Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le piante potrebbero essere in grado di assorbire più anidride carbonica del previsto

Le piante potrebbero essere in grado di assorbire più anidride carbonica del previsto

Ricerche recenti suggeriscono che le piante potrebbero assorbire più anidride carbonica atmosferica di quanto si pensasse in precedenza, fornendo una prospettiva ottimistica sulla mitigazione dei cambiamenti climatici. Tuttavia, gli scienziati sottolineano la continua importanza di ridurre le emissioni, sottolineando che questa scoperta non fornisce una soluzione completa.

Un nuovo studio rivela che le piante possono assorbire più anidride carbonica2 del previsto, fornendo speranza nella lotta contro il cambiamento climatico. Tuttavia, la riduzione delle emissioni rimane fondamentale, perché piantare alberi da solo non è una soluzione sufficiente.

Nuova ricerca pubblicata il 17 novembre in Progresso della scienza Dipinge un quadro insolitamente ottimista del pianeta Terra. Questo perché modelli ecologici più realistici suggeriscono che le piante del mondo potrebbero essere in grado di assorbire una maggiore quantità di anidride carbonica atmosferica2 Più attività umane del previsto.

Nonostante questa scoperta chiave, gli scienziati ambientali dietro la ricerca si sono affrettati a sottolineare che ciò non dovrebbe in alcun modo essere interpretato nel senso che i governi del mondo possano rinunciare ai loro impegni di ridurre le emissioni di carbonio il più rapidamente possibile. Piantare semplicemente più alberi e proteggere le piante esistenti non è una soluzione d’oro, ma la ricerca conferma i molteplici vantaggi derivanti dalla conservazione di tali piante.

Comprendere la società di impianti2 sfruttare

Le piante assorbono una grande quantità di anidride carbonica (CO2).2) ogni anno, rallentando così gli effetti dannosi del cambiamento climatico, ma quanto durerà questo biossido di carbonio2 “La futura diffusione era incerta”, spiega il dottor Jürgen Knauer, che ha guidato il gruppo di ricerca guidato dall’Hawkesbury Institute of the Environment presso l’Università di Western Sydney.

“Quello che abbiamo scoperto è che il modello climatico consolidato utilizzato per alimentare le previsioni sul clima globale da parte di organismi come il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici prevede un assorbimento di carbonio più forte e sostenuto fino alla fine del 21° secolo.strada secolo quando spiega l’influenza di alcuni processi fisiologici critici che governano il comportamento delle piante Fotosintesi.

“Abbiamo preso in considerazione aspetti come l’efficienza con cui l’anidride carbonica si muove all’interno della foglia, il modo in cui le piante si adattano ai cambiamenti di temperatura e il modo in cui le piante distribuiscono economicamente i nutrienti all’ombra. Questi sono tre meccanismi davvero importanti che influenzano la capacità di una pianta di produrre carbonio. La “fissazione”, tuttavia, viene comunemente ignorata nella maggior parte dei modelli globali.

Fotosintesi e mitigazione dei cambiamenti climatici

La fotosintesi è il termine scientifico per il processo mediante il quale le piante convertono – o “fissano” – l’anidride carbonica2 Negli zuccheri che utilizzano per la crescita e il metabolismo. La fissazione del carbonio è un mitigatore naturale del cambiamento climatico poiché riduce la quantità di carbonio nell’atmosfera; Questo è un maggiore assorbimento di anidride carbonica2 Attraverso la vegetazione, che è il principale motore dell’aumento degli stock di carbonio terrestre registrato negli ultimi decenni.

Tuttavia, l’effetto benefico del cambiamento climatico sull’assorbimento di carbonio da parte delle piante potrebbe non durare per sempre, e da tempo non è chiaro come le piante risponderanno all’anidride carbonica.2E cambiamenti di temperatura e precipitazioni che differiscono significativamente da quelli che osserviamo oggi. Gli scienziati ritengono che cambiamenti climatici estremi, come siccità estreme e caldo estremo, potrebbero indebolire significativamente la capacità di assorbimento degli ecosistemi terrestri, ad esempio.

Modellare il futuro dell’assorbimento del carbonio da parte delle piante

Tuttavia, nello studio recentemente pubblicato, Knauer e colleghi presentano i risultati del loro studio di modellizzazione impostato per valutare uno scenario climatico ad alte emissioni, per testare come l’assorbimento di carbonio da parte delle piante risponde al cambiamento climatico globale fino alla fine del 21° secolo.strada un secolo.

Gli autori hanno testato diverse versioni del modello, che variavano nella loro complessità e nel realismo nel modo in cui spiegano i processi fisiologici delle piante. La versione più semplice ignorava i tre meccanismi fisiologici cruciali coinvolti nella fotosintesi, mentre la versione più complessa li catturava tutti e tre.

I risultati sono stati chiari: modelli più complessi che incorporavano gran parte della nostra attuale comprensione fisiologica delle piante prevedevano costantemente aumenti più forti nell’assorbimento di carbonio da parte delle piante a livello globale. I processi studiati si sono rafforzati a vicenda, tanto che gli effetti erano più forti se presi insieme, che è ciò che accadrebbe in uno scenario del mondo reale.

Implicazioni per le strategie sul cambiamento climatico

Allo studio ha partecipato Silvia Caldararo, assistente professore al Trinity College of Natural Sciences. Nel contesto dei risultati e della loro importanza, ha affermato:

“Poiché la maggior parte dei modelli della biosfera terrestre utilizzati per valutare il deposito globale di carbonio si trovano all’estremità inferiore di questo spettro di complessità, rendendo conto solo parzialmente o ignorando completamente questi meccanismi, probabilmente stiamo attualmente sottostimando gli impatti dei cambiamenti climatici sulla vegetazione così come la sua resilienza ai cambiamenti”. Clima Spesso pensiamo che i modelli climatici riguardino la fisica, ma la biologia gioca un ruolo importante ed è qualcosa di cui dobbiamo davvero tenere conto.

“Questi tipi di previsioni hanno implicazioni per le soluzioni basate sulla natura al cambiamento climatico come la riforestazione e l’imboschimento e la quantità di carbonio che tali iniziative possono sequestrare. I nostri risultati suggeriscono che questi approcci potrebbero avere un impatto maggiore nella mitigazione del cambiamento climatico e su un periodo più lungo di tempo di quanto pensassimo.

“Tuttavia, piantare semplicemente alberi non risolverà tutti i nostri problemi. Dobbiamo assolutamente ridurre le emissioni di tutti i settori. Gli alberi da soli non possono offrire all’umanità una carta per uscire gratis di prigione.

Riferimento: “Produttività primaria lorda globale più elevata in un clima futuro con rappresentazioni più avanzate della fotosintesi” di Jürgen Knauer, Matthias Kuntz, Benjamin Smith e Josep J. Canadel e Belinda E. Medlin e Alison C. Bennett, Sylvia Caldararo e Vanessa Havird, 17 anni. novembre 2023, Progresso della scienza.
doi: 10.1126/sciadv.adh9444

READ  Gli scienziati hanno sviluppato un anello indossabile che respinge gli insetti