Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'esclusività è il “tallone d'Achille” dell'industria dei giochi, afferma l'ex capo di PlayStation

L'esclusività è il “tallone d'Achille” dell'industria dei giochi, afferma l'ex capo di PlayStation

L'ex presidente di PlayStation Shawn Layden ha parlato del suo pensiero sull'industria dei giochi moderna, sottolineando che “l'esclusività è il 'tallone d'Achille' del moderno ciclo di sviluppo”.

In una sincera intervista con venturebeatLayden ha spiegato come crede che il settore sia cambiato da quando è entrato in Sony negli anni '80, e ha fatto carriera fino a diventare presidente e CEO di Sony Interactive Entertainment America nel 2014. Ora consulente di aziende come Tencent e Web3 Ventures, Layden è stato veloce per dettagliare i problemi che vede nell'esclusività della piattaforma, soprattutto perché i costi di sviluppo continuano ad aumentare.


Telegiornale: Perché ci sono così tanti licenziamenti nel settore dei giochi?

Telegiornale: Perché ci sono così tanti licenziamenti nel settore dei giochi?

“Quando un gioco costa più di 200 milioni di dollari, l'esclusività è il tuo tallone d'Achille”, ha detto Layden. “Riduce il mercato indirizzabile. Soprattutto quando sei nel mondo del servizio live o dei giochi free-to-play. Un'altra piattaforma è solo un altro modo per aprire il canale di conversione e attirare più persone.

“Nel mondo free-to-play, come sappiamo, il 95% di queste persone non spenderà mai un centesimo. Il business è tutto incentrato sulla conversione. Devi migliorare le tue probabilità aprendo il canale di conversione. Helldivers 2 lo ha dimostrato Per PlayStation, arriverà contemporaneamente anche su PC. Ancora una volta, ottieni quell'imbuto su scala più ampia e attiri più persone.

Layden ha anche analizzato la potenziale “morsa mortale” che PlayStation e altri sviluppatori hardware esercitano su se stessi realizzando esclusive per console, soprattutto quando “la mente dei consumatori cambia”.

“Devi decidere, a che punto ucciderai i tuoi cari?” – aggiunse Layden. “A che punto tutto ciò che arriva sulla vostra piattaforma verrà influenzato? È stato un mercato redditizio per voi, ma la mentalità dei consumatori sta cambiando. I consumatori non acquistano un nuovo telefono cellulare ogni nove mesi o qualunque cosa fosse in passato.

READ  Apple sta mettendo fine alla funzione iMessage di Beeper Mini per Android

“[Hardware companies] Penso che non sarà in grado di tenere sotto controllo l'acceleratore. Dovranno accettare un futuro in cui le persone costruiscono le cose da sole o provengono da altri luoghi. Android consente il caricamento laterale. iOS sì, forse in Europa, ma deve essere maggiormente accettato. Nella natura della bestia. Non è possibile mantenere il controllo del mercato per sempre.”

Anche l'ex dirigente di EA e Microsoft, Peter Moore, ha recentemente parlato del settore, sottolineando che ci sono “domande serie” da porre sull'hardware dei videogiochi e se esiste o meno un futuro per le tradizionali console domestiche.

Moore – che ha ricoperto ruoli senior presso EA, Microsoft e Sega prima di lasciare completamente i giochi per unirsi al Liverpool FC nel 2017 – ha riflettuto sulle perdite subite ogni volta che c'è una nuova generazione di console, suggerendo che sia “le aziende che i giocatori” si stanno chiedendo se o no. I giocatori non “hanno davvero bisogno di spendere quello che potrebbero essere cinque o $ 600 su un componente hardware dedicato solo per giocare”.