Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’evento del Diavolo della Tasmania ha la potenza di centinaia di miliardi di soli

L’evento del Diavolo della Tasmania ha la potenza di centinaia di miliardi di soli

Cos’è qualcosa che è centinaia di miliardi di volte più potente del Sole e che lampeggia ripetutamente con intense esplosioni di luce, quasi sfidando le leggi della fisica? No, non sono le luci natalizie dei tuoi vicini che si sono guastate di nuovo. È un LFBOT nelle profondità dello spazio.

LFBOT (transito ottico luminoso blu veloce) È davvero molto strano. Eruttano con luce blu, radio, raggi X ed emissioni ottiche, rendendole alcune delle esplosioni più brillanti mai viste nello spazio, luminose come supernove. Non è esagerato dire che emette più energia di centinaia di miliardi di stelle come la nostra. Tendono anche a vivere rapidamente, bruciando solo per pochi minuti prima di spegnersi e svanire nell’oscurità.

Gli LFBOT sono molto rari e in molti casi la loro origine è sconosciuta. Ma non abbiamo mai visto nulla di così potente come l’LFBOT chiamato AT2022tsd, noto anche come “Diavolo della Tasmania”. Il suo strano comportamento è stato osservato da 15 telescopi e osservatori, tra cui l’Osservatorio WM Keck e il telescopio spaziale Chandra della NASA. Come altri fenomeni di questo genere, inizialmente rilasciava incredibili quantità di energia e poi si attenuava. A differenza di qualsiasi altro LFBOT avvistato prima, questo sembra essere tornato dalla morte. Catturato ancora, ancora e ancora.

Questa non è una supernova

Gli eventi luminosi extragalattici transitori più comuni, cioè lampi di luce che si sviluppano e scompaiono rapidamente, sono le supernove. La loro eruzione iniziale di solito ha solo poche settimane. Non solo il Diavolo della Tasmania si è evoluto più velocemente della supernova, ma sono stati osservati 14 bagliori individuali, che si sono accesi nell’arco di diversi mesi, ovvero circa un centinaio di giorni. Anche verso la fine dell’evento, si è verificato un singolo bagliore luminoso quasi quanto l’esplosione originale del transitorio. Gli scienziati che studiano AT2022tsd non sono ancora del tutto sicuri di aver tenuto conto di ogni brillamento. È più denso di un altro LFBOT simile che ha fatto notizia quando è stato scoperto: AT2018cow aka “La mucca.”

READ  Guarda il lancio del razzo Artemis 1 SLS sulla luna gigante della NASA nel webcast gratuito

“Le caratteristiche multi-lunghezza d’onda di AT2022tsd sono molto simili a quelle del transitorio AT2018 simile a una mucca… suggerendo un’origine comune”, ha affermato un team internazionale di ricercatori in uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Science. natura.

AT2018cow ha mostrato emissioni simili a quelle di AT2022tsd (anche se non così forti). La “mucca” potrebbe anche essere un riferimento al luogo in cui questi eventi ottengono molta energia, poiché si ritiene che altri esseri transitori simili siano alimentati da una fonte di energia di lunga durata, sebbene nessuna fonte del genere sia stata effettivamente trovata per nessuno di questi eventi. la “mucca”” o “diavolo della Tasmania” finora. Questa ipotetica fonte potrebbe essere un oggetto compatto che continua a rilasciare enormi quantità di energia attraverso deflusso o deflusso. Alcuni transitori come la mucca AT2018 sono stati ricondotti a magnetar o buchi neri che mantengono i materiali si accumulano e ricevono così un flusso continuo di energia.

Dove non lo so?

Le eruzioni di AT2022tsd devono provenire da qualcosa e i ricercatori stanno ancora cercando di capirne il motivo. I buchi neri supermassicci sono un’opzione allettante a causa dell’enorme quantità di energia che producono. Tuttavia, i buchi neri supermassicci si nascondono anche al centro delle loro galassie. Uno sguardo più attento al Diavolo della Tasmania e alla sua posizione nella galassia ha rivelato che non era abbastanza vicino al nucleo galattico per essere alimentato da un buco nero supermassiccio. Sebbene questa ipotesi sia considerata improbabile, gli scienziati ritengono che esistano ancora altre possibilità.

Nello stesso contesto, hanno detto: “Le possibili fonti di energia per il deflusso sono… una stella di neutroni appena nata o un accrescimento su un corpo compatto di massa stellare o intermedia”. Stare. “In quest’ultimo caso, l’oggetto compatto potrebbe essere un buco nero appena formato con massa stellare”.

READ  Aggiornamenti dalla missione Intelsat 40e

Un buco nero di massa stellare, un buco nero di massa intermedia o una stella di neutroni probabilmente hanno scatenato un fenomeno abbastanza selvaggio da essere chiamato il diavolo della Tasmania. La formazione di LFBOT probabilmente ha coinvolto l’interruzione delle maree, che si verifica quando una stella si avvicina troppo a un buco nero e viene distrutta dalle forze di marea del buco nero. Le forze di marea delle stelle di neutroni sono anche in grado di distruggere le stelle. Divorare una stella comporta massicci input e output di energia verso il buco nero o la stella di neutroni, il che potrebbe spiegare ciò che ha scatenato l’ira del diavolo della Tasmania.

At2022tsd potrebbe cambiare la nostra comprensione della fisica? Forse. Sia l’enorme quantità di energia che rilasciano che le esplosioni più brevi e di lunga durata mettono alla prova i limiti della fisica perché così tante esplosioni di luce emesse in un breve periodo di tempo probabilmente dovrebbero provenire da una fonte relativamente piccola. Ma non è chiaro come scopriremo quale sia questa fonte.

Natura, 2023. DOI: 10.1038/s41586-023-06673-6