Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’esercito israeliano trova i corpi di altri 3 ostaggi a Gaza

L’esercito israeliano trova i corpi di altri 3 ostaggi a Gaza

TEL AVIV, Israele (AP) – L’Egitto ha dichiarato venerdì di aver accettato di inviare camion di aiuti umanitari delle Nazioni Unite attraverso il principale valico di Israele verso Gaza, ma non è chiaro se saranno in grado di entrare nella Striscia mentre infuriano i combattimenti nel sud del paese . Città di Rafah Nel mezzo della crescente aggressione israeliana lì.

Sono stati invece recuperati i corpi di altri tre ostaggi uccisi il 7 ottobre nella Striscia di Gaza, ha annunciato venerdì l’esercito israeliano. Il capo della Cia ha incontrato a Parigi funzionari israeliani e del Qatar, nel tentativo di rilanciare i negoziati per il cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi.

La crisi umanitaria a Gaza è peggiorata dopo che le Nazioni Unite e altre agenzie di soccorso hanno affermato che l’ingresso di cibo e altri rifornimenti nel paese è diminuito significativamente dall’inizio dell’attacco israeliano a Rafah più di due settimane fa. Venerdì la Corte Suprema delle Nazioni Unite, la Corte Internazionale di Giustizia, ha ascoltato… A Israele è stato ordinato di fermare l’attacco a RafahAnche se è improbabile che Israele si conformi.

Al centro del problema ci sono i due valichi principali, attraverso i quali circa 300 camion di aiuti umanitari fluivano ogni giorno verso Gaza prima dell’inizio dell’attacco.

Le forze israeliane hanno preso il controllo del valico di Rafah che porta in Egitto, che da allora ha smesso di funzionare. Il vicino valico di Kerem Shalom tra Israele e Gaza rimane aperto e Israele afferma di inviarvi centinaia di camion ogni giorno. Ma nonostante il successo dell’attraversamento dei camion commerciali, le Nazioni Unite affermano che non possono raggiungere il valico di Kerem Shalom per ricevere aiuti quando entrano perché i combattimenti nella zona rendono l’area troppo pericolosa.

Di conseguenza, l’ONU afferma di aver ricevuto solo 143 camion dal valico negli ultimi 19 giorni. Centinaia di camion carichi sono parcheggiati sul lato di Gaza del valico senza essere recuperati, secondo funzionari israeliani, che dicono che la colpa è delle restrizioni sulla manodopera delle Nazioni Unite. Le Nazioni Unite e altre agenzie umanitarie hanno dovuto fare affidamento su un numero molto minore di camion che entravano quotidianamente da un unico valico nel nord di Gaza e attraverso un molo costruito dagli Stati Uniti per portare i rifornimenti via mare.

READ  Notizie sulla guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Le organizzazioni umanitarie stanno cercando di fornire cibo ai palestinesi, con circa 900.000 persone in fuga da Rafah, e sono sparse nella Striscia di Gaza centrale e meridionale. Gli operatori umanitari avvertono che lo stesso vale per Gaza Vicino alla fame. L’UNRWA, la principale agenzia delle Nazioni Unite impegnata negli sforzi umanitari, è stata costretta a interrompere la distribuzione di cibo nella città di Rafah perché le scorte erano finite.

L’annuncio egiziano sembra risolvere un ostacolo politico da un lato del confine.

Israele afferma di aver mantenuto aperto il valico di Rafah e ha chiesto all’Egitto di coordinarsi per l’invio di convogli di aiuti attraverso di esso. L’Egitto ha rifiutato, temendo che il controllo israeliano dell’impianto rimanesse permanente, e ha chiesto che i palestinesi fossero restituiti alla responsabilità dell’impianto. La Casa Bianca sta facendo pressioni sull’Egitto affinché riprenda il flusso di camion.

L’ufficio di Sisi ha affermato che il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha concordato, in una telefonata venerdì con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, di consentire ai camion carichi di aiuti umanitari e carburante di recarsi al valico di Kerem Shalom fino a quando non sarà raggiunta una soluzione per il valico di Rafah. Nella situazione attuale.

Ma non è chiaro se le Nazioni Unite avranno accesso ad ulteriori camion provenienti dall’Egitto.

L’UNRWA non ha risposto immediatamente alle richieste di commento. “Possiamo riprendere la distribuzione di cibo a Rafah domani se il valico verrà riaperto e ci verranno fornite strade sicure”, ha detto giovedì in un post sul sito di social media X.

Mercy Corps, un’organizzazione umanitaria che opera a Gaza, ha dichiarato venerdì in una dichiarazione che l’attacco ha causato un “blocco funzionale… della principale ancora di salvezza” degli aiuti e “ha messo in ginocchio il sistema umanitario”.

“Se non si verificano cambiamenti radicali, inclusa l’apertura di tutti i valichi di frontiera per aumentare in sicurezza gli aiuti a queste aree, temiamo che ne deriverà un’ondata di morti secondarie, poiché le persone soccomberanno a una combinazione di fame, mancanza di acqua pulita e servizi igienico-sanitari”, ha aggiunto. “La malattia è presente in aree dove c’è poca assistenza medica”.

READ  Il presidente cinese ordina una campagna di sicurezza dopo che un'esplosione in un ristorante barbecue ha ucciso 31 persone

Sembra che i combattimenti si stiano intensificando a Rafah. Testimoni oculari hanno riferito che i bombardamenti si sono intensificati venerdì nella parte orientale della città, vicino al valico di Kerem Shalom, ma i bombardamenti sono avvenuti anche nelle zone centrali, meridionali e occidentali, vicino al valico di Rafah.

I leader israeliani hanno affermato che devono sradicare i combattenti di Hamas da Rafah per completare la distruzione del gruppo dopo l’attacco del 7 ottobre.

I militanti guidati da Hamas hanno ucciso circa 1.200 persone, la maggior parte delle quali civili, e ne hanno rapite altre 250 circa nell’attacco del 7 ottobre. Circa la metà di questi ostaggi Da allora sono stati rilasciatiLa maggior parte di essi fanno parte degli scambi di prigionieri palestinesi detenuti da Israele durante il cessate il fuoco durato una settimana a novembre.

In una dichiarazione video, il portavoce dell’esercito israeliano, l’ammiraglio Daniel Hagari, ha affermato che i corpi di altri tre ostaggi uccisi il 7 ottobre sono stati recuperati.

Il Ministero della Sanità di Gaza ha dichiarato venerdì che la campagna di bombardamenti e gli attacchi israeliani su Gaza hanno ucciso più di 35.800 palestinesi e ferito più di 80.200 altri. Il loro numero non fa distinzione tra civili e combattenti.

L’esercito israeliano ha riferito che le sue forze hanno rinvenuto nella notte i corpi di tre persone uccise nell’attacco del 7 ottobre, che sono stati poi trasportati a Gaza e annoverati tra gli ostaggi.

Cadaveri Tenerezza YablonkaL’esercito ha detto che Michelle Nissenbaum e Orion Hernandez Radox sono stati trovati nel campo profughi di Jabalia, nel nord di Gaza, dove le forze israeliane combattono i militanti di Hamas dalla settimana scorsa.

Questo annuncio arriva meno di una settimana dopo che l’esercito aveva annunciato di averlo trovato nella stessa zona I corpi di altri tre ostaggi israeliani Anche lui è stato ucciso il 7 ottobre.

Nissenbaum, 59 anni, era un israeliano-brasiliano della città meridionale di Sderot. È stato ucciso nella sua macchina mentre si stava dirigendo a portare la sua nipote di 4 anni da una località vicino a Gaza che era stata attaccata dai militanti.

READ  La regina Elisabetta II, il monarca più longevo della Gran Bretagna, è morta all'età di 96 anni, secondo Buckingham Palace

Orion Hernandez Radox, 30 anni, e Yablonka, 42 anni, padre di due figli, sono stati uccisi mentre cercavano di scappare dal Nova Music Festival, dove gli aggressori hanno ucciso centinaia di persone. Hernandez Radox era presente al festival con il suo partner tedesco-israeliano, Shani Luke, il cui corpo era tra quelli trovati in precedenza dall’esercito.

Israele afferma che a Gaza sono ancora detenuti circa 100 ostaggi, oltre ai corpi di almeno altri 39, mentre i corpi di 17 ostaggi sono stati recuperati.

Il gruppo che rappresenta le famiglie degli ostaggi ha affermato che i corpi sono stati restituiti alle famiglie per la sepoltura. Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu Ha detto che è dovere del Paese fare tutto ciò che è in suo potere per restituire le persone rapite, siano esse quelle uccise o quelle che sono ancora vive.

Presidente francese Emanuele Macron Ha espresso le sue condoglianze alla famiglia di Hernandez Rado, cittadino franco-messicano, affermando che la Francia resta impegnata per la liberazione degli ostaggi.

Un funzionario americano ha detto che il direttore della CIA Bill Burns ha incontrato venerdì a Parigi funzionari israeliani e del Qatar in colloqui informali volti a rimettere in carreggiata i negoziati per il cessate il fuoco e gli ostaggi. Il funzionario americano ha detto che Burns è in stretto contatto con funzionari egiziani che, come quelli del Qatar, hanno lavorato come mediatori con Hamas.

I colloqui per il cessate il fuoco si sono interrotti all’inizio del mese dopo i grandi sforzi degli Stati Uniti e di altri mediatori per raggiungere un accordo, nella speranza di evitare un’invasione israeliana pianificata della città meridionale di Rafah. I colloqui sono stati impantanati da un punto critico centrale: Hamas chiede garanzie sulla fine della guerra e un ritiro completo delle forze israeliane da Gaza in cambio del rilascio di tutti gli ostaggi, una richiesta che Israele respinge.

___

Keith e Magdy hanno riferito dal Cairo. Hanno contribuito gli scrittori dell’Associated Press Melanie Liedman a Tel Aviv e John Lester a Le Becq, in Francia.