Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Nigel Farage affronta le accuse di razzismo da parte di un attivista

Nigel Farage affronta le accuse di razzismo da parte di un attivista

Spiegazione video, Farage ha chiesto come avrebbe affrontato il razzismo all’interno del servizio correzionale del Regno Unito

  • autore, Kate Whannell
  • Ruolo, Reporter politico

Il leader del Partito riformista britannico Nigel Farage ha ribadito che i filmati che mostrano commenti razzisti apparentemente fatti da uno degli attivisti del suo partito erano una “montatura”.

Ha affrontato le domande rabbiose del pubblico del Question Time della BBC durante una trasmissione di Channel 4 che mostrava Andrew Parker, un membro del Partito riformista britannico, usare un termine razzista nei confronti del primo ministro Rishi Sunak.

Farage ha descritto i commenti come una “serie di abusi indecenti”, ma ha suggerito che l’uomo potrebbe essere stato pagato.

In risposta ad altri commenti fatti dai candidati del Partito riformista britannico, Farage ha detto che “non voleva avere niente a che fare con” loro e ha aggiunto che aveva ritirato il suo sostegno nei loro confronti.

Il co-leader del Partito dei Verdi Adrian Ramsay, parlando con Farage nello stesso programma, ha condannato i commenti di Parker come “spaventosi” e ha detto che sono un “forte promemoria del futuro verso cui potremmo andare se le persone sostengono la riforma elettorale”.

Interrogato sui commenti fatti da alcuni dei suoi candidati, ha affermato che le preoccupazioni saranno adeguatamente indagate.

Attenzione: questa storia contiene un linguaggio che potrebbe essere offensivo

Ha detto che le sue figlie “dovevano vedere e ascoltare i riformisti che hanno fatto una campagna per Nigel Farage” usando un linguaggio razzista contro di lui.

Ha detto che Farage ha “alcune domande a cui rispondere”.

Oltre all’insulto rivolto al Primo Ministro, Parker è stato anche sentito descrivere l’Islam come “la fede più disgustosa” e suggerire alle reclute dell’esercito di effettuare un “addestramento mirato” sparando a piccole imbarcazioni che trasportano immigrati clandestini nel Regno Unito.

In una dichiarazione, Parker ha detto che voleva “scusarsi profondamente con Nigel Farage e il Partito riformista se le mie opinioni personali si riflettessero male su di loro e danneggiassero la loro reputazione poiché non era mia intenzione”.

La polizia dell’Essex ha affermato che sta effettuando una “valutazione urgente” dei commenti fatti nel programma “per determinare se vi siano reati penali”.

Farage ha affermato di aver fatto di più per espellere l’estrema destra di qualsiasi persona vivente nella politica britannica.

“Mi sono candidato per il British National Party più di dieci anni fa. Ho detto ai loro elettori: se questo è un voto di protesta ma non sostenete la loro agenda razzista, non votate per loro, votate per me e io li distruggerò. loro.”

Ha continuato ripetendo le affermazioni fatte all’inizio della giornata secondo cui il signor Parker era un attore con un alter ego, e ha suggerito che si trattasse di un “assetto politico di proporzioni sconcertanti”.

“Questo è progettato per ferirci e sfortunatamente alcune persone ci credono”.

Commenta la foto, Il leader del Partito dei Verdi Adrian Ramsay ha condannato i commenti di Andrew Parker definendoli “spaventosi”.

La BBC ha tentato di contattare Parker in merito ai commenti di Farage, ma lui non ha voluto commentare.

Channel 4 News ha affermato di essersi attenuto al suo “giornalismo rigoroso e imparziale”, aggiungendo di aver incontrato Parker per la prima volta presso la sede del British Reform Party e di non avergli pagato alcun denaro.

A Farage è stato poi chiesto di altri commenti fatti dai candidati Reform UK.

Edward Oakenfull, che vive nel Derbyshire Dales, ha scritto post offensivi sui social media sul QI degli africani sub-sahariani. Ockenful ha detto alla BBC che i suoi commenti sono stati “presi fuori contesto”.

Robert Lummes, un candidato a Barnsley North, avrebbe affermato che i neri dovrebbero “uscire da… [their] “Pigro” e smettila di comportarti “come selvaggi”. I commenti furono pubblicati dal Times l’8 giugno, con Reform che all’epoca sostenne che si trattava di “citazioni fuori contesto” e che occorreva più tempo per rispondere.

Lesley Lilley, che si trovava nella zona di Southend East e Rochford, avrebbe descritto le persone che arrivavano su piccole imbarcazioni come “feccia” e ha aggiunto: “Spero che le vostre famiglie vengano derubate, picchiate o attaccate”.

Farage ha dichiarato di sconfessare i suddetti candidati, aggiungendo: “Non voglio avere niente a che fare con loro”.

“Si trovano persone in tutti i partiti che dicono cose cattive e sbagliate”, ha detto, sottolineando che questo è in parte il risultato della necessità di trovare rapidamente candidati dopo la convocazione a sorpresa del primo ministro per le elezioni generali a luglio.

Lilley non è più indicato come candidato per la riforma del Regno Unito nella circoscrizione elettorale sul sito web del partito, ma Oakenfull e Lomas lo sono.

La BBC ha contattato l’Islah Party per confermare se il partito ha ufficialmente ritirato il proprio sostegno ai tre candidati.

Ma era troppo tardi per impedire che si presentassero alle urne.

Ad Adrian Ramsay, co-leader del Partito Verde, è stato chiesto anche dei commenti fatti da alcuni dei suoi candidati in relazione al conflitto a Gaza, compreso un candidato che ha paragonato Hamas ai combattenti della Resistenza francese nella Seconda Guerra Mondiale.

Ramsay ha affermato di non sostenere tali opinioni, aggiungendo che qualsiasi preoccupazione sarà “adeguatamente indagata attraverso i canali corretti nel partito” – affermando che tali canali sono separati dalla leadership.

“Purtroppo tutti i partiti hanno candidati che sono stati scelti in queste elezioni ma non sono più in grado di andare avanti”, ha detto.

READ  Esclusivo per gli Stati Uniti per concentrare l'attenzione delle Nazioni Unite sulle proteste in Iran