Febbraio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Prima che Ingenuity sbarcasse su Marte, gli scienziati riuscirono quasi a ucciderlo

Prima che Ingenuity sbarcasse su Marte, gli scienziati riuscirono quasi a ucciderlo

Ingrandire / Questa è l'ultima foto che Perseverance ha scattato a Ingenuity prima che si allontanasse dalla sua ultima dimora.

NASA/Simon Schmaus

Mimi Ong non riusciva a nascondere la sua eccitazione mentre guidava lungo Oak Grove Drive, la strada alberata che porta al Jet Propulsion Laboratory della NASA.

La Ong ha trascorso i suoi anni formativi in ​​Birmania e Malesia, due paesi che non hanno un programma spaziale. Una carriera nell'aviazione sembrava fuori dalla sua portata. Tuttavia, aveva 22 anni e stava facendo un colloquio di lavoro sulla Deep Space Network. Ong sognava di aiutare la NASA a intercettare e amplificare i deboli segnali inviati alla Terra dalla navicella spaziale più distante dell'umanità, inclusa la Voyager.

“Lo ricordo come se fosse ieri”, ha detto Ong.

Quel giorno del 1990, l'ingegnere amante della matematica intervistò potenziali manager e visitò le strutture del laboratorio. Mi sono sentito subito a casa. Ong era una persona energica ed entusiasta per natura, parlava velocemente e faceva un milione di domande. “Sei come un bambino in un negozio di dolciumi”, ha detto un manager. era. Ong non poteva trattenersi. Più che in qualsiasi altro posto al mondo, era lì che voleva essere.

Ho ottenuto il lavoro. Nel corso del quarto di secolo successivo, Ong lavorò al Deep Space Network e a vari altri programmi. Alla fine, è diventata direttrice della supervisione dei sistemi di guida, navigazione e controllo che aiutano i veicoli spaziali a volare.

Nel 2014 le è stata data la possibilità di scegliere. Ong potrebbe rimanere come direttore – una posizione senior nella gerarchia del Jet Propulsion Laboratory (JPL) – o intraprendere un progetto di avvio per sviluppare un piccolo elicottero che un giorno potrebbe volare su Marte.

READ  Sopravvivere alla notte della luna può essere una sfida per gli astronauti

Ong ha fatto il salto. Lei e un piccolo team approfondiscono i dettagli tecnici di una sfida ingegneristica quasi impossibile a causa dell'aria estremamente rarefatta sul Pianeta Rosso. Ma proprio mentre la squadra faceva progressi, un formidabile schieramento di avversari si schierò contro un programma che mirava a riportare la corsa in pista. perseveranza Rover su Marte nel 2020

Più e più volte, al JPL, ai piani superiori del quartier generale della NASA a Washington, D.C., e nelle sale del Congresso, questi critici hanno cercato di uccidere… intelligenza. In diverse occasioni ci sono quasi riusciti.

Questa è la storia interna di come Ong e alcuni altri eroi volanti su Marte alla fine riuscirono ad avere successo.

L'origine del genio

Gli scienziati pazzi del Jet Propulsion Laboratory sognano da tempo di volare su Marte. Un ingegnere di nome Bob Balaram iniziò a pensare a questa idea negli anni '90 e lui e un piccolo team ottennero un po' di soldi per mettere l'idea su carta. Ma prima che potessero iniziare a costruire qualcosa, i fondi si esaurirono. Il progetto è fermo da più di un decennio.

Ha ricevuto nuova vita nel 2013 quando il direttore di lunga data del JPL, uno scienziato e ingegnere di origine libanese di nome Charles El Ashi, ha fatto un tour della sezione di guida e navigazione. Il gruppo contava circa 1.000 dipendenti, uno dei quali, Ong, era il vicedirettore. Si prendeva cura di Elachi e dell'ingegnere capo del laboratorio, Rene Freidat, nelle vicinanze. Dopo aver visitato il laboratorio dei droni, sono saliti a bordo di un minibus per spostarsi alla fermata successiva.

READ  Sorpresa - di nuovo! La navicella spaziale della NASA rivela che l'asteroide Bennu non è quello che sembrava

“Perché i droni o gli elicotteri non volano su Marte?” chiese Al-Ashi a Faridat.

Né lui né Ong hanno avuto una buona risposta. Così Elachi fornì un piccolo finanziamento iniziale a Balaram e ad alcuni altri per aggiornare i loro calcoli degli anni '90 e determinare se la rivoluzione della miniaturizzazione stimolata dalla tecnologia mobile avrebbe reso possibile volare su Marte, dove il veicolo dovrebbe essere estremamente leggero ma in grado di girare su se stesso. lame a migliaia di giri al minuto — possibile. . A Ong è stato chiesto di sostenere il progetto come lavoro secondario.

Charles Elachi è stato direttore del Jet Propulsion Laboratory per un decennio e mezzo.
Ingrandire / Charles Elachi è stato direttore del Jet Propulsion Laboratory per un decennio e mezzo.

Eric Charbonneau/Getty Images

Alla fine, le occupò sempre più tempo. Nel settembre 2014 Ong ha dovuto decidere se mantenere il ruolo dirigenziale di una grande divisione o subentrare nel progetto degli elicotteri. Già allora intorno a questa idea soffiavano forti venti politici, che avrebbero occupato spazio prezioso. perseveranza Rover di esperimenti scientifici.

“Col senno di poi, mi rendo conto di quanto fosse importante lasciare andare”, ha detto del suo primo ruolo dirigenziale presso JPL. “Ma in quel momento non ci ho pensato due volte. Sentivo di avere qualcosa da offrire.”

Era la sua grande occasione, quindi l'ha colta.