Luglio 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Russia, Sudafrica e un “ordine mondiale ridisegnato”

Russia, Sudafrica e un “ordine mondiale ridisegnato”

PRETORIA, SUDAFRICA – 23 gennaio 2023: il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov (L) ha incontrato il ministro degli Esteri sudafricano Naledi Pandor (R) durante la sua visita ufficiale a Pretoria.

Agenzia Ihsan Hafeci/Anadolu tramite Getty Images

Russia e Sudafrica questa settimana si sono impegnate a rafforzare le relazioni bilaterali e il mese prossimo si imbarcheranno in un’esercitazione militare congiunta, in coincidenza con l’anniversario dell’invasione dell’Ucraina.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha visitato Pretoria come parte di un tour africano, il secondo dall’invasione, che lo porterà anche in Botswana, Angola ed Eswatini.

Gli analisti diplomatici hanno detto alla CNBC che il tour è principalmente un’affermazione che la Russia “non è isolata”, inviando un messaggio che, nonostante le sanzioni occidentali e gli sforzi per bandirla dalla scena mondiale, rimangono alleanze strategiche chiave.

Il 24 febbraio 2022, poco dopo l’invasione ucraina, il Sudafrica ha esortato la Russia a ritirare immediatamente le sue forze dall’Ucraina. Ma da allora il tono è cambiato. Era il Sudafrica Uno dei 15 paesi africani ad astenersi nel successivo voto delle Nazioni Unite A marzo per condannare la guerra di aggressione russa.

Lunedì, in una conferenza stampa congiunta insieme a Lavrov, il ministro degli Esteri sudafricano Naledi Pandor ha affermato che sarebbe “semplicistico e infantile” chiedere il ritiro della Russia durante il loro incontro, e ha accennato al “massiccio trasferimento di armi” che si è verificato da allora dall’Occidente . Poteri per sostenere gli sforzi militari dell’Ucraina.

Pandor ha anche elogiato le “crescenti relazioni economiche bilaterali” tra Pretoria e Mosca, insieme alla “cooperazione politica, economica, sociale, di difesa e di sicurezza”.

Ha sottolineato le responsabilità multilaterali del blocco BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) delle principali economie emergenti in un panorama globale in evoluzione.

Il Sudafrica ospiterà i BRICS quest’anno e l’African National Congress al governo ha suggerito che Pretoria potrebbe usare la presidenza per spingere per l’ammissione di nuovi membri per espandere la presenza del blocco, sfidando l’egemonia delle superpotenze globali.

“Le attuali tensioni geopolitiche globali indicano chiaramente la necessità di creare meccanismi istituzionali di forma privilegiata e fiducia globale per promuovere e sostenere la pace e la sicurezza globali: i paesi BRICS devono svolgere un ruolo proattivo nei processi emergenti e garantire che siano parte di una riprogettazione globale ”, ha detto Pandora.

READ  L'adolescente mette in tasca una conchiglia per mostrarla a sua nipote e finisce per combattere per la sua vita

Sebbene chiedesse “una fine pacifica della guerra attraverso la diplomazia e i negoziati”, non vi fu alcuna condanna diretta dell’invasione.

La tempistica delle esercitazioni navali congiunte “potrebbe essere stata deliberata”

Il Sudafrica ospiterà esercitazioni navali congiunte con Russia e Cina tra il 17 e il 27 febbraio. Pandor ha risposto alle preoccupazioni affermando che ospitare tali operazioni con “amici” faceva parte del “corso naturale delle relazioni”, criticando l’idea che solo alcuni i paesi sono partner accettati.

Stephen Gross, presidente dell’African Governance and Diplomacy Program presso l’Istituto sudafricano per gli affari internazionali, ha dichiarato martedì alla CNBC che la tempistica dell’esercitazione congiunta, soprannominata “Mosi” che significa “fumo” nella lingua tswana, “attirerà l’attenzione a livello internazionale.” “Potrebbe essere stato intenzionale”.

“Ovviamente si può scegliere la tempistica di queste cose e scegliere la tempistica che sarà appropriata per un anniversario, forse è il modo in cui il Sudafrica dice ‘Guarda, siamo un paese sovrano indipendente e condurremo la nostra politica estera nel modo in cui vediamo in forma, il modo che fa avanzare i nostri interessi e nessuno ci dirà o ci distruggerà.

Il governatore della banca centrale sudafricana rimarrà vigile contro le pressioni inflazionistiche, afferma il governatore

Il Sudafrica è stato spinto dai partner occidentali a unirsi all’opposizione all’invasione dell’Ucraina e ha rifiutato categoricamente di essere “coinvolto”, nelle parole di Pandora, a prendere posizione.

L’addetta stampa della Casa Bianca, Karen Jean-Pierre, ha dichiarato lunedì che “gli Stati Uniti sono preoccupati per qualsiasi paese… giocare con la Russia mentre la Russia intraprende una guerra brutale contro l’Ucraina”.

Al centro dell’appello della Russia a molte nazioni africane, hanno sottolineato gli analisti, c’è la sua capacità di promuoversi come antimperialista, capitalizzando il malcontento popolare nei confronti di Stati Uniti, Regno Unito e Francia per una storia di oppressione occidentale nel continente.

Eleonora Tavoro, ricercatrice senior presso il Centro per la Russia, il Caucaso e l’Asia centrale dell’Istituto italiano per gli studi di politica internazionale (ISPI), ha dichiarato martedì alla CNBC che, nonostante le sue scarse relazioni commerciali con il continente africano rispetto a quelle dell’UE, la Russia ha stato in grado di beneficiare dei “sentimenti antimperialisti” e degli “atteggiamenti fanatici” percepiti dall’Occidente.

Basandosi su sentimenti “anticoloniali”.

Nelle sue osservazioni di apertura di lunedì, Pandor ha sottolineato il sostegno della Federazione Russa 30 anni fa – allora come parte dell’Unione Sovietica – al movimento anti-apartheid in Sud Africa che avrebbe poi costituito la base dell’ANC.

READ  King Charles Coronation live replay: come guardare la copertura televisiva negli Stati Uniti in questo momento, programma dell'evento

“Ironia della sorte, proprio questo elemento sta giocando ai fini del Cremlino per giustificare questa guerra di aggressione contro l’Ucraina”, ha detto Tavoro, osservando che c’è una mancanza di simpatia tra le nazioni africane nei confronti degli ucraini come vittime dell’imperialismo.

“Penso che la Russia usi l’informazione e la propaganda molto abilmente per costruire questa narrazione, ma questa narrazione funziona perché c’è davvero questa profonda cultura del sentimento anti-occidentale in paesi come il Sudafrica, e questo ha a che fare con la loro storia di vittime dell’imperialismo .”

La crescente influenza della Russia è stata evidente nelle ultime settimane durante le proteste in Burkina Faso, dove i manifestanti hanno condannato la Francia e il blocco regionale ECOWAS mentre sventolavano bandiere russe.

OUAGADOUGOU, Burkina Faso – 20 gennaio 2023: Uno striscione del presidente russo Vladimir Putin è visibile durante una manifestazione a sostegno del presidente del Burkina Faso, il capitano Ibrahim Traoré, e chiede la partenza dell’ambasciatore francese e delle forze militari.

OLYMPIA DE MAISMONT/AFP tramite Getty Images

Grosse ha spiegato che “non c’è dubbio che c’è un crescente risentimento contro la Francia nei suoi ex tribunali e che la Russia prospera nel caos, e le sue istituzioni colmano il vuoto con il declino della Francia”.

Ha anche notato che le operazioni sui social media della Russia, insieme alla promozione di messaggi pro-Cremlino, sono state costruite anche su “linee di frattura esistenti, come il sentimento antifrancese o anti-gay” e la rivalità tra i blocchi politici.

“Paesi come il Sudafrica hanno davvero accettato la narrativa della Russia secondo cui è una potenza anticoloniale, che sostiene l’omino, che avere una superpotenza e avere quella superpotenza come gli Stati Uniti non è un bene per il mondo, che deve esserci multipolarità, che ci devono essere fonti alternative.” energia e distribuzione dell’energia.

“Questo risuona, risuona forte e risuona fortemente anche in paesi che sono stati emarginati dall’Occidente”.

I paesi africani non sono “un’arena per una grande competizione di potere”

Proprio il mese scorso, Lavrov, il nuovo ministro degli Esteri cinese Chen Gang e il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen si sono imbarcati in tournée in Africa, con Yellen che questa settimana incontrerà il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa.

READ  I giornalisti sono stati arrestati per le riprese che mostrano il presidente del Sud Sudan che si bagna

Il segretario di Stato americano Anthony BlinkenAnche il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno visitato il continente lo scorso anno, mentre il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha tenuto un vertice afroamericano a dicembre, visto come un tentativo di riconquistare parte dell’influenza che Washington ha perso sulla Cina nell’ultimo decennio. O più.

Sia Tavoro che Grozd sottolineano che lo scoppio dell’attivismo diplomatico non dovrebbe essere visto come una “corsa per l’Africa”, poiché il potere negoziale del continente significa che ora ha un posto al tavolo.

“Penso che da un punto di vista africano preferiamo non solo essere classificati come un’area in cui le grandi potenze competono, ma riconoscere che i governi africani e le società africane sono attive a pieno titolo, quindi non sono pedine nelle mani di qualcuno che sono solo giocatori seduti attorno al tabellone “, ha detto Gross.

Isola di Goree, Senegal – 21 gennaio 2023: Il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen (R) riceve un diploma dall’avvocato di Goree e dal sindaco Augustin Senghor (L) durante una visita all’isola di Goree al largo della costa di Goree. Dakar il 21 gennaio 2023.

Violoncello/AFP tramite Getty Images

Tavoro ha anche sostenuto che i paragoni con la Guerra Fredda o la semplificazione delle visite diplomatiche alla competizione per le risorse mancano del grande cambio di paradigma attualmente in corso.

“A volte dimentichiamo semplicemente che questi paesi africani hanno una propria agenzia e alla fine spetta a loro decidere se valga la pena stabilire una relazione con la Cina, la Turchia o la Russia e se sia vantaggioso per loro mantenere, diciamo, un approccio equilibrato, come trattare con Con tutti quelli che vogliono fare affari.

“Spetta anche a loro modellare il loro rapporto con questi giocatori esterni”.