Ottobre 19, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Mezzo fico, mezza giornata d’uva per i club di serie A

Questa settimana ha visto il rilancio di Champions League ed Europa League, oltre alla recente conference league. Tre partite che hanno coinvolto sette partite nei nostri club di Serie A. Questi ultimi hanno avuto diverse fortune per entrare in campo, e per alcuni la loro prestazione indica il loro futuro nella competizione.

C1: Juventus conferma, scappa Atlanta, crack due Milan

– Dei quattro club coinvolti nel torneo, solo la Juventus è riuscita a partire con una vittoria. Per proteggere gli altri, i bianconeri dovevano affrontare solo un avversario in quattro squadre, il che era abbordabile. Tuttavia, Malme è stata molto pericolosa nei primi minuti dell’incontro. All’epoca credevamo nella sconfitta, ma anche Zhou è uscito allo scoperto Simula In termini di gioco e tre gol sono sufficienti per vincere la partita. Questa è la prima volta dal 2012 che Pioneer ha segnato 3 gol in un tempo in Coppa dei Campioni. Prima vittoria stagionale e prima partita senza subire gol, la Juve guida tranquillamente la propria squadra.

– Allo stesso tempo, Atlanta ha dovuto affrontare il Villarreal, l’ultimo vincitore dell’Europa League. In poche parole una partita è troppo complicata per gestire un tè che ha mostrato debolezza. Questa partita avrebbe caratterizzato almeno uno dei migliori rocker quest’estate. Arrivato a 20 milioni di euro la scorsa estate, il portiere Juan Muso ha lavorato in più occasioni per mantenere la porta inviolata. Il tè è stato effettivamente sommerso dai contrattacchi. Due errori di ripartenza gioveranno al sottomarino giallo prima di azzerare i contatori cosacchi negli ultimi dieci minuti di gara.

READ  Covid: l'Italia vuole rendere obbligatoria la vaccinazione

Dopo due tumultuosi anni in Champions League, l’Inter ha voluto mostrarsi per la prima volta in Europa più intensa e abusata in questa stagione. La missione contro il Real Madrid ha avuto successo e, sebbene abbiano perso la loro specialità negli ultimi anni, rimangono una sfida complessa. Alla fine, la partita si è conclusa con una sconfitta per 1-0 contro l’Inter. Terribile, perché i lombardi hanno appena guidato la danza dal primo all’ultimo minuto. Le occasioni sono state tante: La Toro e Diego sono stati molto attivi sotto porta ma Cordois ha risposto bene. Screenier ha mancato l’inevitabile gol in vista del Real Madrid, ma il suo lavoro in difesa è stato impeccabile. Il punto nero principale sul lato intermedio è Handanovic. Misterioso che non abbia risposto al gol del Real è stato il segno sospetto di Vesino, entrato in partita in ritardo.

– Infine, abbiamo tutti atteso con impazienza il ritorno del Milan in Champions League, 7 anni dopo essere apparso ultimo nel torneo. Sconvolto dalla contropressione infernale dei Reds, Rosonery cede molto presto. Alexander-Arnold ha segnato il primo gol nei primi 10 minuti. Theo Hernandez, che è stato seguito da Salah per tutta la partita, ha fallito miseramente a livello difensivo e la sua squadra è stata la principale minaccia per la difesa del Milan. Nonostante la sconfitta, va ricordato che il vantaggio per i Rosoneri c’è: Miknon è decisivo nel suo ordine e soprattutto con diversi stop su rigore di Salah. Rebekah è stata brava alla fine, Brahim Dias è stato molto bravo nei suoi movimenti e nel prendere decisioni. Il grande punto nero di questa partita è il centrocampista Kesik-Beneser. Hanno accumulato molti errori dentro di sé e hanno distrutto il potenziale danno alla loro squadra. L’ingresso di Donald ha portato un vantaggio in questo sport.

READ  Calcio. L'Italia squalifica...maglia verde! Saint-Etienne reagisce

C3: Il Napoli evita il peggio, la Lazio guarda già altrove

– Altro conflitto anglo-italiano, il Napoli si trasferisce al Leicester. Con due reti, i partenopei hanno segnato ancora nella ripresa, un ottimo Osimhen, maestro di doppio deposito e per inciso coinvolto in tutte le grandi occasioni della sua squadra stasera. È la prima volta dal 2015 che un giocatore del Napoli mette a segno una doppietta in un torneo di C3. L’ingresso di Elmas nel secondo tempo è stato un punto di svolta. D’altra parte, una natura timida delle insegne non è acuta in questo incontro. Ad ogni modo, lascia il King Power Stadium con 1 punto e non perderà contro il suo principale rivale nel gruppo.

– La Lazio ha mostrato stasera tutte le sue ambizioni per questa Europa League con una prestazione piatta, senza gelosie, dove il Galatasaray ha giocato da solo. Il culmine di un incontro che ricorda le precedenti campagne logiche su C3 è l’obiettivo laterale opposto di Stragosa, in cui la squadra ha aspettato solo una cosa.

C4: La Roma è al suo ritmo

Abbiamo creduto al peggio quando il CSKA Sofia è passato in vantaggio all’inizio della partita, ma alla fine la Roma ha battuto i bulgari. Soprattutto grazie a un ottimo Pellegrini ea El Sharavi, che permette alla sua squadra di anticipare il punteggio. 6 su 6, i giallorossi hanno vinto tutte e sei le partite disputate finora. Quindi hanno eguagliato i loro record nelle stagioni 2013-2014 e 2014-2015 e nelle ultime due stagioni hanno raggiunto questo record.