Gennaio 29, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Lo studio ha rivelato che il sito fossile era un luogo di nascita per giganteschi rettili marini

Lo studio ha rivelato che il sito fossile era un luogo di nascita per giganteschi rettili marini

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

L’ultima dimora di dozzine di enormi rettili marini preistorici sta in ciò che è ora Foresta nazionale del Nevada Humboldt-Toiapee.

Ma perché gli ittiosauri si sono estinti in così gran numero in questo particolare sito fossile? 230 milioni di anni fa è stata a lungo fonte di dibattito tra i paleontologi. Scientificamente Conosciuto come Shonisaurus popularis, somigliava a un delfino gigante ed era lungo almeno 15,2 metri.

Le teorie hanno indicato un evento di spiaggiamento di massa o che gli ittiosauri sono stati avvelenati dalle tossine di una fioritura di alghe.

Ora, però, gli scienziati affermano di aver escluso queste ipotesi e di avere una comprensione molto migliore del motivo per cui 37 antiche creature sono morte nello stesso luogo. I ricercatori ritengono che le loro scoperte facciano luce su un lato affascinante delle specie di rettili Comportamento riproduttivo, che oggi è condiviso da alcuni mammiferi marini.

ha detto il coautore dello studio Nicholas Benson, un geologo ricercatore W Curatore del Museo Nazionale di Storia Naturale Smithsonian A Washington, DC, in un comunicato stampa.

“Ciò significa che il tipo di comportamento che osserviamo oggi nelle balene esiste da oltre 200 milioni di anni”.

Le attuali specie di balene, comprese le balenottere azzurre e le megattere, migrano abitualmente attraverso gli oceani per riprodursi e partorire in acque dove i predatori sono scarsi. Molte balene si radunano anno dopo anno lungo gli stessi tratti di costa.

“Ci sono altri esempi di feti e neonati di ittiosauro, ma questa è la prima volta che abbiamo prove concrete del comportamento del gruppo riproduttivo”, afferma lo studio. Coautore Randy Ermes, curatore senior e curatore di paleontologia presso il Natural History Museum of Utah a Salt Lake City.

“Sappiamo che questo è qualcosa che molti grandi vertebrati marini mostrano oggi, quindi ha senso che un comportamento simile possa essersi verificato in passato. Ma non sapevamo davvero fino a che punto, specialmente con gruppi di animali estinti come gli ittiosauri, che non avere parenti in vita».

Ricercatori provenienti da Stati Uniti, Regno Unito e Belgio hanno utilizzato nuove tecnologie, come la modellazione 3D, per indagare sul sito fossile, che fa parte del Berlin Ichthyosaurus State Park.

Ricostruzione artistica di ittiosauri adulti e neonati nell'oceano.

Il team ha esaminato la composizione chimica delle rocce che circondano i fossili e non ha trovato prove di improvvisi aumenti di materia organica, come le alghe, che potrebbero aver privato gli organismi di ossigeno.

Le prove geologiche indicano anche che le ossa di ittiosauro affondarono sul fondo del mare, che allora copriva gran parte dell’attuale Nevada. piuttosto che un tratto di costa abbastanza basso da indicare che i rettili marini si sono portati a riva.

Inoltre, il team ha notato che i fossili erano per lo più di ittiosauri adulti, con pochissimi altri vertebrati marini. Non c’erano ittiosauri minori.

Una svolta si è verificata quando i resti di piccoli ittiosauri sono stati identificati sia tra i nuovi fossili raccolti nel sito che all’interno delle collezioni museali più antiche. Delicati esami a raggi X con tomografia computerizzata hanno rivelato che le piccole ossa appartenevano a ittiosauri embrionali e neonatali.

“Una volta che è diventato chiaro che non c’era niente che potessero mangiare qui, e c’erano grandi Choniosaurus adulti con feti e neonati ma senza giovani, abbiamo iniziato a considerare seriamente se questo potesse essere un luogo di nascita”, ha detto l’autore principale Neil Kelly. , ricercatore assistente professore di scienze della terra e dell’ambiente presso la Vanderbilt University di Nashville, Tennessee, nel comunicato stampa.

Gli autori concludono che l’area era un luogo di nascita privilegiato per le creature preistoriche e che il gran numero di resti fossili era il risultato del gran numero di ittiosauri che si riunivano lì, forse nel corso di milioni di anni, per partorire.

“Questo è un chiaro segnale ecologico, sosteniamo, che questo era un luogo in cui Shonisaurus stava partorendo, molto simile alle balene di oggi. Ora abbiamo la prova che questo tipo di comportamento ha 230 milioni di anni”, ha detto Benson.

la rivista Biologia attuale La ricerca è stata pubblicata lunedì.

READ  Un altro insegnante! Il telescopio spaziale Webb completa il primo allineamento multistrumento