Aprile 17, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Opzione paywall AI di Google Eyes, rapporto sui sinistri

Opzione paywall AI di Google Eyes, rapporto sui sinistri

Secondo quanto riferito, Google, utilizzato da oltre un miliardo di persone in tutto il mondo, sta valutando la possibilità di far pagare i contenuti premium generati dall’intelligenza artificiale (AI).

Secondo quanto riferito, la società, di proprietà di Alphabet Inc, sta rinnovando il suo modello di business e sta cercando di mettere alcuni dei suoi prodotti principali dietro un paywall.

Questa sarà la prima volta che Google addebiterà uno qualsiasi dei suoi contenuti.

Google ha detto di non avere nulla da annunciare “in questo momento”.

Secondo il Financial Times (FT), l'azienda sta valutando se aggiungere alcune funzionalità di ricerca basate sull'intelligenza artificiale ai suoi servizi di abbonamento premium che già offrono l'accesso a un nuovo assistente AI chiamato Gemini, che è la versione di Google del suo chatbot virale ChatGPT. .

Secondo quanto riferito, i dirigenti non hanno ancora preso una decisione su quando o se procedere con la tecnologia, ma il Financial Times ha affermato che gli ingegneri stanno sviluppando le conoscenze necessarie per implementare il servizio.

Il tradizionale motore di ricerca di Google rimarrà gratuito ma continuerà a presentare annunci insieme ai contenuti cercati, che vedranno anche gli abbonati. ha detto il Financial Times.

Presentava anche soldati tedeschi della seconda guerra mondiale, raffiguranti erroneamente un uomo di colore e una donna asiatica.

Google si è scusato e ha immediatamente messo in pausa lo strumento, dicendo che “manca il bersaglio”.

Tuttavia, per la maggior parte degli internauti è ancora l'azienda numero uno nella ricerca di informazioni.

Secondo la società di ricerche di mercato globale Statista, Google domina il mercato dei motori di ricerca desktop dal 2015 con oltre l’80% degli utenti Internet. Vari siti web affermano che abbia oltre un miliardo di utenti giornalieri.

La maggior parte delle entrate di Google viene generata attraverso la pubblicità. La sua società madre, Alphabet, è una delle più grandi società Internet al mondo con una valutazione nel 2023 di 1,6 trilioni di dollari (1,26 trilioni di sterline), secondo Statista.

Ma si è diversificato e ora offre posta, strumenti di produttività, prodotti aziendali e dispositivi mobili, tra le altre iniziative, e nel 2023 ha generato ricavi per circa 305,6 miliardi di dollari (241 miliardi di sterline).

In una dichiarazione rilasciata alla BBC, Google ha affermato che “non sta lavorando o considerando un'esperienza di ricerca senza pubblicità”.

“Come abbiamo fatto molte volte in passato, continueremo a creare nuove funzionalità e servizi premium per migliorare le nostre offerte di abbonamento su Google”, ha affermato il colosso della ricerca. “Non abbiamo nulla da annunciare adesso.”