Maggio 29, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Ramaphosa dal Sud Africa sollecita l’applicazione della legge sugli edifici “dirottati”.

Ramaphosa dal Sud Africa sollecita l’applicazione della legge sugli edifici “dirottati”.

JOHANNESBURG (Reuters) – Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha esortato sabato le autorità a far rispettare le norme che impediscono agli abitanti delle città di occupare illegalmente condomini, dopo che decine di persone sono morte in un incendio in un edificio illegalmente occupato a Johannesburg.

L’incendio, che ha ucciso più di 70 persone, ha evidenziato la crisi abitativa in una città tra le più diseguali al mondo ed afflitta da povertà e disoccupazione.

Ramaphosa ha dichiarato durante un evento dell’African National Congress: “Il governo locale deve attuare le leggi”.

“Questo ci ha dato un campanello d’allarme e ho detto che le nostre città e i nostri comuni ora dovrebbero preoccuparsi di come vivono le persone. Incoraggiamo le persone a vivere all’interno della città… ma dobbiamo farlo in linea con questo.” con le nostre leggi.”

Il condominio è di proprietà delle autorità municipali, ma i funzionari hanno affermato che è stato “invaso e rapito” da gruppi sconosciuti.

Funzionari governativi hanno affermato che alcuni dei morti potrebbero essere stati inquilini di bande criminali o vittime di estorsioni da parte di bande di “dirottamento di edifici”.

Funzionari municipali hanno affermato che gli sforzi per sfrattare i residenti degli edifici occupati illegalmente sono spesso ostacolati da ordinanze del tribunale che interrompono gli sfratti.

Ramaphosa ha affermato di aver chiesto ai ministri del governo di esaminare i modi per far rispettare le leggi senza violare i diritti delle persone.

READ  È salito a 19 il bilancio delle vittime degli attacchi statunitensi contro obiettivi filo-iraniani in Siria

L’edificio in rovina è associato al Sudafrica dell’era dell’apartheid, dove i neri sudafricani raccoglievano i loro “dumbas” o libretti di risparmio, documenti che consentivano loro di lavorare nelle aree della città di proprietà dei bianchi.

Ramaphosa ha detto di aver ritirato il suo libretto di risparmio nell’edificio circa 50 anni fa, quando lavorava in città.

Reporting di Karen Du Plessis. Scritto da Olivia Komwenda Mtambo; A cura di Ross Russell

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda