Dicembre 9, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'omofobia in Qatar “da un altro millennio” - DW - 09/11/2022

L’omofobia in Qatar “da un altro millennio” – DW – 09/11/2022

Le dichiarazioni di un funzionario del Qatar sulle persone LGBT provocano indignazione

Per visualizzare questo video, abilita JavaScript e considera l’aggiornamento a un browser web Supporta video HTML5

Il centrocampista di Germania e Bayern Monaco Leon Goretzka ha criticato i commenti anti-gay dell’ambasciatore del Qatar ai Mondiali, dicendo che sono “opprimente” e “di un altro millennio”.

Khaled Salman, un ex nazionale del Qatar, ha dichiarato martedì in un documentario trasmesso dall’emittente pubblica tedesca ZDF di avere un problema con i bambini che vedono uomini e donne gay perché possono imparare qualcosa che non dovrebbero, descrivendo l’omosessualità come “un danno in mente.” e “danno spirituale”.

“Questo non è ciò che vogliamo difendere e ciò che offriamo. È assolutamente inaccettabile fare una dichiarazione del genere”, ha detto Goretzka, parlando dopo la vittoria per 6-1 del Bayern Monaco sul Werder Brema martedì sera.

Il 27enne è spesso emerso come uno dei giocatori più schietti e socialmente consapevoli della Bundesliga, lanciando una campagna “We Kick Corona” con il compagno di squadra Joshua Kimmich durante la pandemia, ad esempio.

Parlando nello stesso documentario ZDF, Goretzka ha detto che avrebbe preferito “competire nella Coppa del Mondo al culmine della mia carriera in un altro paese. Il fatto che la situazione dei diritti umani in un paese non facesse parte dei criteri per dare è un grande errore, e ci fa arrabbiare”.

Anche Hasan Salihamidzic, direttore sportivo del Bayern, ha espresso il suo dispiacere per i commenti di Salman, ma ha rifiutato di essere coinvolto in una discussione sui legami di sponsorizzazione a lungo termine del club con Qatar Airways.

“È una dichiarazione di un individuo”, ha detto Salihamidzic. “Ovviamente dobbiamo parlarne. Ma prima di tutto è un individuo, il che è inaccettabile”.

I sostenitori della linea dura del Bayern, che sono stati a lungo critici nei confronti dei rapporti commerciali del club con il Qatar, hanno anche alzato nuovamente gli striscioni per protestare contro i commenti di Salman durante la vittoria di martedì.

L’ambasciatore del Qatar ai Mondiali: l’omosessualità è vietata

I commenti di Salman sono arrivati ​​pochi giorni dopo che il ministro degli Esteri del Qatar ha insistito sul fatto che tutte le persone erano benvenute a partecipare alla Coppa del Mondo nel suo paese, compresi i membri della comunità LGBTQ+.

Ma la descrizione dell’omosessualità da parte dell’ambasciatore ufficiale della Coppa del Mondo come “haram” – che significa un peccato nell’emirato a maggioranza musulmana – aveva un tono nettamente diverso.

“Non sono un musulmano severo”, ha detto. “Ma perché è proibito? È un danno spirituale.”

Estratti del film documentario del giornalista sportivo e presentatore televisivo tedesco Jochen Breyer, intitolato “Geheimsache Katar” o “Secret Affairs Qatar”, sono stati precedentemente pubblicati da ZDF nella sua newsletter lunedì.

Nel video, l’addetto ai media del Comitato Organizzatore della Coppa del Mondo del Qatar, che ha accompagnato il team ZDF durante la registrazione del video, ha concluso un’intervista dopo che Salman ha definito l’omosessualità “danno alla mente”.

In un altro estratto, Salman ha detto: “Durante la Coppa del Mondo, molte cose verranno nel Paese. Parliamo dei gay, per esempio. La cosa più importante è che tutti accettino che vengano qui. Ma avranno accettare le nostre regole”.

L’ambasciatore del Qatar ai Mondiali, l’ex giocatore della nazionale Khaled Salman (a destra), parla con il giornalista sportivo Jochen Breyer in un documentario dell’emittente tedesca ZDFFoto: Mateusz Smolka/ZDF

Disputa diplomatica

Le relazioni tra persone dello stesso sesso sono vietate in pubblico in Qatar e possono comportare una condanna fino a sette anni di reclusione. I leader di diverse nazioni europee che gareggiano nella Coppa del Mondo, tra cui Germania, Francia e Inghilterra, hanno in programma di indossare bracciali color arcobaleno durante le loro partite come parte di una campagna contro la discriminazione.

Il Qatar è stato anche criticato per la sua situazione in materia di diritti umani e per il trattamento riservato ai lavoratori stranieri. I fan negli stadi di tutta la Germania hanno sventolato cartelli durante il fine settimana chiedendo il boicottaggio dell’evento, incluso guardare la TV.

Il ministro dell’Interno tedesco Nancy Wieser ha dichiarato che parteciperà alla Coppa del Mondo dopo che il primo ministro del Qatar gli ha dato una “garanzia di sicurezza” per i fan LGBTQ. Visser aveva precedentemente affermato che ospitare la Coppa del Mondo da parte del Qatar era “molto difficile” dal punto di vista di Berlino, spingendo Doha a convocare l’ambasciatore tedesco tra accuse di “doppio standard” e “razzismo”.

La International Football Association (FIFA), che assegna la Coppa del Mondo ogni quattro anni a diversi paesi, ha confermato che tutti i tifosi sono i benvenuti alla Coppa del Mondo in Qatar, così come il Comitato Organizzatore dello Stato del Qatar. Come ha affermato recentemente l’emiro dello Stato del Golfo, Tamim bin Hamad Al Thani, che ci si aspetta rispetto per la “nostra cultura”.

A cura di Matt Ford

READ  Adam Silver mette in dubbio il mandato di New York City del vaccino per la NBA: "La cosa strana per me è che vale solo per i giocatori di casa"