Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Mark Daigneault dei Thunder ha dimostrato di essere un'élite e sarà incoronato Allenatore dell'anno

Mark Daigneault dei Thunder ha dimostrato di essere un'élite e sarà incoronato Allenatore dell'anno

NEW ORLEANS — Sabato era il terzo quarto di gara 3. Gli Oklahoma City Thunder hanno visto un forte taglio di vantaggio a 10 punti contro i New Orleans Pelicans, e il centro Chet Holmgren avrebbe dovuto riposarsi nel secondo tempo. Con un vantaggio di 2-0 nella serie e un avversario short-handed, è stato facile giocare in modo sicuro e prevedibile.

Ma l'allenatore dei Thunder Marc Daigneault non gioca in modo sicuro o prevedibile. Invece, ha visto l'opportunità di fare qualcosa di completamente diverso: inserire Gordon Hayward al centro. Gordon Hayward!

Hayward non solo non ha segnato un punto per tutta la postseason, ma lo ha anche segnato in profondità NO centro; È alto 6 piedi e 7, 225 libbre e ha bloccato un totale di un tiro nelle sue 26 partite con i Thunder. Anche per gli standard di Daigneault, questa era una formazione estrema. Gli altri quattro giocatori sono le guardie Kason Wallace, Isaiah Joe, Shai Gilgeous-Alexander e Jalen Williams.

I Thunder hanno esteso il loro vantaggio da 10 a 19 nei successivi quattro minuti, portando i Pelicans a soli due punti nel periodo, prima che Holmgren tornasse, mettendo da parte la partita nonostante la loro mancanza di dimensioni. La risposta dei Pelicans dopo un possesso palla fu di sollevare il centro dal campo, sostituendo Larry Nance Jr. Con Dyson Daniels e rimuovendo di fatto il difetto originale creato dalla mossa di Daigneault.

Ha mantenuto molti dei temi che hanno reso Daigneault così vincente nelle sue quattro stagioni a bordo campo a Oklahoma City: fare affidamento sulla palla piccola, mantenere gli avversari sbilanciati e compensare alcune carenze della sua squadra sul vetro cacciando i lunghi avversari fuori dal campo. .

“Alcuni di loro sono l'opposizione, se ci danno una formazione se pensiamo di potercela fare”, ha detto Daigneault dopo l'allenamento di domenica. “L'altra cosa è che vogliamo essere un po' più imprevedibili. Vogliamo che le squadre ci guardino e che New Orleans ci guardi adesso, senza sapere esattamente cosa faremo e quando lo faremo. esso, (mostrando) il desiderio di farlo in molte situazioni diverse, amplia semplicemente l’elenco che devono prepararsi per questo.

READ  La stella della Carolina del Sud Aliyah Boston fa il draft per il Draft WNBA

I piani del 39enne hanno dato i loro frutti poiché domenica sera è stato nominato Allenatore dell'anno NBA dopo aver guidato i Thunder a una stagione regolare da 57 vittorie e al testa di serie numero 1 nei playoff della Western Conference. È stato un salto di 33 partite in due stagioni vincenti da 24 partite nel 2021-22, nonché la prima stagione regolare da 50 vittorie dei Thunder dalla partenza di Kevin Durant nel 2016.

La squadra di Daigneault guida New Orleans 3-0 e sembra probabile che vinca la sua prima serie di playoff dal 2015-16, ma nonostante l'annuncio sia arrivato in una giornata di riposo nella serie, Daigneault ha detto che lui e il suo staff “non hanno piani” per i cinque: 30:00 ora locale quando è arrivata la notizia. In effetti, la trasmissione TNT ha mostrato Daigneault in quella che sembrava una normale camera d'albergo piuttosto che lanciare scatti celebrativi in ​​Bourbon Street.

Non c’è dubbio che l’acquisizione di talenti abbia molto a che fare con questo premio. Il front office dei Thunder sotto Sam Presti ha ricostruito un nucleo post-Durant poco brillante e costoso scambiando Paul George con Gilgeous-Alexander, scegliendo Williams con una delle cinque scelte al primo turno acquisite nello scambio e aggiudicando Holmgren con la seconda scelta nel 2022. Draft, da Tra le altre mosse degne di nota.

“Non posso vincere le partite”, ha detto Daigneault. “L'allenatore può perdere le partite, ma io non posso vincerle.”

Ma anche quando i Thunder erano cattivi, Daigneault si distingueva perché raramente sbagliava un trucco per generare anche un piccolo vantaggio, o commetteva fallo sugli avversari con cambi di formazione o cambi difensivi che raramente permettevano ai suoi avversari di riposare. Era in netto contrasto con l'era del pilota automatico di Scott Brooks e Billy Donovan, quando i Thunder erano un libro tattico aperto che si basava esclusivamente su squadre di esecuzione e talenti d'élite.

READ  I Rays attirano il minor numero di spettatori post-stagionali della MLB dal 1919 con la sconfitta contro i Rangers

Daigneault ha padroneggiato le sottigliezze che permettono di ottenere decimi di punti extra. Alcune delle sue mosse potrebbero essere viste come strategie a lungo termine per una squadra da 20 vittorie e potrebbero non essere adatte per il seme numero 1, ma Daigneault ha mantenuto le cose strane anche quando i Thunder sono diventati dominanti. Nella prima partita contro New Orleans, ad esempio, le sue trappole a CJ McCollum alla fine del primo e del terzo quarto hanno sconcertato i Pelicans commettendo falli che hanno portato a mancare occasioni di tiro in extremis. Quei possedimenti si sono rivelati cruciali per la vittoria dei due punti.

In quanto nuova generazione di allenatori, Daigneault offre alcune delle sessioni mediatiche più geek-friendly che vedrai in campionato. Mostra una chiara attitudine con i dati e l'analisi, spesso incorporando nelle sue conferenze stampa frammenti che indicano quanto del suo tempo libero deve consumare.

Ad esempio, la sessione mediatica di Daigneault prima di Gara 3 includeva alcune informazioni sullo studio delle tendenze del fischio dell'arbitro prima delle partite e sulla pianificazione di conseguenza, e Riferimento a questo grafico Sulle difficoltà della guardia difensiva Luguentz Dort di fronte ad un avversario tra i più duri della NBA.

Questa mossa di Hayward fu un altro esempio dell'approccio analitico di Daigneault. Parla costantemente dei compromessi necessari per rimbalzare una squadra debole dei Thunder – potrebbero giocare con Bismack Biyombo o Mike Muscala se volessero davvero migliorare sul vetro, per esempio – e del fatto che è disposto a perdere lì perché crede di essere uscire prima dell'accordo. Vincere 57 partite con la squadra classificata 29esima nei rimbalzi tende a sostenere questa rivalità.

READ  Bears Insider fornisce un aggiornamento ottimista per Roquan Smith

Naturalmente, qualsiasi discussione su Daigneault non è completa senza menzionare anche la sua padronanza della regola della sfida, motivo per cui continuo a chiamarlo Challenge Geaud sui social media. Non solo lo ha usato ripetutamente e correttamente! – Come ogni allenatore del campionato, ma è anche riuscito ad allenare il suo utilizzo in situazioni ad alto impatto. Sebbene abbia avuto un grave fallimento in quest'area in Gara 1, è risalito a cavallo vincendone uno in Gara 2; Nel corso della stagione, Joe Mazzola di Boston è il suo unico sfidante.

Niente di tutto ciò avrebbe importanza se Daigneault non riuscisse a raggiungere i giocatori o a dominare lo spogliatoio, ma a detta di tutti è riuscito anche in questo. Lo sviluppo dei giocatori ha subito un'accelerazione sotto la sua guida, con quasi tutti i titolari in costante miglioramento nelle ultime tre stagioni, e i giovani Thunder sembrano essere solidi come qualsiasi altra squadra del campionato.

Nell'ingrato mondo degli allenatori NBA, la sfida di Daigneault diventa solo più dura da qui, poiché i Thunder avranno grandi aspettative per la contesa del campionato in futuro. La prestazione di Daigneault nella postseason – con solo cinque partite al suo attivo finora – sarà molto più importante del totale delle sue vittorie nella stagione regolare.

Ma considera questo premio come l'incoronazione di una giovane stella in questa professione. I premi Coach of the Year spesso sopravvalutano i valori anomali a breve termine, ma questo premio è esattamente l'opposto.

Daigneault si è distinto da quando è entrato in carica nel 2020; Questo onore consolida il suo posto nella fascia alta della lega.

(Mark Daigneault Immagine: Patrick McDermott/Getty Images)