Giugno 25, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Perché l’Italia scappa (per ora) Vokis

“Non c’è Vogue in Italia”, promette Maimuna, fondatrice dell’Associazione genovese antirazzista e transfemminista “Be Vogue Italy”. Non esiste un sinonimo per questa parola in latino, quindi un giovane attivista italiano di origine senegalese deve definire sistematicamente il significato della parola, oltre a “il suo popolo etnico”. La sua associazione è una delle poche ad affermare di essere “risorta” in tutta Italia, e conta meno di 1.500 iscritti su Instagram e 300 iscritti su Facebook. Esiste infatti un’associazione femminista chiamata “Non Una di Meno”, la NousToutes italiana, le cui sedi si trovano nelle principali città italiane. Ma per Maimuna è difficile formare un gruppo con il “femminismo bianco”, mentre la sua associazione lo condanna accuratamente.Offerta bianca“E questo”Complesso del Redentore Bianco“Tuttavia, si sono già svolte manifestazioni per proteggere le minoranze etniche o sessuali. Entro giugno 2020, altre migliaia A Roma e Torino Per sostenere il movimento Black Lives Matter. Più di recente, una folla di oltre 10.000 persone si è riversata in piazza Sempione a Milano dopo essere stata respinta alla fine di ottobre. Legge contro l’omosessualità del Senato. Ma era difficile sentire gli slogan del “risveglio” nelle processioni. Stai incolpando il basso livello di lingua inglese nel paese? È possibile – L’Italia è una delle più I peggiori studenti dell’UE Nel caso. Tuttavia, le idee “risvegliate” hanno colpito prima i paesi di lingua inglese come la Gran Bretagna o il Nord.

Ma tale silenzio dall’Italia è ancora più sorprendente, poiché ha goduto del ruolo di episodi tragici che potrebbero facilmente catturare la sua “cancellazione della cultura”. Quando in Francia, la statua Jean-Baptiste Colbert al suo cappotto noir, Nei nostri paesi vicini, l’eccesso è stato parziale. Rimane intatto l’obelisco per la gloria di Deus nel centro di Roma. Come il monumento genovese alla gloria del navigatore Cristoforo Colombo, il simbolo del colonialismo d’oltre Atlantico è: “A Christoforo Colombo, la Patria”. A Genova, nel nord Italia, il 12 ottobre è un giorno per rendere omaggio al “miglior concittadino”. Tranne alcuni, compresi i membri di “Be Woke Italia” che hanno incollato manifesti che denunciavano l’immagine del colonialista.“Killer” e “stupratore”. Per più di un mese, non ci sono stati crolli mediatici o politici.

Una “storia meno coloniale”

Mark Lazarus, esperto di Italia contemporanea e direttore del Centro di Storia della Scienza Poe, non si è stupito. “L’Italia ha una bassa storia coloniale e non ha gli stessi rapporti della Francia – la sua decolonizzazione è complessa – con la popolazione coloniale”. Insieme al filosofo Mauricio Ferraris, l’Italia non ha “orgoglio coloniale” come quello di Inghilterra e Francia, spingendole a intraprendere un’azione politica per “correggere” gli errori passati della sua passata dominazione continentale. “Tra i colonialisti e le vittime, gli italiani, a torto oa ragione, e senza qualche masturbazione, si collocherebbero tra le vittime”.

READ  WTA - Montreal> Georgia, nuovo record per l'Italia?

Offerta limitata. Da 1€ a 2 mesi senza impegno

Piuttosto erroneamente, secondo Marco Lazzaro, che calcolò le “massacri” attestate da molti storici italiani, In Etiopia e Libia Durante il XIX secolo e il fascismo. “Non passa nel dibattito nazionale”, riassume. Sul tema: Il posto degli intellettuali nel dibattito pubblico italiano. “I leader repubblicani o comunali non accolgono al loro tavolo intellettuali su questioni che affliggono la società italiana, come hanno fatto i presidenti Macron o Sarkozy”. Come in Francia, il lavoro degli storici ha subito un impatto sul dibattito pubblico perché, secondo Mark Lazarus, “determinano la costruzione della nostra identità nazionale”.

“Faccia nera” nel servizio pubblico

Secondo l’esperto, un romanzo nazionale sbiadito aiutato dalla realtà digitale: “Ci sono meno minoranze etniche che in Francia, dove gli immigrati provengono dagli imperi coloniali”. In Italia, nelle circostanze normali, cinque milioni di immigrati erano per lo più romani o albanesi. Questi ultimi non risentono del passato coloniale del paese ospitante. A differenza dei discendenti di Harkis o Blackfoot in Francia, il ricordo della decolonizzazione è ancora più doloroso. Perché per gli italiani l’immigrazione in realtà è iniziata negli anni Settanta. Il paese è più una destinazione per la Francia che un’ancora. Secondo il filosofo Mauricio Ferraris, “gli immigrati sono ancora poco rappresentati dai media. Bisogna aspettare un’altra generazione”.

Questa osservazione, condivide Maimuna: “Quando vediamo i neri in tv in Italia, è perché sono atleti”. Fino a pochi mesi fa abbondavano i “volti neri” in televisione, il canale di servizio pubblico che dava “Spotlight” ad altri paesaggi mediatici, tra cui Roy. Sotto la pressione dei gruppi antirazzisti che condannano “il linguaggio razzista, sessuale, omosessuale e transnazionale”, il canale ha promesso ad aprile: “Basta con le facce colorate, non più con situazioni del genere”. Lo scandalo è scoppiato in seguito al trattamento razzista dell’artista italo-tunisino Gali da parte del regista Sergio Munis. Ad agosto due canali di servizio pubblico, Roy 3 e Roy Story, hanno ospitato Ida (Arena de Verona – 2021). Un’altra “faccia nera”. L’Associazione DEI Futuro Antirazzista, che ha firmato la prima lettera contro Roy, lo ha denunciato sul proprio account Twitter: 7 opzioni e silenzio nel resto del panorama mediatico.

READ  Sport | Italia: si dimette il boss della Sampteria dopo l'arresto

Dato l’impatto della televisione di stato e la sua svolta editoriale, dovremmo sorprenderci che i commenti “svegli” non passino attraverso i media? Marcello Fova, presidente dal 2018, Considerato sovrano urofico, omosessuale, razzista, antivaccino e pro Putin. La candidatura del giornalista era stata avanzata dagli allora partiti della coalizione di governo, il Movimento 5 Stelle e la Lega – le cui posizioni sostengono quelle di Matteo Salvini, il leader del partito di estrema destra La Liga. A metà novembre il direttore del Tg di Rai2, Gennaro Sangiuliano, È noto e aggiornato il sodalizio di Matteo Salvini con la Lega. Per non parlare di ciò che Pavlo Petreca ha descritto a JD del canale all-information Roy News. Repubblica Come amico Georgia Maloney, Leader del partito postfascista Fratelli d’Italia. Un piccolo scandalo è stato subito messo in secondo piano tra le preoccupazioni dei giovani italiani.

Drenaggio cerebrale

“La prima preoccupazione dei giovani italiani non sono tanto i conflitti ideologici, quanto i conflitti sociali, ovvero l’accesso alle posizioni professionali che desiderano”, analizza Mark Lazar. Nel 2018 hanno insediato 128mila giovani italiani. L’ultimo rapporto dell’Istituto Italiano di Ricerche Socio-Economiche Senseis indica un numero in continua crescita. Il drenaggio del cervello è in aumento Anno dopo anno, i cittadini neolaureati si aspettano salari e opportunità migliori. Si recano anche in Germania, Regno Unito o Belgio per sfuggire al tasso di disoccupazione del 30% tra i 15-24enni, uno dei più alti d’Europa.

Così l’Italia sta diventando una gerontocrazia nel declino dell’intera popolazione. Un modello che non si conforma all’ideologia “risvegliata” è principalmente preservato dalle giovani generazioni, spesso provenienti da famiglie benestanti. Tuttavia, come ritiene Mark Lazar, “l’élite con un’istruzione superiore in Italia è molto piccola”. Infatti, è uno dei pochi paesi dell’UE con una bassa percentuale di persone con un master, rispetto alla popolazione in età a ricevere questo diploma. Lo squilibrio causato dall’epidemia di Govt-19 si è ulteriormente ampliato e la povertà è scoppiata nella penisola, con 5,6 milioni di persone che vivono in condizioni di povertà assoluta entro il 2020. Da quindici anni in Italia non si registrano dati del genere.

atei cattolici

Ricchi o poveri, privilegiati o no… c’è uno standard: la tradizione cristiana, in cui Icone come la croce Si trova anche nelle scuole statali. Negli Stati Uniti, l’intellettuale cattolico repubblicano Ross Douthat, nel suo articolo New York Times Il vocabolario fa parte della lotta per definire quale prospettiva religiosa dovrebbe cambiare il ruolo che la teologia ha svolto in passato. Difficile trasferire questa osservazione all’Italia, dove segue il 79% dei credenti, di cui il 25% cattolici.

READ  un indesiderabile pourrait rester in Italia

Se la pratica del cattolicesimo è diminuita negli ultimi anni, è diventata così radicata che Mauricio Ferraris descrive gli italiani come “atei cattolici”. Secondo il filosofo, “l’aspetto sociale del risveglio dell’ideologia è già stato ripreso dal cattolicesimo”, che non è una religione, ma uno stile di vita. Citando valori, secondo i quali “non bisogna mai creare superiorità o esercitare troppo potere sugli altri, condividere e sostenere sempre gli altri”. Argomentare nella teoria del voxismo.

Alcuni intellettuali sentono su Vogue una forma di ideologia puritana più vicina al protestantesimo che al cattolicesimo, permettendo alla sua confessione di espiare i peccati. È stato sostenuto da Joseph Bottom, professore all’Università del South Dakota ed esperto di eventi politici e religiosi. Nel suo libro Una rabbia appassionata, un’etica post-protestante e lo spirito dell’America, collega gli effetti della caduta del protestantesimo negli Stati Uniti con l’emergere di nuovi puritani che si definiscono “post-protestanti” la cui religione è la cultura “risvegliata”. UN Al colloquio Figaro Nel 2020, l’intellettuale ha analizzato l’evento come segue: “Abbiamo la Chiesa di Cristo senza Cristo. Ciò significa che il perdono non è possibile. , Ci libera. Se rimuovi Cristo dall’immagine, tu … otterrai un senso di colpa bianco e razzismo legittimo.


Applicazione L’Express

Segui l’analisi e la crittografia ovunque tu sia

Scarica l'app

Scarica l’app

La cultura umana, pilastro sacro della società italiana, viene insegnata fin dalla tenera età. Il latino, il greco e la filosofia sono essenziali al liceo classico, e si sente anche ai vertici dello stato, secondo Mark Lazarus: “Molti politici amano dire qualche parola in latino nei loro discorsi. Televisione”. Descrive una comunità italiana molto gerarchica dove c’è “grande rispetto per titoli e diplomi”. E le arti. “Rinascimento, Raffaello, Bodicelli: l’Italia non ha smesso di sviluppare il proprio patrimonio culturale come simbolo nazionale”, osserva l’esperto. “Allora dobbiamo demolire Bodicelli?”


opinioni

cronico

Protesta contro il riscaldamento globale durante la COP26 a Glasgow, in Scozia, il 7 novembre 2021Pierre Abadie, Direttore Clima di Tikehau Capital

cronico

Riflessioni sul messaggio dell'autore Christoph Donner.Di Christophe Toner

Diario di un liberale

"Nuvole di rabbia sociale si stanno formando all'orizzonte.  Pertanto, dobbiamo lavorare per la povera Francia che è stata esclusa dal lavoro e per i lavoratori poveri che ora sono preoccupati e strangolati."Di Alain Model

cronico

Apnos SalmaniApnos Salmani