Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Nel rinvio del PGA Tour, Rory McIlroy sostiene l’accordo saudita

Nel rinvio del PGA Tour, Rory McIlroy sostiene l’accordo saudita

Il PGA Tour, che sta affrontando una schiacciante opposizione interna per la sua scelta di questa settimana di accettare il tipo di denaro saudita speso l’anno scorso come contaminato, mercoledì sembrava avere il sostegno di uno dei suoi giocatori più forti: Rory McIlroy, che è stato un critico vocale del campo da golf sostenuto dalla LIV, l’Arabia Saudita, che ha sconvolto lo sport.

Un decennio nel futuro, McIlroy ha predetto mercoledì che l’accordo per portare il tour e gli affari di LIV in una società controllata dal PGA Tour sarebbe stato “buono per il golf professionistico”.

“C’è molto mistero”, ha detto McIlroy mercoledì a Toronto, dove il tour inizierà giovedì. “C’è ancora molto da appianare. Ma significa almeno che la causa va via, il che è stato un pesante fardello per tutti i partecipanti al tour e per coloro che partecipano al tour, e possiamo iniziare a lavorare per alcuni una sorta di modo per unificare il gioco a livello di élite.” .”

McIlroy, un membro del consiglio del PGA Tour che alla fine dovrà accettare l’accordo che ha assediato quasi l’intera industria del golf quando è stato annunciato martedì, è solo un giocatore. Ma è tra i migliori giocatori di golf del mondo e la sua decisione di astenersi dall’unirsi all’ondata di condanna del PGA Tour è una preziosa tregua per il commissario Jay Monahan ei suoi alleati mentre si affrettano a frenare una rivolta anti-accordo.

Nella sua apparizione di mercoledì, McIlroy ha dichiarato la sua continua opposizione a LIV: “Odio ancora LIV. Li odio. Spero che se ne vada”. – ma ha sostenuto che il circuito potrebbe essere distorto una volta entrato a far parte di una società controllata dal PGA Tour. (Il round dovrebbe occupare la maggioranza dei seggi nel consiglio di amministrazione, ma Yasser Al-Rumayyan, il governatore del fondo sovrano saudita, è in linea con la presidenza della società e il fondo avrà il diritto esclusivo di investire nella nuova società .)

“Che ti piaccia o no, il PIF e i sauditi vogliono spendere soldi nel gioco del golf”, ha detto McIlroy, riferendosi al Fondo per gli investimenti pubblici, il braccio governativo guidato da Al-Rumayyan. “Vogliono farlo e non si fermeranno”.