzi Soyuz.

Il Congresso era scettico e ridusse ripetutamente i fondi richiesti dalla NASA per il programma dell’equipaggio commerciale. All’epoca SpaceX era in crescita, ma non era la forza dominante che è oggi nel settore del lancio di razzi. La scelta di Boeing ha contribuito a rassicurare i legislatori sul fatto che la NASA stava facendo un buon investimento.

Inizialmente la NASA aveva affermato che Starliner e Crew Dragon di SpaceX avrebbero potuto essere pronti entro il 2017.

Entrambi hanno richiesto più tempo del previsto, cosa insolita nel settore aereo.

Ma nel dicembre 2019, Boeing sembrava aver raggiunto i suoi limiti. Poi un test dello Starliner senza astronauti a bordo fallì a causa di problemi al software e l’attracco previsto fu annullato. La NASA ha descritto il volo come “una chiamata ravvicinata ad alta definizione” perché i difetti del software avrebbero potuto distruggere il veicolo spaziale se non fossero stati riparati prima di rientrare nell’atmosfera.

Una capsula Starliner in aprile, lanciata dal Commercial Crew and Cargo Processing Facility di Cape Canaveral.credito…Chandan Khanna/AFP – Getty Images

Boeing e NASA hanno deciso di ripetere il test senza pilota, ma questo test è stato ritardato a causa dell’usura delle valvole di spinta e lo Starliner non è stato lanciato nuovamente fino a maggio 2022.

Poi sono sorti altri problemi. Il nastro protettivo che era avvolto attorno all’isolamento del filo si rivelò infiammabile e un componente chiave ma vulnerabile del sistema di paracadute si sarebbe rotto se i tre paracadute dello Starliner non si fossero aperti correttamente.

Questi ritardi sono costati a Boeing 1,4 miliardi di dollari e, mentre lo Starliner è rimasto sulla Terra, SpaceX ha lanciato nove missioni con equipaggio per la NASA (una delle quali, Crew-8, è attualmente attraccata alla stazione) e quattro missioni commerciali aggiuntive con passeggeri non NASA a bordo. .

Il ciclo di tentativi di lancio di quest’anno è iniziato il 6 maggio. Il volo venne interrotto a causa di un guasto alla valvola del razzo Atlas V. Successivamente fu scoperta una piccola perdita di elio nel sistema di propulsione dello Starliner, che portò a diverse settimane di indagini.

Il secondo tentativo di lancio di sabato è durato 3 minuti e 50 secondi prima del decollo, finché i computer che gestivano in modo indipendente le parti finali della sequenza di lancio non hanno riscontrato un problema e hanno interrotto il conto alla rovescia.

Nei giorni successivi, i tecnici hanno sostituito il componente di alimentazione difettoso, aprendo la strada al successo del lancio mercoledì.

Neeraj Chokshi Contributo ai rapporti.