Maggio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

NASA: Serve un nuovo piano per riportare le rocce da Marte

NASA: Serve un nuovo piano per riportare le rocce da Marte

  • Scritto da Jonathan Amos
  • Reporter scientifico
Commenta la foto, Restituire campioni di Marte è un compito molto complesso e richiederà anni

La ricerca per restituire materiale roccioso da Marte alla Terra per vedere se contiene tracce di vita passata subirà una profonda revisione.

L’agenzia spaziale statunitense afferma che l’attuale progetto di missione non può restituire campioni prima del 2040 con i fondi esistenti e che i più realistici 11 miliardi di dollari (9 miliardi di sterline) necessari per raggiungere questo obiettivo non sono sostenibili.

La NASA è alla ricerca di idee “fuori dagli schemi” che siano più economiche e veloci.

Spera di avere una soluzione sul tavolo da disegno entro la fine dell'anno.

Il recupero di campioni di roccia da Marte è la priorità più importante nell’esplorazione planetaria, e lo è da decenni.

Proprio come le rocce lunari portate a casa dagli astronauti dell’Apollo hanno rivoluzionato la nostra comprensione della storia primordiale del sistema solare, il materiale proveniente dal Pianeta Rosso probabilmente rimodellerà il nostro modo di pensare alle possibilità di vita extraterrestre.

Ma la NASA ora ammette che il suo approccio per ottenere rendimenti campione semplicemente non è realistico nell’attuale contesto finanziario.

“La conclusione è che 11 miliardi di dollari sono troppo costosi e non restituire campioni fino al 2040 è inaccettabilmente un periodo troppo lungo”, ha detto lunedì ai giornalisti l'amministratore della NASA Bill Nelson in una teleconferenza.

L'ex senatore americano ha affermato che non permetterà che le missioni scientifiche di altre agenzie vengano “smantellate” attraverso il Progetto Marte.

Fonte immagine, NASA/JPL-Caltech/MSSS

Commenta la foto, Il rover Perseverance sta raccogliendo campioni di roccia che verranno riportati sulla Terra

Il Mars Sample Return Program, o MSR, è uno sforzo congiunto con l'Agenzia spaziale europea (Esa).

L'attuale architettura è già in fase di realizzazione, il che significa che i campioni di roccia che verranno portati a casa sono in procinto di essere raccolti e catalogati su Marte oggi dal rover Perseverance della NASA.

Per la fine di questo decennio era prevista una missione successiva che avrebbe portato un razzo sulla superficie del pianeta rosso.

Una volta caricati su questo veicolo di risalita, i campioni di Perseverance verranno lanciati verso il cielo per incontrarsi con un veicolo spaziale di costruzione europea che potrà raccoglierli e dirigersi verso la Terra.

Si prevedeva che circa 300 grammi di materiale marziano sarebbero atterrati in una capsula nello stato dello Utah, negli Stati Uniti occidentali, nel 2033.

Ma una revisione indipendente pubblicata nel settembre dello scorso anno ha riscontrato difetti nel modo in cui è stata portata avanti la progettazione della missione. Tuttavia, ha espresso dubbi sul fatto che il programma possa essere mantenuto e che il costo salirebbe probabilmente tra gli 8 e gli 11 miliardi di dollari.

Commenta la foto, Opera: Il contributo principale di Europa è un modulo orbitante che riporterà i campioni a casa

Nella sua risposta pubblicata lunedì, la NASA non era in disaccordo con la valutazione. L’attuale architettura può essere leggermente semplificata, ma se si vuole che i campioni tornino a casa prima del 2040, sarà necessario un nuovo approccio.

“Si tratta certamente di un obiettivo molto ambizioso e dovremo perseguire alcune nuove possibilità molto innovative nel design, senza lasciare nulla di intentato”.

Queste nuove possibilità potrebbero includere un razzo marziano più piccolo e più semplice, ha detto.

Il dottor Fox ha dichiarato a BBC News che l'Agenzia spaziale europea resta centrale in questo sforzo. In effetti, il principale contributo dell’Europa – l’Earth Reentry Orbiter (ERO) – sarà probabilmente lanciato anche se un po’ più tardi di quanto attualmente previsto, forse nel 2030.

Il dottor Orson Sutherland, leader del Mars Exploration Group dell'ESA, ha affermato che la sua organizzazione esaminerà attentamente il piano di risposta della NASA.

“La nostra priorità resta garantire il miglior percorso da seguire per raggiungere gli obiettivi scientifici rivoluzionari della MSR e gettare le basi per le future missioni umane su Marte”, ha affermato.

Nelson ha sottolineato che la NASA rimane pienamente impegnata nel progetto MSR.

Tuttavia, era necessario rientrare nella dotazione di bilancio sostenibile, che secondo lui è compresa tra 5 e 7 miliardi di dollari.

Fonte immagine, NASA/JPL-Caltech

Commenta la foto, I minerali in alcune rocce del cratere Jezero furono probabilmente depositati in presenza di acqua del lago

La schiacciante necessità scientifica dietro l’MSR è stata sottolineata negli ultimi giorni dalle ultime indagini di Perseverance.

Il robot sta lavorando in un vasto cratere chiamato Jezero, che sembra aver contenuto un grande lago circa 3,8 miliardi di anni fa, uno scenario estremamente promettente per l’esistenza e la conservazione di organismi microbici.

Uno degli scienziati più esperti del rover, la professoressa Bryony Horgan della Purdue University, ha detto che questi campioni sono stati particolarmente emozionanti.

Ha detto alla BBC: “Al momento, abbiamo a bordo tre campioni di rocce di silice e carbonato; sulla Terra, questi due minerali potrebbero essere ottimi per preservare le antiche caratteristiche della vita”.

“Pensiamo sia possibile che alcuni dei campioni siano arenarie collocate nell'antico lago, ma stiamo ancora valutando anche altre origini. In ogni caso, queste rocce sono esattamente il tipo di campioni che siamo venuti a trovare su Marte, e” Non vedo l'ora di farlo. ” “Molti vogliono riportarli nei nostri laboratori sulla Terra.”