Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Osserva il Sole trascinare brevemente la coda della cometa Satana

Osserva il Sole trascinare brevemente la coda della cometa Satana

La navicella spaziale Stereo della NASA ha rilevato una potente esplosione sul Sole, strappando la coda della cometa Pons Brooks, sebbene questa sia ricresciuta rapidamente. Questa non è la prima volta che Stereo A vede il sole giocare con una palla di neve sporca come questa, ma le immagini sono particolarmente drammatiche.

Le code delle comete sono oggetti deboli che si formano quando il vento solare spinge il gas e la polvere creati dalla sublimazione del ghiaccio lontano dalla testa di una cometa. Non ci vuole molto per disabilitarlo; A volte si vedono comete con due code, una gassosa e l'altra polverosa, che puntano in direzioni leggermente diverse, e la coda gassosa è particolarmente sensibile alle condizioni.

Quando i brillamenti solari sollevano le espulsioni di massa coronale (CME) dalla superficie del Sole, le particelle espulse possono colpire le code delle comete, e la sonda spaziale STEREO, che segue le tempeste solari, ha spesso catturato questo fenomeno. Vedi, ad esempio, questo caso nel 2013 quando si potevano vedere due comete nello stesso campo visivo, una che scodinzolava come un girino o uno spermatozoo congelato ma particolarmente definito.

Un'espulsione di massa coronale del 2013 ha colpito con successo due comete contemporaneamente, come visto in stereo.

Credito immagine: Carl Batthams/NASA/STEREO/CIOC

La navicella spaziale STEREO non si limita a guardare le code delle comete per divertimento. Come il loro sito web Appunti“L’utilizzo delle code delle comete come inseguitori potrebbe fornire dati preziosi sulle condizioni del vento solare vicino al Sole”.

Come suggerisce il nome, la navicella spaziale STEREO è progettata per fornire due doppie visualizzazioni dell'attività solare, una con un'orbita qualche settimana più corta di quella terrestre, l'altra leggermente più lunga. La linea di base tipicamente lunga ha fornito alla NASA una visione senza precedenti dell’attività solare per un decennio, ma il contatto con STEREO B è stato perso nel 2016, e anche dopo che è stato recuperato, i tentativi di recuperarlo sono falliti.

READ  La navicella spaziale Soyuz attraccò a causa di una perdita di refrigerante alla Stazione Spaziale Internazionale

STEREO A è proseguito, anche se la sigla ormai è imprecisa. Il suo nome completo è Osservatorio per le relazioni solare-terrestri A e ha continuato ad aiutare gli astronomi a capire come la volatilità del Sole influisce sulla Terra. Come mostrano queste immagini, fa lo stesso per altri componenti del sistema solare.

Il 12 aprile, STEREO A ha osservato una grande CME al largo del Sole. Questo evento si è verificato all'incirca nella direzione opposta alla Terra, quindi non ha causato alcuna aurora qui, anche se un altro evento si è verificato più o meno nello stesso momento. Il cielo sopra la Tasmania si è illuminato. Ma dopo una settimana, Spaceweather.com ha preso nota Impatto dell'evento sulla cometa Pons Brooks. In termini astronomici questo fu un “evento di separazione” in cui la forza aggiuntiva del vento solare causò la separazione della coda dal nucleo della cometa e la sua partenza come la scienza di Rohan su Le due torri.

L'effetto è stato così forte in parte perché l'espulsione coronale è stata così potente, ma anche perché Pons Brookes si trovava a 120 milioni di chilometri (75 milioni di miglia) dal Sole, l'80% della distanza terrestre. Sebbene nello stereo A la cometa sembri quasi toccare Giove, il pianeta gigante era a circa 1 miliardo di chilometri (620 milioni di miglia) di distanza e sarebbe stato difficilmente colpito.

Pons-Brooks non è stato all'altezza del suo titolo ultimamente. Ha ricevuto l'etichetta “Cometa del Diavolo” perché nel suo percorso è esplosa più volte (come aveva fatto nelle visite precedenti) e alcune di loro hanno prodotto quelle che sembravano corna da diavolo. È un peccato che le esplosioni siano state fermate quando avrebbero fatto del loro meglio per consentire a più persone di vedere la cometa. È particolarmente spiacevole che nessuno di essi abbia coinciso con questa espulsione coronale. Immaginate un'eruzione che spazza via qualcosa di molto più luminoso e complesso.

READ  Il telescopio spaziale Webb rileva le principali molecole sull'esopianeta K2-18b

La buona notizia è che, sebbene le comete siano spesso paragonate ai gatti, quando si tratta della coda sono più simili agli scinchi, che possono perdere le loro appendici e farle ricrescere.