Aprile 17, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Odawara: una città castello giapponese che invita i viaggiatori a diventare un daimyo per un giorno

Odawara: una città castello giapponese che invita i viaggiatori a diventare un daimyo per un giorno

Nota dell'editore: questa serie di viaggi della CNN è o è stata sponsorizzata dal paese in evidenza. La CNN mantiene il controllo editoriale completo su argomenti, rapporti, frequenza di articoli e video sponsorizzati, in linea con La nostra politica.


Odawara, Giappone
CNN

Il posizionamento preciso del tradizionale casco “Kabuto” e la regolazione del sottogola in cordino completano questa trasformazione.

Simon Celestine è arrivato al castello di Odawara come turista dalla Francia, ma ora è padrone di uno dei castelli di epoca feudale più imponenti del Giappone, anche se solo per un giorno.

Situata a soli 80 chilometri dal centro di Tokyo, Odawara è una pittoresca città portuale con una ricca storia che affonda le sue radici nel potente clan Hojo, nel fedele ninja Fuma e nella battaglia climatica che ebbe luogo qui nel 1590 per dare forma al Giappone moderno.

Tuttavia, il più delle volte, i visitatori stranieri attraversano la città su un treno ad alta velocità rimanendo fedeli alle destinazioni della “Strada d’Oro” di Tokyo, Kyoto e Osaka.

Con il numero di visitatori stranieri che ora supera il picco registrato nei mesi immediatamente precedenti la pandemia, il governo giapponese desidera incoraggiare i turisti a esplorare alcune delle destinazioni meno conosciute ma ugualmente impressionanti del paese.

Associazione turistica di Odawara

I turisti abbandonano i loro abiti del 21° secolo come parte di un'esperienza di “daimyo di un giorno” a Odawara.

Odawara è stata scelta come uno dei primi destinatari dell'assistenza governativa per raccontare la sua storia, e le autorità turistiche locali sono state impegnate a ideare iniziative che sfruttino i suoi punti di forza.

Data la sua storia e il castello davvero maestoso, aveva senso offrire ai visitatori uno spaccato di Odawara rendendoli i padroni (daimyō) del dominio, compresi i costumi.

“Speriamo davvero che la nostra campagna metta Odawara sulla mappa e incoraggi più persone a visitare e pernottare”, ha detto a CNN Travel Naoya Asao, responsabile della promozione internazionale dell'Associazione turistica di Odawara.

“Odawara è spesso vista come la porta verso destinazioni più popolari, come Hakone o la penisola di Izu, ma ci sono così tante cose da vedere e da fare qui. Abbiamo una grande storia e pensiamo che rendere i visitatori “Daimyo for the Day” sia un'esperienza un modo unico per condividerlo”.

Celestine, 37 anni, ha scelto di unirsi a tre amici per l'esperienza curata che è iniziata con loro che si sono spogliati dei loro abiti del 21° secolo.

READ  Charles Bosch, la leggenda delle nuvole, racconta tutto nel suo nuovo libro di memorie

Con l'aiuto di esperti di costumi che solitamente vestono gli attori che compaiono in vecchi film e serie TV giapponesi, i visitatori hanno prima indossato lunghe magliette bianche legate con una cintura intorno alla vita. Dovevano quindi indossare gambali larghi sopra le ginocchia ma stretti sopra gli stinchi prima che le guardie, tradizionalmente costituite da stecche di ferro attaccate all'armatura a catena, fossero attaccate.

Le singole maniche corazzate ricoperte da disegni colorati venivano fissate in posizione una per una prima che l'armatura toracica fosse attaccata. Con un'ampia cintura in vita, ciascuno dei guerrieri moderni riceveva le proprie armi.

È stato detto loro che la spada lunga, o katana, serve per colpire i nemici, mentre il wakizashi più corto deve rimanere nel fodero finché il suo proprietario non commette un peccato abbastanza grave da richiedere il seppuku, o l'auto-sventramento rituale usando un taglio a forma di L nello stomaco.

Associazione turistica di Odawara

Situata a 50 miglia da Tokyo, Odawara è una pittoresca città costiera con una ricca storia.

L'allenatore ha aggiunto che spera vivamente che il wakisazi degli ospiti rimanga nel fodero per tutta la durata della loro permanenza.

Con l'aggiunta dell'elmo nero corvino elegantemente ricurvo di Kabuto, i quattro Daimyo sono pronti ad esplorare il loro mondo.

Mentre uscivano dal centro visitatori, i quattro stranieri attirarono sguardi curiosi da parte della gente del posto, il che potrebbe aver contribuito all'iniziale mancanza di spavalderia del daimyo. Tuttavia scoprirono presto la loro nobiltà quando attraversarono l'ampio fossato esterno del castello e furono accolti da rappresentanti finemente vestiti di armature guerriere del periodo degli Stati Combattenti del Giappone, i decenni della guerra civile del XV e XVI secolo.

Strategicamente situato sulla stretta pianura tra le acque della baia di Sagami e le montagne che si innalzano ripide fino alle pendici del Monte Fuji, Odawara controllava praticamente tutto il traffico stradale tra l'antica capitale Kyoto ed Edo, che alla fine divenne la moderna Tokyo.

I clan rivali combatterono per il controllo di Odawara finché la famiglia Hojo ne fece una base per le terre che coprivano gran parte di quella che oggi è la regione del Kanto, nel Giappone orientale, dove il castello fu il simbolo supremo della loro autorità e potere durante gran parte del XVI secolo. Cinque generazioni del clan Hojo avevano reso il castello di Odawara uno dei castelli più temuti del paese e non era mai stato espugnato con successo in battaglia.

READ  Khloe Kardashian interpreta la sua "iconica" sorella Kim in un abito vivace

Associazione turistica di Odawara

Come parte dell'esperienza daimyo, i visitatori ricevono uno spettacolo musicale speciale.

Tuttavia, i suoi difensori furono sconfitti quando Toyotomi Hideyoshi assediò la città nel 1590 con un esercito di circa 250.000 uomini e sottomise il clan Hojo per fame. Un vendicativo Hideyoshi ordinò che il castello fosse raso al suolo, mentre nuovi edifici successivamente costruiti sullo stesso sito furono gravemente danneggiati dai terremoti finché il governo Meiji non ordinò la demolizione definitiva del castello nel 1870.

Il mastio a cinque piani in cemento armato è stato ricostruito solo nel 1960, con altre strutture storiche all'interno del parco del castello di 106 ettari riportate al loro antico splendore, tra cui spesse mura difensive, torri di guardia e una serie di porte difensive sapientemente progettate. .

Dietro gli splendidi ciliegi in primavera, Celestino e il suo compagno daimyo attraversarono un altro fossato difensivo e oltrepassarono un cancello per ritrovarsi in un cortile acciottolato di fronte all'imponente cancello principale.

I visitatori sono stati accolti da un gruppo di musicisti che suonavano il tradizionale tamburo taiko, lo shamisen e il flauto shinobu, e hanno assistito a un'esibizione che metteva in risalto le abilità del leggendario ninja giapponese, mentre gli attori raccontavano una storia di lealtà e vendetta illustrata con illustrazioni. Combattimenti con la spada, salti sui muri e rotolate acrobatiche.

Odawara è la tradizionale dimora del clan ninja Fuma, leali sostenitori della famiglia Hojo. Nel 2019 è stato aperto un museo dedicato ai ninja nel parco del castello, dove i visitatori sono stati incoraggiati a provare una tradizionale spada ricurva o armi improvvisate, anche se erano qualcosa di innocuo come le bacchette.

Il museo tenta anche di sfatare alcuni dei miti che circondano i ninja, che erano tanto spie e guaritori quanto mercenari.

Associazione turistica di Odawara

I visitatori vengono portati fuori per un pasto tradizionale kaiseki prima di trascorrere la notte all'interno del castello.

Il cortile più interno si trova oltre un altro ponte sopra un fossato, su una rampa di ripidi gradini e attraverso un cancello incastonato in un muro spesso due metri. Di notte, il mastio bianco brillante è illuminato e può essere raggiunto solo tramite un'altra rampa di ripidi gradini: chiaramente i difensori del castello desideravano tenere a bada i loro nemici.

READ  Il ritorno di Henry Cavill The Witcher non è avvenuto dopo l'uscita di Superman

Il mastio ospita un piccolo museo di tesori locali, tra cui manoscritti, kimono e spade splendidamente conservati.Porta il daimyo ad un ricevimento al quinto piano. Sono stati presentati loro manoscritti recanti il ​​sigillo ufficiale del clan Hugo e hanno ammirato i loro giardini con bicchieri di champagne dal balcone che correva intorno alla cima del castello.

Il livello superiore del castello è anche il luogo in cui il Monaco Volante impartisce lezioni di consapevolezza. Tomomi Iwayama Ha seguito le sue sessioni di meditazione e consapevolezza online durante la pandemia e ha lavorato con le principali aziende di tutto il mondo, ma è felice di tornare a insegnare di persona.

I partecipanti sono invitati a sedersi a gambe incrociate con la schiena dritta su cuscini quadrati sul pavimento per concentrarsi meglio sull'inspirazione e sull'espirazione dal profondo del proprio corpo. Con la pratica quotidiana, anche le persone con la mente che tende a vagare, dice Iwayama, dovrebbero essere in grado di concentrarsi semplicemente sull’inspirazione e sull’espirazione per raggiungere una consapevolezza rilassata per un massimo di 30 minuti.

La giornata si conclude con un banchetto degno di un daimyo in un ristorante vicino, a cui si accede attraverso un tradizionale giardino di muschi, alberi potati e lanterne di pietra. I maestri vengono accolti da una geisha inginocchiata e possono riscaldarsi accanto a una stufa irori incassata. Un pasto kaiseki a più portate con prelibatezze locali, tra cui sashimi pescato da barche locali e verdure di montagna sansai.

Guarda questo contenuto interattivo su CNN.com

Mentre i signori mangiano e brindano a vicenda con la bevanda locale, il sakè, le geishe elegantemente vestite ballano, suonano lo shamisen e si assicurano che i loro bicchieri rimangano in cima.

I Daimyo tornano al castello dove trascorrono la notte al piano superiore, proprio come facevano i loro antenati. È importante sfruttare al massimo il tempo che gli resta perché domani torneranno ad essere cittadini comuni.

L’esperienza “Il Maestro del Castello” è prenotabile attraverso il sito ufficiale Sito web dell'Associazione turistica di Odawara.