Aprile 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Spotify attacca la “scandalosa” commissione del 27% di Apple

Spotify attacca la “scandalosa” commissione del 27% di Apple

  • Scritto da Tom Gerkin
  • Reporter di tecnologia

Fonte immagine, Immagini Getty

Spotify ha lanciato un attacco vocale alle nuove commissioni di transazione del 27% di Apple negli Stati Uniti.

Apple ha annunciato mercoledì che consentirà agli sviluppatori di app di vendere prodotti in luoghi diversi dal proprio negozio, ma solo se pagano comunque una commissione.

Spotify ha affermato che ciò è “oltraggioso” e ha accusato Apple di “non fermarsi davanti a nulla” per proteggere i propri profitti. Esorta il governo britannico a impedire che tasse simili vengano imposte nel Regno Unito.

Apple è stata contattata per un commento.

La società ha presentato la tassa negli Stati Uniti a seguito di una lunga battaglia legale con lo sviluppatore di Fortnite Epic Games.

La corte si è pronunciata a favore di Apple in diversi casi, ma infrange la legge non consentendo agli sviluppatori di app di informare le persone su altri modi di pagare, anche attraverso collegamenti che aggirano il sistema di pagamento dell'App Store di Apple.

Apple addebita agli sviluppatori più grandi il 30% per l'utilizzo di questo sistema, anche se gli sviluppatori più piccoli pagano circa il 15% e l'85% degli sviluppatori non paga alcuna commissione.

In seguito a questa sentenza, Apple ha introdotto una nuova serie di regole negli Stati Uniti che consentiranno alle persone di iscriversi ai servizi senza utilizzare il proprio sistema, ma addebiterà agli sviluppatori una commissione fino al 27% per farlo.

“Tutti gli sviluppatori dell'App Store, compresi quelli che inseriscono pulsanti o collegamenti con inviti all'azione nelle loro app, beneficiano (tra le altre cose) dell'integrazione della piattaforma Apple”, ha affermato nella documentazione.

Elenca anche altri vantaggi ricevuti dagli sviluppatori, tra cui: “marketing e pubblicità esterni e un ambiente sicuro in cui gli utenti possono scaricare e acquistare app e contenuti in-app”.

Spotify ha reagito con rabbia, affermando che la politica “contraddice” il tentativo della corte statunitense di consentire una maggiore concorrenza.

Ha dichiarato in una nota: “Ancora una volta, Apple ha dimostrato che non si fermerà davanti a nulla per proteggere i profitti che guadagna a spese degli sviluppatori e dei consumatori alla luce del suo monopolio sull’App Store”.

Spotify ha una storia di attacchi ad Apple per le sue tariffe. Nell'ottobre 2023 l'ha accusata di aver… Un livello di controllo “folle”. In linea.

Ora dice che il governo del Regno Unito deve intervenire.

“I mercati digitali, la concorrenza e il diritto dei consumatori del Regno Unito devono porre fine a questa falsa posizione, che è essenzialmente una ricostruzione delle accuse di Apple.

“Esortiamo fortemente i legislatori del Regno Unito ad approvare rapidamente il disegno di legge per impedire ad Apple di imporre tariffe simili, che contribuiranno a creare un settore tecnologico più competitivo e innovativo per i consumatori e le imprese del Regno Unito”.

Lo scorso anno il governo ha introdotto la legge sui mercati digitali con l’obiettivo di limitare il potere dei giganti della tecnologia.

Tuttavia, il portavoce ha rifiutato di dire se le autorità interverranno nel caso Apple dopo l'approvazione della legge.

“Non è nostro diritto commentare casi specifici”, ha detto questa persona.