Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Powell si sta preparando a mantenere la Fed su un percorso più alto più a lungo

Powell si sta preparando a mantenere la Fed su un percorso più alto più a lungo

(Bloomberg) – I commenti di Jerome Powell della prossima settimana saranno analizzati attentamente dagli investitori per individuare eventuali indizi su quanto tempo la Fed è disposta ad aspettare prima di tagliare i tassi di interesse.

I più letti da Bloomberg

L’ultima volta che il capo della banca centrale americana ha parlato, ha osservato che i politici probabilmente manterranno alti i costi di finanziamento più a lungo di quanto previsto in precedenza, citando la mancanza di ulteriori progressi nella riduzione dell’inflazione e la continua forza del mercato del lavoro.

Gli ultimi dati sui prezzi, che hanno mostrato un’inflazione core persistente, combinati con le aspettative di un forte rapporto sull’occupazione per venerdì, difficilmente spingeranno il capo della Fed a cambiare tono.

Powell parlerà ai giornalisti dopo la decisione sul tasso di interesse della Fed mercoledì, quando si prevede che la banca centrale manterrà i costi di finanziamento al livello più alto degli ultimi due decenni. Le aspettative di tagli dei tassi di interesse sono state ulteriormente rinviate fino al 2024, e gli investitori ora scommettono su al massimo due tagli entro la fine dell’anno.

La settimana si concluderà con il rapporto mensile sull'occupazione, che fornisce un nuovo sguardo allo stato del mercato del lavoro statunitense. Gli economisti prevedono che la crescita dell’occupazione non agricola diminuirà a un ritmo sostenuto ad aprile, in un contesto di disoccupazione stabile e bassa.

Cosa dice Bloomberg Economics:

“Ci aspettiamo che Powell faccia una svolta da falco. Come minimo, probabilmente segnalerebbe che il partecipante medio del FOMC ora si aspetta 'meno' tagli quest'anno. In una direzione più falcata, potrebbe suggerire la possibilità di nessun taglio – o Anche ciò indica che potrebbe essere sul tavolo un rialzo dei tassi, ma non l’attuale linea di base.

—Anna Wong, Stuart Ball, Elisa Wenger ed Estelle Au, economisti. Per l’analisi completa, clicca qui

Riceveremo anche aggiornamenti sulla misura del costo del lavoro trimestrale attentamente monitorato, nonché numeri mensili sulle opportunità di lavoro e sulla produzione.

Guardando al nord, i dati sul PIL canadese di febbraio potrebbero mostrare un leggero impulso all'economia, offrendo alla Banca del Canada diverse opzioni mentre valuta quando passare a una politica più accomodante.

READ  Oltre 60 offerte da acquistare prima che l'evento inaugurale delle festività di Walmart finisca oggi

Altrove, i dati della zona euro potrebbero mostrare che l’inflazione ha smesso di rallentare e che l’economia sta ricominciando a crescere, mentre i sondaggi cinesi sottolineano la forza dell’espansione in quella zona. Le banche centrali dalla Norvegia alla Colombia fisseranno i tassi di interesse, mentre l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico con sede a Parigi pubblicherà giovedì nuove previsioni globali.

Clicca qui per vedere cosa è successo la scorsa settimana. Di seguito è riportato un riepilogo di ciò che accadrà nell'economia globale.

Asia

La Cina evidenzia le prospettive di rafforzamento dell’espansione economica nel primo trimestre con la pubblicazione dei dati PMI ufficiali martedì. Il rapporto indicherà se l’attività manifatturiera è aumentata per il secondo mese in aprile.

Potrebbe esserci qualche debolezza stagionale derivante da un minor numero di giorni lavorativi, ma la tendenza generale indica probabilmente una ripresa continua, secondo Bloomberg Economics. Lo stesso giorno dovrebbe essere pubblicato l'indice Caixin, che si manterrà sopra la soglia di 50 che separa l'espansione dalla contrazione per cinque mesi.

Il commercio globale sarà sotto i riflettori mentre Australia, Corea del Sud, Tailandia, Sri Lanka e Vietnam pubblicheranno i dati commerciali nel corso della settimana.

Martedì il Giappone riceverà una grande quantità di dati che dovrebbero mostrare una ripresa della produzione industriale a marzo, con la pubblicazione anche delle vendite al dettaglio e del tasso di disoccupazione.

Si prevede che i dati sull'inflazione al consumo della Corea del Sud di giovedì mostreranno un leggero rallentamento della crescita dei prezzi pur rimanendo al di sopra dell'obiettivo della Banca di Corea, dando alla banca centrale un ulteriore incentivo a rinviare qualsiasi svolta politica.

Nel frattempo, il primo ministro tailandese Sritha Thavisin ha nominato Pichai Chunhavagira, veterano dei mercati dei capitali, nuovo ministro delle finanze del paese, con una nomina che potrebbe allentare le tensioni tra il primo ministro e la banca centrale sulla politica monetaria.

Europa, Medio Oriente, Africa

Nella zona euro, i dati potrebbero mostrare che il rallentamento dell’inflazione si è interrotto ad aprile per la prima volta quest’anno. È probabile che i prezzi al consumo aumentino del 2,4% rispetto all’anno precedente, in linea con i risultati di marzo, a fronte dell’aumento dei costi energetici.

READ  Futures Dow Jones: punto di rottura del mercato azionario; Microsoft, ondata di utili meta lead

Una misura di base che escluda tali elementi volatili può rassicurare i funzionari sul fatto che la tendenza dei viaggi rimane al ribasso, sebbene i dati nazionali possano rivelare alcune discrepanze. Germania e Spagna, che pubblicheranno i loro dati lunedì, potrebbero vedere un’inflazione più rapida.

Martedì verrà pubblicato il rapporto sull’Eurozona con gli ultimi dati sul PIL. Gli economisti ritengono che la regione potrebbe essere tornata a crescere ad un minimo dello 0,1% nel primo trimestre, dopo la lieve recessione subita alla fine del 2023.

Come per l'inflazione, i dati di martedì potrebbero mascherare risultati contrastanti in tutta la regione. Per averne un assaggio, lunedì gli investitori probabilmente terranno d’occhio i dati sulla crescita in Irlanda, che ha una storia di volatilità.

Nel complesso, i rapporti potrebbero essere coerenti con l’osservazione fatta questo mese dalla presidente della Banca Centrale Europea Christine Lagarde, secondo cui l’economia è debole e si trova ad affrontare “ostacoli sulla strada” nel percorso dell’inflazione.

Giovedì la Svizzera pubblicherà i dati sui prezzi al consumo, che potrebbero mostrare che l'inflazione rimane ben al di sotto dell'obiettivo del 2% della banca centrale.

Il giorno successivo a Türkiye gli investitori monitoreranno l'andamento del rallentamento della crescita dei prezzi al consumo.

La maggior parte dei mercati prevede che il tasso di inflazione della Turchia continui ad accelerare dal 68,5% di marzo a circa il 75% nei prossimi mesi, nonostante quasi un anno di forti aumenti dei tassi di interesse. Fino a quando l’aumento dei prezzi non rallenterà, è improbabile che gli investitori obbligazionari si precipitino nel mercato del debito in lira, un obiettivo chiave del governo turco.

Tre decisioni critiche vengono prese in tutta la regione:

  • Martedì, i funzionari del Malawi potrebbero essere persuasi ad aumentare nuovamente il tasso di interesse di riferimento per frenare l'inflazione, che probabilmente rimarrà elevata a causa dei danni ai raccolti dovuti alle condizioni meteorologiche avverse.

  • La Banca centrale ceca annuncerà la sua ultima decisione giovedì, con la previsione che i politici taglieranno i costi di finanziamento di 50 punti base.

  • Il giorno successivo, la Norges Bank potrebbe mantenere invariato il tasso sui depositi dopo che l’economia norvegese si è sviluppata meglio del previsto, anche se l’inflazione è rallentata più rapidamente del previsto. Gli investitori guarderanno se i politici stanno diventando più cauti nell’iniziare a tagliare i costi di finanziamento in autunno.

READ  In sella alla donna responsabile dell'ultima muscle car d'America

America Latina

I rapidi dati sulla produzione del primo trimestre del Messico mostreranno probabilmente che l'economia ha subito una leggera contrazione nei tre mesi fino a dicembre. Gli analisti concordano sul fatto che la crescita rallenterà per il terzo anno nel 2023, a circa il 2,4% dal 3,2% del 2023.

Il Brasile pubblicherà una serie di rapporti, tra cui una misura più ampia dell’inflazione, un’indagine sulle aspettative della banca centrale, sulle partite correnti, sulla produzione industriale e sul tasso di disoccupazione nazionale.

Dallo scorso giugno, il tasso di disoccupazione nella più grande economia dell'America Latina è sceso al di sotto dell'8%, che molti osservatori brasiliani vedono come un tasso di disoccupazione nell'economia che non accelera l'inflazione.

Il Cile pubblica una serie di indicatori per marzo, tra cui vendite al dettaglio, disoccupazione, produzione industriale, manifattura, produzione di rame e dati sul PIL. Una crescita più forte del previsto e un’inflazione più elevata hanno spinto la banca centrale a rallentare il ritmo dell’allentamento monetario all’inizio di questo mese.

In Perù, un rapporto sull'inflazione di aprile a Lima, l'enorme capitale del paese, potrebbe mostrare che i prezzi sono finalmente tornati nell'intervallo di tolleranza compreso tra l'1% e il 3%, pur essendo ancora al di sopra dell'obiettivo del 2%.

Si prevede che la banca centrale colombiana espanderà il suo ciclo di allentamento con un secondo taglio consecutivo di mezzo punto percentuale che porterebbe il tasso di interesse di riferimento all’11,75% in un processo costante di riduzione dell’inflazione. BanRep pubblicherà inoltre il suo rapporto trimestrale sull’inflazione, aggiornerà le previsioni di crescita e inflazione, oltre a fornire previsioni riviste sulla politica monetaria.

-Con l'assistenza di Ott Omelas, Robert Jameson, Laura Dillon Kane, Vince Juhl, Patrick Donahue, Brian Fowler, Monique Vanek e Paul Wallace.

(Aggiornamenti con il nuovo Ministro delle Finanze tailandese nella sezione Asia)

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2024 Bloomberg LP