Aprile 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'inferno della guerra di Volodymyr Zelenskyj a Davos

L'inferno della guerra di Volodymyr Zelenskyj a Davos

Carlo Gasparino

un lavoro

Volodymyr Zelenskyj è abituato a ottenere ciò che vuole quando si tratta di soldi. Consideriamo gli innumerevoli miliardi che i contribuenti americani hanno dato al suo paese per sconfiggere l’aggressione russa.

Ottenere fondi dal settore privato è stato molto meno facile. Consideriamo la tiepida accoglienza che ha ricevuto dai banchieri la settimana scorsa al World Economic Forum di Davos, in Svizzera. La dice lunga sull’enorme sfida che Zelenskyj deve affrontare, non solo per superare le orde di Vladimir Putin, ma anche per riparare il danno che hanno arrecato alla sua economia.

A dire il vero, il World Economic Forum è un incontro annuale tra le élite di Wall Street e i finanziatori della globalizzazione che parlano di questioni importanti anche se non sembrano portare a termine nulla. L'evento di quest'anno prometteva almeno di realizzare qualcosa di tangibile perché Zelenskyj sarà nella stanza con alcuni dei banchieri più potenti del mondo e ha davvero bisogno dei loro soldi.

Wall Street ha mostrato grande interesse ad investire in Ucraina. La classe dei banchieri (come tutti noi) ammira la resilienza del Paese. La comunità finanziaria apprezza anche l’urgenza geopolitica di impedire a Vladimir Putin di ristabilire la vecchia Unione Sovietica a spese del popolo ucraino.

Hanno apprezzato la presentazione di Zelenskyj a Davos: nonostante le ostilità in corso, l'inflazione nel suo Paese è scesa dal 30% al di sotto del 6%; L'economia è in crescita. Nei prossimi mesi è prevista l'apertura dell'importante aeroporto di Kiev. Ha spiegato che la parte occidentale del paese è molto sicura dai bombardamenti.

READ  La ribelle Corea del Nord dice alle Nazioni Unite che il suo programma di spionaggio industriale è un suo “diritto legittimo come stato sovrano”

Guidato dal team JP Morgan e Jamie Dimon composto da Mary Erdos e Vince La Padulla, il fondo di investimento è pronto e in attesa di essere formato. Come notato in questo articolo, JPMorgan ha tenuto una serie di incontri privati ​​con potenziali investitori perché il paese rappresenta una straordinaria opportunità di investimento in molti modi. Gli ucraini sono istruiti e produttivi quando le bombe non colpiscono le loro case e le loro attività.

Banchieri senior come Dimon di JP Morgan, Ray Dalio di Bridgewater Associates, David Rubinstein di Carlyle Group e Steve Schwarzman di Blackstone, nonché un rappresentante dell'impero di gestione patrimoniale BlackRock di Larry Fink, si sono comportati come se fossero pronti a concludere un accordo prima di tutto le telecamere. Poi davanti allo stesso Zelenskyj durante un incontro privato in cui hanno discusso di come riparare le infrastrutture e costruire un’economia tecnologica e manifatturiera.

Tuttavia, mi è stato detto che Zelenskyj se ne è andato a mani vuote. La scorsa settimana non è stato assunto alcun impegno fermo da parte dei dirigenti delle più grandi società di investimento del mondo.

C'erano alcune buone notizie per Zelenskyj dopo la sua uscita da Davos: Robert Kraft, sì, Robert Kraft, il miliardario proprietario dei New England Patriots, ha preso parte alle discussioni guidate da JPMorgan sulla ricostruzione dell'Ucraina nell'ultimo anno circa, e ora sta seriamente pensando di costruire fabbriche in Ucraina.

Prima che Robert diventasse sinonimo di una squadra che vinceva regolarmente (fino a poco tempo fa) il Super Bowls, era un grande nel settore della produzione di carta. Lui, suo figlio e il socio in affari Jonathan (che gestisce l'omonima holding Kraft Group) stanno esaminando siti nella parte occidentale dell'Ucraina devastata dalla guerra e potrebbero decidere di andare avanti con la costruzione di una o due fabbriche, dicono fonti a The Washington Post. Entro quest'anno.

READ  Guerra tra Israele e Hamas: il cessate il fuoco inizierà venerdì mattina, secondo il Qatar

Un portavoce del Kraft Group afferma che la società “ha avuto discussioni preliminari sulla possibilità di fare qualcosa in futuro, ma nulla è imminente”.

L'imminente investimento di Kraft è stimato a 100 milioni di dollari. Questa è una buona cosa, ma è piccola rispetto agli investimenti privati ​​necessari per creare posti di lavoro e crescita economica, e all’importo che Wall Street potrebbe raccogliere nelle giuste condizioni.

E i soldi stanno aspettando, il che è un buon segno. Le mie fonti bancarie affermano che Zelenskyj ha convinto i principali investitori che sta lavorando per sradicare la corruzione, che rappresenta un grosso ostacolo a qualsiasi aumento di capitale significativo. A loro piace anche quello che sentono sulla ripresa economica.

È la guerra che impedisce a Wall Street di aprire completamente il suo portafoglio. Il problema è semplicemente che gli investitori sanno che non vi è alcun ritorno sul capitale per le startup tecnologiche che hanno bombardato.

Durante i colloqui a porte chiuse, riportati per la prima volta su Fox Business, Zelenskyj potrebbe aver peggiorato la sua situazione. Non ha indicato la volontà di tenere colloqui di pace con Putin, l'uomo che di recente ha chiamato “Hitler”.

Ciò significa che i fondi per un importo significativo non arriveranno presto. Sono sicuro che Damon lo abbia detto a Zelenskyj. Il capo del partito JPM deve anche aver detto a Zelenskyj che l’Ucraina avrà accesso a miliardi di dollari da parte di private equity, investitori istituzionali e ricchi americani nel momento in cui i proiettili smetteranno di volare, ma non un secondo prima.

Manchin alla manifestazione

La settimana scorsa, a casa del direttore delle pubbliche relazioni Robert Dilenschneider, il potente senatore del West Virginia Joe Manchin, un politico moderato di lunga data, ha spiegato a un gruppo di potenziali donatori perché non sopporta la divisione di Donald Trump e la debolezza di Joe Biden , e perché non può… Sopportare la divisione subita da Donald Trump e la debolezza di Joe Biden, e perché altrimenti? Serve un candidato che si candidi alla Casa Bianca perché è in gioco il futuro del Paese.

READ  Almeno 46 persone sono morte in Cile a causa degli incendi boschivi che hanno devastato aree densamente popolate.

Manchin non ha menzionato esplicitamente che si candiderà alla presidenza come indipendente nel cosiddetto ticket “No Labels”, l’organizzazione apartitica con cui ha lavorato negli ultimi anni.

Ma non c'è altro motivo per trovarsi a Darien, nel Connecticut, in una fredda notte d'inverno se non per fare jogging, quindi tieni gli occhi aperti.

Carica altro…




https://nypost.com/2024/01/20/business/war-hell-for-volodymyr-zelensky-at-davos/?utm_source=url_sitebuttons&utm_medium=site%20buttons&utm_campaign=site%20buttons

Copia l'URL di condivisione