Febbraio 29, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Putin rimane provocatorio nei confronti dell’Occidente negli eventi silenziosi del Giorno della Vittoria

Putin rimane provocatorio nei confronti dell’Occidente negli eventi silenziosi del Giorno della Vittoria

Annalena Berbock, ministro degli Esteri tedesco, ha incontrato il suo omologo cinese, Chen Gang, martedì a Berlino.credito…Foto di Michel Tantosi

Il ministro degli Esteri tedesco, Annalina Berbock, ha detto che Pechino potrebbe scegliere di svolgere un ruolo importante nel porre fine alla guerra in Ucraina e ha messo in guardia contro l’indebolimento delle sanzioni occidentali alla Russia.Martedì lei e la sua controparte cinese in visita si sono scambiate parole dure a Berlino, ma hanno promesso di provarci. Trova un terreno comune.

Il ministro degli Esteri cinese, Chen Gang, era nella capitale tedesca per la prima tappa di un tour europeo che arriva tra le crescenti tensioni tra i leader cinesi ed europei, in particolare per le relazioni amichevoli tra Cina e Russia. In una conferenza stampa dopo che i due si sono incontrati, il signor Chen e la signora Burbock hanno espresso le loro divergenze sulla politica internazionale, in particolare per quanto riguarda l’invasione russa.

La signora Berbock ha approfittato della celebrazione del Giorno della Vittoria della Russia della vittoria sovietica sui nazisti nella seconda guerra mondiale per dire che la Russia stava sfruttando e minando il suo ruolo storico continuando la sua guerra in Ucraina. Ha detto che la Cina può svolgere un ruolo speciale nella risoluzione del conflitto.

“In qualità di membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Cina può svolgere un ruolo importante nel porre fine alla guerra se sceglie di farlo”, ha affermato. La Cina ha rifiutato di condannare l’invasione russa, promettendo anche di non aiutare militarmente la Russia.

READ  Missili russi piovono sulle città dell'Ucraina

La signora Berbock e il signor Chen hanno avuto uno scambio più aspro solo poche settimane fa a Pechino, durante la prima visita ufficiale del ministro degli Esteri tedesco. E a Berlino, entrambe le parti hanno insistito sul fatto che i loro incontri hanno evidenziato il loro impegno a superare le loro divergenze.

Il mese prossimo Germania e Cina terranno colloqui governativi bilaterali su questioni come la politica climatica e il commercio. Il signor Chen ha detto che la sua visita è stata una preparazione per quegli incontri.

Alla conferenza stampa, Berbock ha avvertito che le sanzioni europee contro la Russia “non dovrebbero essere compromesse in modo indiretto”. Ha affermato che i piani dell’UE per un 11 round di sanzioni includono la considerazione di misure mirate ai cosiddetti beni a duplice uso, che hanno scopi civili ma possono anche essere usati militarmente. Alcuni paesi, inclusa la Cina, hanno continuato a fornire beni a duplice uso alla Russia, come i microchip.

“Questo non è diretto contro un paese in particolare, ma riguarda specificamente questi beni sanzionati”, ha detto la signora Burbock. “Ma ci aspettiamo che tutti i paesi, e ci aspettiamo anche che la Cina eserciti un’influenza adeguata sulle sue aziende in questo senso”.

Il signor Chen ha risposto alle domande sull’Ucraina dicendo che “la semplificazione e il sentimentalismo non sono la risposta”.

“Anche la Cina non ha causato questa guerra, e non è una parte, ma è impegnata nei negoziati di pace”, ha detto. Negli ultimi mesi, il leader cinese, Xi Jinping, ha cercato di lustrare la sua immagine di statista globale, ma i funzionari statunitensi e i loro alleati hanno messo in dubbio che Xi abbia la capacità di aiutare a mediare la pace in Ucraina.

READ  Brasile e Argentina per discutere di moneta unica

Il signor Chen ha affermato che la Cina ha una propria legislazione sui beni a duplice uso e ha messo in guardia contro ritorsioni dovute a sanzioni esterne. Ha detto che ci sono “scambi normali” tra società cinesi e russe che non dovrebbero essere disturbati, aggiungendo che la Cina risponderà “con fermezza e risolutezza” ai tentativi in ​​tal senso.

Ha anche avvertito Berlino e altri paesi europei di non essere trascinati in un nuovo blocco della “Guerra Fredda”, in un apparente riferimento agli appelli negli Stati Uniti per disaccoppiare l’economia cinese e al corrispondente dibattito in Europa sul mantenimento delle relazioni ma sulla “riduzione del rischio”. relazioni commerciali con Pechino.

La visita europea di Chen lo porterà anche in Francia e Norvegia. La visita in Germania è stata una sorpresa dell’ultimo minuto, annunciata solo con un giorno di anticipo. Più o meno nello stesso periodo, Pechino ha chiesto un rinvio della visita del ministro delle finanze tedesco, Christian Lindner, sollevando la questione se la mossa fosse una reazione a una posizione più dura nei confronti della Cina da parte del suo partito pro-business, i Liberi Democratici.