Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’esperienza sugli sci di Gwyneth Paltrow: la testimonianza del terzo giorno include il neuropsicologo e le figlie del querelante

L’esperienza sugli sci di Gwyneth Paltrow: la testimonianza del terzo giorno include il neuropsicologo e le figlie del querelante

(CNN) La testimonianza di giovedì al processo su a Incidente di sci 2016 Il coinvolgimento di Gwyneth Paltrow è iniziato con la testimonianza di un neuropsicologo clinico che ha curato l’uomo che ha citato in giudizio l’attrice.

Alina K. Fung ha testimoniato tramite una dichiarazione giurata videoregistrata sulle cure che ha fornito a Terry Sanderson, 76 anni, che ha accusato Paltrow di essersi schiantato contro di lui e di avergli causato lesioni permanenti e danni cerebrali mentre stavano sciando novizi sulla Utah Mountain a febbraio. 2016.

Fung ha detto di aver visto Sanderson per la prima volta nel maggio 2017 e lo ha descritto lamentarsi di “una miriade di sintomi”, inclusi problemi cognitivi, affaticamento, cambiamenti di umore e personalità, dolore e mal di testa.

“Quando l’ho visto, soffriva di sintomi di commozione cerebrale da circa un anno e mezzo”, ha testimoniato.

Sanderson e Paltrow sono rinchiusi in un battaglia legale per sette anni.

Nei documenti del tribunale ottenuti dalla CNN, Sanderson ha affermato che mentre sciava al Deer Valley Resort, Paltrow avrebbe “perso il controllo … l’ho colpito duramente, l’ho messo fuori combattimento, gli ho causato una lesione cerebrale, ho rotto quattro costole e altre gravi ferite”.

Paltrow ha presentato una domanda riconvenzionale contro Sanderson, un oftalmologo in pensione, sostenendo di averla pattinata.

Secondo la contro causa di Paltrow, si stava “godendo lo skateboard con la sua famiglia in vacanza nello Utah, quando l’attore – che stava ascendendo dalla signora Paltrow – l’ha respinta. Ha preso un colpo totale”. La signora Paltrow era arrabbiata con il querelante e lo ha detto. Il querelante si è scusato. Ero così scioccato e sconvolto che ho smesso di sciare quel giorno anche se era ancora mattina”.

READ  Il principe William si ritira dalla cerimonia funebre in Grecia per una “questione personale”

Durante il controinterrogatorio, l’avvocato di Paltrow, James Egan Fong, ha chiesto se i sintomi di Sanderson potessero essere stati causati da qualcosa di diverso dall’incidente.

Fung ha risposto: “Tutto è possibile ma non probabile”.

Polly Sanderson Grasham, figlia di Terry Sanderson, risponde al controinterrogatorio in tribunale il 23 marzo a Park City, nello Utah.

La figlia di mezzo di Sanderson, Polly Sanderson Grasham, 49 anni, ha testimoniato che suo padre era stato un “visitatore” prima dell’incidente.

“Penso che la gente lo descriverebbe come amante del divertimento, molto socievole e decisamente estroverso”, ha detto. “(Lui) amava le persone, ballare ed essere attivo nei grandi spazi aperti.”

Sanderson Grasham, che vive a Coeur d’Alene, Idaho, ha detto nella sua testimonianza a volte emotiva che, un anno e mezzo dopo l’incidente, ha notato che la “velocità di elaborazione” di suo padre sembrava essere cambiata.

Una volta ha descritto di averlo visto seduto su una sedia vicino a una finestra di casa sua e ha detto che “si aspettava quasi che la sua saliva gli uscisse dalla bocca”.

“Prima di tutto, non era attaccato a nessuno”, ha detto. “In un certo senso si è spinto troppo in un angolo. Quello è stato il mio primo vero schiaffo in faccia, c’è qualcosa di molto sbagliato.”

Sanderson ha inizialmente citato in giudizio Paltrow per $ 3,1 milioni, ma in seguito ha modificato la sua denuncia e ora sta chiedendo più di $ 300.000 di danni, secondo i documenti del tribunale.

Paltrow chiede $ 1 di danni, più le spese legali.

Mercoledì, l’avvocato di Sanderson ha detto che si aspettava che Paltrow fosse chiamato a testimoniare venerdì.

READ  Jeremy Renner ringrazia i suoi fan per la loro simpatia nel suo primo post sui social media dopo il suo incidente con lo spalare la neve