Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Maria Sakkari affronta Coco Gauff in una notte strana e selvaggia nel deserto

Maria Sakkari affronta Coco Gauff in una notte strana e selvaggia nel deserto

Ci sono partite di tennis che si svolgono come gli scacchi, piene di attacchi e finte, con solo i minimi aggiustamenti strategici.

Poi ci sono partite come la semifinale di venerdì sera tra Coco Gauff e Maria Sakkari al BNP Paribas Open, una battaglia intensa e vivace tra due dei migliori atleti di questo o di qualsiasi altro sport.

Questo preciso gioco di tennis non era solo una prova di sopravvivenza del più adatto.

In una strana, fredda e piovosa notte nel deserto, la partita di quasi tre ore ha richiesto cinque ore e mezza per essere completata. Ci sono stati due ritardi dovuti alla pioggia a Indian Wells, il secondo è durato quasi 90 minuti e ha richiesto soffiatori per foglie, spazzoloni e dozzine di asciugamani per rendere il campo giocabile.

E grazie agli dei del tennis, perché quello che è successo dopo è stato davvero drammatico, con Sakkari che in qualche modo ha prevalso 6-4, 6-7(5), 6-2, quando sembrava che tutto sarebbe svanito.

Per prima cosa, Sakkari e Goff si sono scontrati, hanno corso e si sono misurati a vicenda nelle prime sette partite prima che le prime gocce di pioggia interrompessero il gioco.

C'è stato il secondo atto, prima e dopo la prima pioggia, quando Gauff ha lottato con il servizio e il controllo del dritto, e ha persino richiesto cure mediche per apparenti vertigini, permettendo a Sakkari di vincere il primo set, 6-4, e tutto. Di slancio. Poi altra pioggia, e quando tutto finì, Jove era ancora più perduta, la sua frustrazione cresceva con i grugniti e i tonfi della sua racchetta. Tutto questo sarebbe finito molto presto, non è vero?

READ  Il Bayern Monaco sembra perduto: la squadra di Thomas Tuchel ha troppi effettivi

Giovedì sera tardi, dopo che Sakkari ha battuto Emma Navarro, la 22enne americana, in un'altra battaglia di tre ore, ha parlato di quanto le è piaciuto interpretare Joffe.

“Quando giochi contro Coco, devi accettare che riceverà due o tre palloni in più rispetto a tutti gli altri”, ha detto Sakkari. “È bello avere ragazze atletiche e in forma. Poi pensi: 'OK, è ora di sfidare me stesso e giocare contro qualcuno che è in forma quanto me.'

È un livello di forma fisica che ha permesso il terzo atto, una furiosa rimonta finale da un set, 5-2, e un deficit di break point, che avrebbe galvanizzato molti giocatori. Invece, Goff ha deciso di uscire oscillando per incanalare tutta la frustrazione della notte nel colpire una misteriosa palla gialla.

L'ho rotto lungo la linea e attraverso il campo. Colpisce diritti, rovesci e servizi, cambiando velocità quando ha bisogno di allungare un punto, ma per la maggior parte questa è diventata solo la gara mordi e fuggi come Sakkari aveva detto che sarebbe stata. Gauff ha vinto sei delle sette partite successive, compreso il tie-break, salvando una serie di match point con il tentativo di servizio di Sakkari.

NO. Sono andati al terzo gruppo.

C'è stato un tempo, forse anche solo un mese fa, in cui Sakkari avrebbe rovinato questa partita, crollando di fronte al pubblico di casa che cercava di riportare in partita la sua figlia preferita e attraversando la linea di porta, incapace di superarla dopo essere così vicini e a corto di personale. Questo prima che iniziasse a lavorare con Ben Crowe, l'esperto di mentalità dietro il successo di Ash Barty che cerca di far ricordare a ogni atleta con cui lavora che sta giocando a un gioco. Quando Sakkari calcia un tiro al volo in un momento di tensione, come se cercasse di tirare oltre un portiere, o salta e lascia che la palla le passi attraverso le gambe, quella è opera di Crowe.

READ  Pagare la tassa sul lusso non dovrebbe essere un problema per i coraggiosi

Anche lei ha un nuovo allenatore in questo torneo, David Witt, che ha lavorato per anni con Venus Williams e poi ha portato Jessica Pegula da fuori dalla top 100 alla numero 3 del mondo. Non ha ancora fatto molto, ha detto. Sono i primi giorni. Ma ha detto che la fa ridere. molto.

approfondire

Alla fine, non c'è modo di sapere cosa abbia riportato Sakkari dalla perdita di match point e dal controllo quasi completo della partita, e dall'essere sotto di un break point nel set finale con Gauff in testa.

“Potresti perdere la testa”, ha detto.

Ma non lo ha fatto. Ha corso più forte e ha resistito un tiro in più con punti appena sufficienti finché l'ultima palla di Gough non è andata a lato.

“Notte fantastica”, ha detto.

Domenica Sakkari affronterà ora il numero uno del mondo Iga Swiatek nella finale. Swiatek ha fatto quello che aveva fatto durante tutto il torneo, abbattendo i suoi avversari.

La vittima di venerdì è stata Marta Kostyuk dall'Ucraina, una delle giocatrici più importanti del mese scorso. Kostyuk può vincere con potenza o per turnover, combattendo dalla zona di difesa, avanzando e forzando punti alla loro destra.

Il problema è che le vostre donne sono migliori e più stabili di qualsiasi donna sulla faccia della terra. Ha vinto 6-2, 6-1 in poco più di un'ora.

“Ho tutte le vibrazioni positive”, ha detto quando ha finito.

Come dovrebbe.

Le sue partite qui quest'anno erano più simili a punizioni corporali che a atletismo. Ho suonato nove set completi. In sei di essi, i suoi avversari non sono riusciti a vincere più di Due partite. Caroline Wozniacki si è ritirata per infortunio nei quarti di finale. Anche Kostyuk aveva bisogno di cure mediche al piede e venerdì è quasi andato in pensione.

READ  Parliamo di Trail Blazers vs. Hornets Summer League qui!

Swiatek non è ossessionata dalle città, a differenza di Parigi, dove ha vinto tre volte gli Open di Francia. Prosperano nella natura, nei tornei lontani dal trambusto.

La Coachella Valley è perfetta per questo, con alte montagne desertiche innevate che si innalzano all'orizzonte e un ampio orizzonte in ogni direzione. Anche a Sakkari, che due anni fa perse contro Swiatek in finale, piace l'atmosfera qui, soprattutto dopo venerdì sera.

(Immagine in alto: Robert Prange/Getty Images)