Aprile 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'impiegato finanziario ha pagato 25 milioni di dollari dopo una videochiamata con un “CFO” profondamente radicato

L'impiegato finanziario ha pagato 25 milioni di dollari dopo una videochiamata con un “CFO” profondamente radicato

Bonchai Widmakwand/Moment RF/Getty Images

Le autorità sono sempre più preoccupate per il potenziale dannoso rappresentato dalla tecnologia dell’intelligenza artificiale.



CNN

Secondo la polizia di Hong Kong, un impiegato finanziario di una multinazionale è stato indotto con l'inganno a pagare 25 milioni di dollari a dei truffatori che utilizzavano la tecnologia deepfake per fingere di essere il direttore finanziario dell'azienda in una videoconferenza.

La complessa truffa ha visto il lavoratore indotto con l'inganno a partecipare a una videochiamata con quelli che pensava fossero molti altri dipendenti, ma che in realtà erano tutti falsi, ha detto la polizia di Hong Kong in una conferenza stampa venerdì.

“(In) una videoconferenza con più persone, si scopre che tutti [he saw] “Era falso”, ha detto il sovrintendente capo Baron Chan Shun Cheng all'emittente pubblica della città.

Chan ha detto che il lavoratore si è insospettito dopo aver ricevuto un messaggio che sembrava provenire dal direttore finanziario dell'azienda con sede nel Regno Unito. Inizialmente il lavoratore sospettava che si trattasse di un'e-mail di phishing, poiché si parlava della necessità di effettuare una transazione riservata.

Tuttavia, Chan ha detto che il lavoratore ha messo da parte i suoi primi dubbi dopo la videochiamata perché le altre persone presenti assomigliavano esattamente ai colleghi che aveva riconosciuto.

Del de la Rey/AFP

Il famoso skyline di Hong Kong.

L'ufficiale di polizia ha aggiunto che, credendo che tutti gli altri partecipanti alla chiamata fossero reali, l'operatore ha accettato di trasferire un totale di 200 milioni di dollari di Hong Kong, circa 25,6 milioni di dollari.

READ  Gli strumenti ChatGPT e AI possono sostituire i lavoratori in questi lavori

Il caso è uno dei numerosi episodi recenti in cui si ritiene che i truffatori abbiano utilizzato la tecnologia deepfake per alterare video e altri filmati disponibili al pubblico per ingannare le persone con i loro soldi.

Venerdì, in una conferenza stampa, la polizia di Hong Kong ha dichiarato di aver arrestato sei persone in relazione a tali truffe.

Chan ha detto che otto carte d'identità rubate di Hong Kong – tutte segnalate come scomparse dai loro proprietari – sono state utilizzate per presentare 90 richieste di prestito e registrare 54 conti bancari tra luglio e settembre dello scorso anno.

Secondo la polizia, in almeno 20 occasioni, i deepfake basati sull’intelligenza artificiale sono stati utilizzati per ingannare i software di riconoscimento facciale imitando le persone nelle foto identificative.

La frode del finto direttore finanziario è stata scoperta solo durante la successiva visita del dipendente alla sede centrale dell'azienda.

La polizia di Hong Kong non ha rivelato il nome o i dettagli dell'azienda o del lavoratore.

Le autorità di tutto il mondo sono sempre più preoccupate per la complessità della tecnologia deepfake e per gli usi nefasti che può essere fatta.

Alla fine di gennaio sono apparse immagini pornografiche della pop star americana generate dall'intelligenza artificiale Taylor Swift Si è diffuso sui social media, evidenziando il potenziale dannoso della tecnologia AI.

Le foto – che mostrano la cantante in pose sessualmente allusive ed esplicite – sono state viste decine di milioni di volte prima di essere rimosse dalle piattaforme dei social media.