Novembre 28, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Zelensky: Kherson "noi" - DW - 11/11/2022

Zelensky: Kherson “noi” – DW – 11/11/2022

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato venerdì che la città meridionale di Kherson era “nostra” dopo che la Russia ha annunciato che il suo ritiro era stato completato.

“La nostra gente. La nostra gente. Kherson”, ha scritto Zelensky su Telegram. “Oggi è un giorno storico. Ci stiamo riprendendo Kherson”.

Ha detto che unità speciali delle forze armate erano all’interno di Kherson e che altre forze ucraine si stavano avvicinando alla periferia.

“La gente di Kherson sta aspettando. Non si è mai arresa all’Ucraina”, ha poi aggiunto Zelensky nel titolo del video. “Sarà lo stesso nelle città che stanno ancora aspettando che li riprendiamo”.

Zelensky: “Oggi è una giornata storica”

Per guardare questo video, abilita JavaScript e considera l’aggiornamento a un browser web Supporta video HTML5

Il suo annuncio è arrivato quando i video pubblicati sui social media mostravano folle esultanti di gente del posto che festeggiavano per le strade e salutavano i soldati ucraini mentre assaltavano la città.

Le bandiere dell’Ucraina e dell’Unione Europea possono anche essere viste issate su un monumento nella piazza principale di Kherson.

In precedenza, il portavoce dell’intelligence ucraina Andrei Yusov ha dichiarato all’Associated Press che era in corso “un’operazione per liberare Kherson” e l’omonima area circostante.

La Russia ha rinunciato all’unica capitale regionale che aveva catturato dalla sua invasione a febbraioFoto: immagini di copertina / IMAGO

Il ritiro delle forze russe ha rappresentato una grave battuta d’arresto per Mosca, poiché Kherson è stata l’unica grande capitale regionale ucraina ad essere caduta nelle mani della Russia dall’inizio della guerra. La regione è anche una porta strategica per la Crimea, che la Russia ha annesso illegalmente nel 2014.

“L’Ucraina sta ottenendo un’altra importante vittoria in questo momento e dimostra che qualunque cosa la Russia dica o faccia, l’Ucraina vincerà”, ha affermato il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.

La Casa Bianca ha descritto la ripresa della città come una “cosa interessante” per l’Ucraina.

“È come se gli ucraini avessero appena ottenuto una vittoria straordinaria, poiché la capitale regionale della Russia catturata in questa guerra è ora tornata sotto la bandiera ucraina”, ha affermato il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan.

Ecco gli altri titoli della guerra in Ucraina venerdì 11 novembre:

Rapporti contrastanti sul ritiro russo

Prima che le forze ucraine entrassero a Kherson, il Ministero della Difesa russo annunciò che tutte le sue forze si erano ritirate. Ha aggiunto che 30.000 soldati sono stati trasportati attraverso la riva sinistra del fiume Dnipro senza perdere un solo soldato e senza lasciare “un solo pezzo di equipaggiamento militare”.

Ma l’Unità di intelligence della difesa ucraina ha messo in dubbio questo, dicendo in un tweet su Twitter che più della metà delle forze russe di stanza sulla riva destra del fiume sono ancora presenti.

Mosca ha annunciato all’inizio di questa settimana che intende ritirare le sue forze dalla riva destra del Dnipro, dove si trova Kherson.

Funzionari ucraini hanno espresso scetticismo sull’annuncio e hanno affermato che probabilmente ci vorranno giorni, se non settimane, prima che le forze russe si ritirino completamente da Kherson.

I Mailblogger russi descrivono la caotica ritirata da Kherson

Per guardare questo video, abilita JavaScript e considera l’aggiornamento a un browser web Supporta video HTML5

La Germania invia più aiuti alla difesa aerea all’Ucraina: Schulze

Il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha affermato che la priorità di Berlino nell’aiutare l’Ucraina dovrebbe essere il rafforzamento delle difese contro gli attacchi aerei nelle città e la ricostruzione delle infrastrutture.

“La Russia sta bombardando le infrastrutture energetiche dell’Ucraina. La Russia vuole assicurarsi che le persone in Ucraina non sopportino il freddo invernale”, ha detto in un’intervista sul palco ai giornali RND.

“Stiamo attualmente discutendo con diverse aziende tedesche cosa possono fare per contrastare questa devastazione”, ha aggiunto.

Schulz ha aggiunto che i sistemi di difesa aerea forniti finora dalla Germania hanno svolto un ruolo importante e che Berlino lavorerà con i suoi partner per inviarne altri.

In precedenza, il cancelliere tedesco in una telefonata con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accettato di fornire più sistemi di difesa aerea.

Schulz ha anche detto al pubblico che credeva che il presidente russo Vladimir Putin stesse pianificando da tempo un’invasione dell’Ucraina.

“Sono convinto che Putin abbia deciso questa guerra due anni fa”, ha detto. “Abbiamo visto l’impennata… speravamo fosse solo un segnale minaccioso, ma non è stato così: è stata una lunga guerra nella pianificazione”.

La Russia vieta l’ingresso a 200 cittadini statunitensi, compresi i parenti di Biden

Mosca afferma di aver vietato l’ingresso a 200 cittadini statunitensi, inclusi i fratelli del presidente Joe Biden e diversi senatori.

Questa azione arriva in risposta alle sanzioni di Washington sulla guerra della Russia in Ucraina.

Il ministero degli Esteri russo ha affermato che l’elenco delle persone includeva funzionari, loro parenti, capi di società ed esperti “che sono coinvolti nella promozione di una campagna anti-russa e nel sostegno del regime a Kiev”.

Tra quelli nella lista nera ci sono la sorella di Biden Valerie e i fratelli James e Frances, l’addetto stampa della Casa Bianca Karen Jean-Pierre e i senatori Bernie Sanders ed Elizabeth Warren.

Si uniscono agli oltre 1.000 cittadini statunitensi a cui è già vietato l’ingresso nel Paese.

Il governatore ha detto che un attacco russo uccide 5 persone a Mykolaiv

Un governatore regionale ha detto che almeno cinque persone sono rimaste uccise dopo che un attacco russo ha colpito un condominio nella città di Mykolaiv, nel sud dell’Ucraina.

Il governatore della regione di Mykolaiv, Vitaly Kim, ha scritto sui social: “Raid in un condominio di cinque piani. Distrutto dal quinto al primo piano”.

Le forze russe hanno ripetutamente bombardato la città per mesi. Zelensky ha affermato che l’ultimo attacco è stato una “reazione cinica ai nostri successi al fronte”, un evidente riferimento all’avanzata dell’Ucraina nella regione di Kherson.

Il crollo di un ponte strategico vicino a Kherson: rapporti

La Società di radiodiffusione pubblica ucraina ha riferito che il ponte Antonevsky già danneggiato era crollato.

Il ponte strategico era l’unico modo per attraversare da Kherson alla riva orientale del fiume Dnipro controllata dai russi.

Le condizioni del ponte e la tempistica del suo crollo segnalato potrebbero aiutare a determinare se le forze russe si siano ritirate o meno da Kherson.

I resoconti dei media russi hanno indicato che il ponte è stato bombardato dopo il ritiro delle forze russe.

Ma un funzionario russo nella regione di Kherson ha detto a Interfax che il ponte non era stato fatto saltare in aria ed era “nelle stesse condizioni”.

Onu, funzionari russi discutono di estendere l’accordo sul grano

La portavoce delle Nazioni Unite Alessandra Vellucci ha affermato che a Ginevra sono in corso colloqui tra funzionari russi e capi delle Nazioni Unite nel tentativo di estendere un accordo sulle esportazioni di grano.

“Si spera che le discussioni consolidino i progressi compiuti nel facilitare l’esportazione senza ostacoli di cibo e fertilizzanti dalla Federazione Russa ai mercati mondiali”, ha affermato Vellucci.

Le Nazioni Unite stanno cercando di rinnovare l’accordo sul Mar Nero sull’esportazione di grano dall’Ucraina che scadrà il 19 novembre.

Mosca si è lamentata di “non aver rispettato” un altro accordo che esentava i fertilizzanti russi dalle sanzioni. Questo accordo dura tre anni.

L’UE e i partner concordano 1 miliardo di euro per migliorare le rotte di esportazione verso l’Ucraina

L’Unione Europea ha promesso 1 miliardo di euro (1,04 miliardi di dollari) a sostegno degli sforzi per esportare il raccolto di grano dell’Ucraina attraverso rotte marittime alternative ai porti del Mar Nero.

La Commissione Europea, la Banca Europea per gli Investimenti, la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo e la Banca Mondiale investiranno fondi per migliorare e ampliare i cosiddetti “percorsi di solidarietà”.

Gli investimenti amplieranno il trasporto terrestre e marittimo tra l’Ucraina e i paesi vicini come Polonia, Romania, Moldova, Slovacchia e Ungheria.

Consente inoltre a Kiev di portare carburante o aiuti umanitari nel Paese.

Prima della guerra, l’Ucraina commerciava principalmente attraverso i suoi grandi porti sul Mar Nero, ma era circondata dalle forze di Mosca quando iniziò l’invasione.

A luglio, un accordo mediato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia ha contribuito a riavviare il flusso di spedizioni di grano. Tuttavia, le garanzie di sicurezza necessarie non sono in atto per altre merci.

“Dove la Russia ha seminato distruzione, l’Europa ha ripristinato la speranza”, ha affermato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, annunciando il finanziamento aggiuntivo sui social media.

mm, fb/wmr (AFP, AFP, Reuters)

READ  I generali russi vengono uccisi a un ritmo straordinario