Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Star Wars: Battlefront Classic Collection utilizzava mod senza credito

Star Wars: Battlefront Classic Collection utilizzava mod senza credito

Un designer che ritiene che il loro lavoro non accreditato sia stato incluso nella Star Wars: Battlefront Classic Collection afferma che l'intera esperienza è stata un “knockout”.

Sebbene lo sviluppatore Aspyr abbia insistito sul fatto che il set “non include alcun codice o contenuto preso da fonti non approvate”, il designer Iamashaymin ha scoperto che la sua mod era inclusa solo nel primo trailer del set – qualcosa che Aspyr ha detto è stato fatto “per errore” – ma anche in finale.


Collezione STAR WARS™ Battlefront Classic – Trailer di lancio

Collezione STAR WARS Battlefront Classic – Trailer di lancio.

“Questa versione è stata un completo disastro. Il fatto che abbiano dovuto rilasciare patch prima e subito dopo il lancio di giochi vecchi di vent'anni dice davvero tutto”, ha detto Yamashamin. IGN. “Soprattutto considerando che si dice che una parte delle patch abbia rimosso contenuti che in realtà avevano dichiarato essere stati rimossi mesi fa.

“Non c'è davvero nient'altro che posso dire che gli altri giocatori non stiano già urlando, è una sensazione terribile essere così emozionati per una partita come questa e mancare completamente il bersaglio. È una battuta finale terribile”.

Star Wars: Battlefront Classic Collection continua a combattere il crescente malcontento dei giocatori che si lamentano dei bug e della scarsa modalità multiplayer online.

READ  Offerte per iPad del Black Friday Blog in diretta: le migliori offerte su Apple iPad, iPad Pro e altro

Di conseguenza, la community di modding era “pronta per il momento”. [Aspyr] ha annunciato il gioco”, anche perché i modder “hanno notato anche molti problemi visivi e smontare i file ha solo fatto apparire orrori peggiori”.

“Speravamo di apportare miglioramenti da cui poter trarre vantaggio per migliorare le prestazioni e, naturalmente, saremmo stati pronti a trasferire il contenuto modificato e svilupparlo nuovamente per funzionare con nuovi giochi. Molti giocatori in generale speravano in un miglioramento generale correzioni di bug comunque”, come il famoso problema in cui nella Morte Nera, il numero di biglietti per un booster della squadra verrà esaurito al doppio della velocità e le linee vocali non verranno mai riprodotte a causa di un semplice errore di battitura”, ha spiegato Iamashaymin.

“Ciò che abbiamo trovato al momento del rilascio era un gioco molto rotto, con molti problemi che avevamo risolto in passato. Inoltre, il supporto delle mod per entrambi i giochi era gravemente danneggiato nonostante funzionasse a malapena in Battlefront 2. (Tutte le mod per Battlefront 1 sono ora rotto.)

“Ci sono molti di questi casi strani che annunciano semplicemente un rapido sviluppo”, ha aggiunto Yamachaimin. “Alcune texture del gioco sono confuse con quelle di Battlefront 1, ad esempio le acque di Kashyyyk assomigliano più al blu di Battlefront 1 e non al grigio di Battlefront 2, e le mappe DLC stesse utilizzano texture completamente sbagliate in un molti posti.” Yamashaimin ha spiegato.

“Queste sono tutte cose che possiamo sistemare altrimenti non le avremmo interrotte fin dall'inizio. Ogni poche ore, c'è qualcosa di nuovo che dobbiamo esaminare e aggiungere al nostro elenco di soluzioni pianificate. E questo non è nemmeno iniziato toccare i contenuti e le funzionalità di altre versioni rilasciate di questi giochi di 20 anni fa non esistono, come lo schermo diviso a quattro schermi.

READ  Sony ancora una volta plaude all'inversione "irrazionale" dell'autorità di regolamentazione del Regno Unito sull'accordo con Microsoft Activision

Asper non ha ancora risposto alle richieste di commento.

Il bundle, che verrà lanciato il 14 marzo su Nintendo Switch, PC, PlayStation e Xbox, contiene sia l'originale Star Wars: Battlefront che il suo seguito, Star Wars: Battlefront 2, rispettivamente del 2004 e del 2005, oltre a contenuti aggiuntivi rilasciati. per ciascuno.

Da allora Aspyr ha fornito un aggiornamento per Star Wars: Battlefront Classic Collection, attribuendo i problemi online a “bug critici”.

“Al momento del lancio, abbiamo riscontrato errori critici nella nostra infrastruttura di rete”, ha affermato Aspyr sul suo sito web. Ciò ha provocato “ping incredibilmente alti, errori di matchmaking, arresti anomali e server che non venivano visualizzati nel browser”.

Lo sviluppatore ha affermato che ora sta lavorando per “aumentare la stabilità della rete” e ha incoraggiato i giocatori a continuare a segnalare bug, bug o “comportamenti inaspettati” nel gioco attraverso il suo sito di supporto.