Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Si parla da molto tempo dell'estrazione dell'elio-3 sulla Luna e ora un'azienda ci proverà

Si parla da molto tempo dell'estrazione dell'elio-3 sulla Luna e ora un'azienda ci proverà

Ingrandire / Questa non è una raccoglitrice di spezie. È un estrattore che estrae l'elio-3 dalla superficie della luna.

Interlune

Due dei primi dipendenti di Blue Origin, l'ex presidente Rob Meyerson e il capo architetto Gary Lai, hanno creato un'azienda che cerca di estrarre l'elio-3 dalla superficie lunare, riportarlo sulla Terra e venderlo per applicazioni qui.

La società ha operato di nascosto sin dalla sua fondazione nel 2022, ma mercoledì è emersa annunciando di aver raccolto 15 milioni di dollari, oltre ai precedenti round di investimenti angelici.

Si tratta di un annuncio degno di nota, perché sebbene il finanziamento sia piccolo, gli impatti potenziali sono grandi. Recentemente si è discusso molto dell’“economia lunare” nel volo spaziale, ma poca chiarezza su cosa significhi. La maggior parte delle aziende che hanno annunciato piani aziendali per lanciare razzi sulla Luna, atterrare su di essa o condurre altre attività lì, lo fanno con l’intento di vendere servizi lunari o acqua alla NASA o ad altre parti che adempiono a contratti governativi. In altre parole, non c’è stata alcuna creazione di ricchezza e, alla fine, il cliente è la NASA.

L’attuale corsa alla luna è un po’ come la corsa all’oro in California senza l’oro.

Raccogliendo l’elio-3, che è scarso e in disponibilità limitata sulla Terra, Interlune potrebbe aiutare a cambiare questo calcolo estraendo valore dalle risorse sulla Luna. Ma rimangono molte domande su questo approccio. Prima di tutto, l’azienda deve escogitare un modo per estrarre il gas dalla regolite lunare, il materiale abrasivo, roccioso e simile allo sporco che si trova sulla superficie lunare. Quindi deve riportare l'elio-3 sulla Terra. Al momento non esiste alcun modo per farlo. Infine, deve dimostrare che ci sarà un mercato ampio e sostenibile per gli isotopi stabili della Terra per sostenere la propria attività.

READ  Il proiettore 4K a focale ultra corta di punta di LG si avvicina

Tuttavia, con la NASA che investe decine di miliardi di dollari nel programma Artemis per riportare gli esseri umani sulla Luna, Myerson è convinto che sia giunto il momento di sfruttare i trasporti, l’energia e altre risorse per avviare una compagnia mineraria sulla Luna. Ciò non è stato possibile in nessun momento prima d’ora. Forse oggi è difficilmente possibile.

“L'elio-3 è l'unica risorsa che ha un prezzo abbastanza alto da permettere di andare sulla Luna e riportarlo sulla Terra”, ha detto Merson in un'intervista. “Ci sono clienti che vogliono comprarlo oggi.”

Isotopo utile dell'elio

L'elio-3 è un isotopo stabile dell'elio contenente due protoni e un neutrone. È prodotto dalla fusione del Sole e trasportato dal vento solare. Tuttavia, la magnetosfera terrestre devia questo flusso di particelle lontano dal pianeta.

La sostanza non è presente in natura sulla Terra ed esiste in quantità molto limitate a seguito di test sulle armi nucleari, reattori nucleari e decadimento radioattivo. Un litro costa qualche migliaio di dollari e ci sono sforzi per riciclarlo da parte del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti. Poiché non c’è magnetosfera attorno alla Luna, si ritiene che grandi quantità di elio-3 siano intrappolate nelle sacche di regolite lunare.