Maggio 30, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Sembra che la Cina si stia tirando indietro dalla repressione dei videogiochi

Sembra che la Cina si stia tirando indietro dalla repressione dei videogiochi

Martedì i regolatori cinesi sembravano essersi allontanati da un piano per tagliare la quantità di denaro che le persone spendono per i videogiochi online, dopo che la proposta ha fatto crollare le azioni delle società di videogiochi e ha sollevato dubbi sull’impegno del governo nel rilanciare l’economia cinese in rallentamento.

La bozza di regole è scomparsa dal sito web dell'Amministrazione nazionale della stampa e delle pubblicazioni, l'agenzia che supervisiona la proposta, dopo essere stata precedentemente pubblicata lì per un commento pubblico. Invece, la pagina ha visualizzato un errore.

L'agenzia, che rilascia licenze agli editori di giochi e regola il settore, non ha emesso alcun avviso di richiamo. Una dipendente che ha risposto al telefono ha affermato di non avere un'idea chiara delle circostanze del trasloco.

Anche in assenza di conferma del rifiuto della proposta, martedì i prezzi delle azioni delle due maggiori società cinesi di videogiochi sono aumentati, con le azioni Tencent in rialzo del 3,7% e le azioni NetEase in rialzo del 6%, più del mercato complessivo.

L’ampia bozza di regole, come annunciato per la prima volta alla fine del mese scorso, imporrebbe limiti alla spesa sulle piattaforme di videogiochi e vieterebbe ai minori di dare mance agli streamer di videogiochi, un modo popolare per i fan di supportare i loro influencer preferiti online. Impedirebbero inoltre alle aziende di offrire premi per accessi frequenti e vieterebbero ampiamente qualsiasi contenuto che potrebbe mettere a repentaglio la sicurezza nazionale.

Le autorità hanno affermato che l'obiettivo era proteggere i minori e migliorare la regolamentazione dell'industria dei giochi.

Il piano è stato una sorpresa per il settore, poiché gli investitori hanno venduto azioni di società di gioco cinesi per un valore di decine di miliardi di dollari.

READ  I futures su azioni salgono mentre gli investitori attendono i dati sull'inflazione

Le vendite sono avvenute in un momento in cui il governo sta cercando di attrarre investitori locali e stranieri in un contesto di rallentamento dell’economia e di timori diffusi che Pechino sia più preoccupata di rafforzare il controllo sull’economia e sulla vita quotidiana che di promuovere la crescita.

Molti investitori sono ancora spaventati dalla repressione a sorpresa del 2021 sull’industria tecnologica cinese, che ha contribuito a spazzare via trilioni di dollari di valore da alcune delle più note società private cinesi, nonché dalle rigide restrizioni del paese sul coronavirus imposte tre anni fa.

Il gaming, in particolare, è stato un obiettivo anche in passato, con regole precedenti che cercavano di vietare a bambini e adolescenti di giocare online nei giorni di scuola e di limitare il tempo trascorso davanti allo schermo negli altri giorni.

A pochi giorni dal crollo del mercato azionario del mese scorso, i funzionari governativi sembravano già riconsiderare la situazione. Il Dipartimento della stampa e della pubblicazione ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di voler promuovere il “sano sviluppo” dell'industria dei giochi e di “ascoltare più opinioni in modo esaustivo”.

Il periodo per i commenti pubblici sulle norme proposte si è concluso lunedì. Ma molti altri progetti di regolamenti rimangono disponibili online anche dopo il periodo di commento pubblico.

Il rapporto di Pechino con l’industria dei giochi è teso da anni. Il Partito Comunista cinese al potere ha ripetutamente espresso preoccupazione per la dipendenza dai giochi online, con i media statali che hanno paragonato un gioco popolare a un “veleno” che può corrompere gli adolescenti e distrarre i soldati dai loro compiti. Molti genitori hanno anche espresso sostegno per restrizioni più severe.

READ  I mercati dell'Asia Pacifica sono scambiati al ribasso; I dati commerciali cinesi di agosto hanno deluso le aspettative

Ma le aziende tecnologiche cinesi come Tencent sono anche la pietra angolare dell’industria globale dei giochi, con il numero di giocatori cinesi – e il denaro che spendono – leader nel mondo, secondo Goldman Sachs. Il paese ha abbracciato il gioco competitivo, costruendo stadi per eSports e offrendo specializzazioni universitarie sull’argomento.

Quando la città orientale di Hangzhou ha ospitato i Giochi Asiatici lo scorso anno, gli eSports sono stati per la prima volta un evento con medaglie. La Cina ha vinto il maggior numero di medaglie d'oro.

Joey Dong Contributo alla ricerca.