Luglio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Lo studio rileva che la circolazione atlantica si sta avvicinando a un punto di svolta “devastante”.  Oceani

Lo studio rileva che la circolazione atlantica si sta avvicinando a un punto di svolta “devastante”. Oceani

Il movimento dell’Oceano Atlantico si sta dirigendo verso un punto di svolta che rappresenta “una cattiva notizia per il sistema climatico e per l’umanità”, ha rilevato uno studio.

Gli scienziati che hanno condotto la ricerca hanno affermato di essere rimasti scioccati dalla velocità prevista del crollo una volta raggiunto questo punto, anche se hanno affermato che non era ancora possibile prevedere quanto velocemente sarebbe avvenuto.

Utilizzando modelli computerizzati e dati precedenti, i ricercatori hanno sviluppato un indicatore di allarme precoce per il collasso dell’Atlantic Overturning Circulation (Amoc), un vasto sistema di correnti oceaniche che è una componente chiave nella regolazione del clima globale.

Hanno scoperto che l’AMOC è già sulla buona strada per una brusca trasformazione, che non accadeva da più di 10.000 anni, e che avrà effetti disastrosi su gran parte del mondo.

L’AMOC, che comprende parte della Corrente del Golfo e altre forti correnti, è un nastro trasportatore marino che trasporta calore, carbonio e sostanze nutritive dai tropici verso il circolo polare artico. Dove si raffredda e sprofonda nelle profondità dell'oceano. Questa agitazione aiuta a distribuire l’energia intorno alla Terra e modera l’effetto del riscaldamento globale causato dall’uomo.

Disegno fantastico

Ma il sistema viene eroso dallo scioglimento dei ghiacciai artici e delle calotte glaciali più velocemente del previsto, riversando acqua dolce nel mare e impedendo l’affondamento delle acque più salate e calde provenienti da sud.

Le azioni dell’AMOC sono diminuite del 15% dal 1950, e sono al punto più debole in più di mille anni, secondo ricerche precedenti che avevano sollevato speculazioni su un collasso imminente.

Finora non c’è stato consenso su quanto sia pericoloso. Uno studio dell’anno scorso, basato sui cambiamenti delle temperature della superficie del mare, Ha sottolineato che la svolta potrebbe verificarsi tra il 2025 e il 2095. Ma, Il Met Office del Regno Unito ha affermato che cambiamenti ampi e rapidi nell’AMOC sono “estremamente improbabili”. Nel 21° secolo.

READ  Il Web della NASA dà uno sguardo più da vicino a un pianeta misterioso

nuova carta, Pubblicato in Science Advances, ha aperto nuove strade cercando segnali di allarme nei livelli di salinità nella parte meridionale dell'Oceano Atlantico tra Città del Capo e Buenos Aires. Simulando i cambiamenti nell’arco di 2.000 anni su modelli computerizzati del clima globale, ha scoperto che un lento declino potrebbe portare a un collasso improvviso in meno di 100 anni, con conseguenze catastrofiche.

Il giornale sostiene che i risultati forniscono una “risposta chiara” sulla possibilità di un cambiamento così improvviso: “Questa è una brutta notizia per il sistema climatico e per l'umanità, poiché fino ad ora si poteva pensare che il ribaltamento dell'AMOC fosse solo un concetto teorico e che il ribaltamento scomparirebbe.” “Se si considera l'intero sistema climatico, con tutti i suoi feedback aggiuntivi.”

Ha inoltre individuato alcune delle conseguenze del crollo dell’AMOC. Il livello del mare nell’Oceano Atlantico aumenterà di un metro in alcune aree, sommergendo molte città costiere. In Amazzonia le stagioni umide e secche si invertiranno, spingendo potenzialmente la già vulnerabile foresta pluviale oltre il suo punto critico. Le temperature in tutto il mondo oscilleranno in modo irregolare. L’emisfero meridionale diventerà più caldo. L’Europa si raffredderà in modo significativo e le precipitazioni diminuiranno. Anche se questo può sembrare interessante rispetto all’attuale tendenza al riscaldamento, i cambiamenti avverranno dieci volte più velocemente di quanto lo siano ora, rendendo l’adattamento quasi impossibile.

“Ciò che ci ha sorpreso è stata la velocità con cui si verificano le discariche volanti”, ha affermato l'autore principale dello studio, René van Westen, dell'Università di Utrecht. “Sarebbe devastante.”

Ha detto che non ci sono ancora dati sufficienti per determinare se ciò accadrà l’anno prossimo o nel prossimo secolo, ma quando accadrà, Cambiamenti irreversibili alle linee temporali umane.

READ  Ogni pianeta del sistema solare è visibile in una rara "parata planetaria" mercoledì

Nel frattempo, la direzione del viaggio si sta senza dubbio muovendo in una direzione allarmante.

“Ci stiamo muovendo verso questo obiettivo. È un po' spaventoso”, ha detto Van Westen. “Dobbiamo prendere sul serio il cambiamento climatico”.