Giugno 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Mike Tomlin ha già fallito il test di George Pickens

Mike Tomlin ha già fallito il test di George Pickens

Sono un fan di Mike Tomlin da anni. Nel 2007 ho sostenuto che gli Steelers avrebbero dovuto assumerlo per succedere a Bill Cowher. (All’epoca speravo che i Vikings lo scegliessero al posto di Brad Childress nel 2006.)

Ma non guarderò dall’altra parte nelle rare occasioni in cui Tomlin commette un errore. Con il ricevitore George Pickens, Tomlin ha.

Il semplice fatto che Pickens abbia agito in base alle sue frustrazioni dimostra che Tomlin ha già fallito, rispetto al suo solito standard di tenere le pentole in ebollizione finché non è pronto a svuotarne il contenuto e andare avanti. Per anni, Tomlin è riuscito a gestire il ricevitore Antonio Brown, impedendo a Brown di diventare un problema pubblicamente noto fino all’ultima stagione di Brown con la squadra.

Marrone non è l’unico. Altri giocatori che non sembrano essere un grosso problema a Pittsburgh (Per esempio, Chase Claypool) divenne un problema altrove. È uno dei motivi per cui Tomlin è così rispettato tra i suoi colleghi. Sanno quanto sia difficile convincere un giocatore a sottomettersi ai suoi angeli migliori. Tomlin lo ha fatto costantemente durante le sue 17 stagioni con la squadra.

Per Pickens, mostrare semplicemente frustrazione sul campo, negli spogliatoi e sui social media dimostra che Tomlin e il suo staff non hanno gestito il giocatore in un modo che gli impedisse di fare quelle cose. Lo suggerisce, a prescindere Le osservazioni di Tomlin di martedìC’è un problema tra il giocatore e la squadra.

Quindi è davvero un sassolino nella scarpa di Tomlin. Anche se intendeva minimizzare la situazione usando questa analogia, per sbaglio ci riuscì.

READ  Astros supera gli Yankees in ALCS Game 4, una spazzata completa per raggiungere il 4° Campionato del Mondo in 6 stagioni

Un sassolino nella scarpa è un fastidio costante. Impedisce alla persona che indossa la scarpa di sentirsi a proprio agio.

È qualcosa che lo stesso allenatore della Hall of Fame Bill Parcells fece nel 1984, dopo una disastrosa prima stagione con i Giants che portò la squadra quasi a scambiarlo con Howard Schnellenberger. Parcells si è messo un sassolino nella scarpa durante il ritiro perché credeva…Era sollevato dal suo nuovo, fantastico lavoro“.

Parcells fece lo stesso durante i suoi tre anni come coordinatore difensivo al Texas Tech, negli anni ’70: “Parcells era radicato nella convinzione che il dolore sia il catalizzatore per ricordare ciò che viene insegnato; Si metteva un sassolino nella scarpa prima di ogni allenamento una classe. A volte, che riguardava solo lui, muoveva con forza il piede sulla pietra”.

Quindi no, avere un sassolino nella scarpa non è una bella cosa. E sì, Tomlin potrebbe aver inavvertitamente alluso alla pura verità quando ha descritto la posizione di Pickens in questo modo.