Maggio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le lattine scadute di salmone di decenni fa rivelano una grande sorpresa: ScienceAlert

Le lattine scadute di salmone di decenni fa rivelano una grande sorpresa: ScienceAlert

Il salmone in scatola è gli improbabili eroi dell'occasionale museo di storia naturale nel retro del magazzino, che preserva decenni di ambiente marino dell'Alaska in salamoia e stagno.

I parassiti possono dirci molto sull’ecosistema perché di solito si trovano in molte specie. Ma a meno che non causino grossi problemi agli esseri umani, storicamente non abbiamo prestato loro molta attenzione.

Questo è un problema per gli ecologisti dei parassiti, come Natalie Mastic e Chelsea Wood dell’Università di Washington, che sono alla ricerca di un modo per monitorare retrospettivamente gli effetti dei parassiti sui mammiferi marini nel Pacifico nordoccidentale.

Così, quando Wood ha ricevuto una telefonata dalla Seattle Seafood Produce Association, che le chiedeva se fosse interessata a prendere dalle loro mani scatole di lattine di salmone vecchie, polverose e scadute – risalenti agli anni '70, la sua risposta è stata, inequivocabilmente, sì.

I casi sono stati accantonati per decenni come parte del processo di controllo della qualità della Società, ma nelle mani degli ecologisti sono diventati un archivio di esemplari ottimamente conservati; Non dal salmone, ma dai vermi.

Sebbene l’idea della presenza di vermi nel pesce in scatola sia un po’ allarmante, questi parassiti marini sono lunghi circa 1 cm. AnisakidiÈ innocuo per l'uomo se ucciso durante il processo di inscatolamento.

“Tutti danno per scontato che la presenza di vermi nel salmone sia un segno che le cose sono andate fuori dai binari.” Lui dice legna.

“Ma il ciclo vitale degli anisakidi integra molti componenti della rete alimentare. Vedo la loro presenza come un segnale che il pesce nel tuo piatto proviene da un ecosistema sano.”

READ  Il vulcano sottomarino Orca in Antartide è stato spazzato da uno sciame di 85.000 terremoti
Verme Anisakid (cerchiato in rosso) in filetti di salmone in scatola. (Natalie Mastic/Università di Washington)

Gli Anisaki entrano nella rete alimentare quando vengono ingeriti KrillChe a loro volta vengono mangiati dalle specie più grandi. Finiscono così nel salmone e, infine, nell'intestino dei mammiferi marini, dove i vermi completano il loro ciclo vitale riproducendosi. I mammiferi rilasciano le uova nell'oceano, ricominciando il ciclo.

“Se l’ospite non è presente – ad esempio i mammiferi marini – gli anisaki non saranno in grado di completare il loro ciclo vitale e il loro numero diminuirà”. Lui dice Wood, autore senior dell'articolo.

Le 178 lattine dell'Archivio contengono quattro diverse specie di salmone catturate nel Golfo dell'Alaska e nella Baia di Bristol in un periodo di 42 anni (1979-2021), comprese 42 lattine di salmone. (Onchorinchus kita), 22 coho (Oncorinco Kesoch), 62 rosa (Oncorinco Gorbusha) e 52 Ain al-Suki (Onchorinchus nerca).

Sebbene le tecniche utilizzate per conservare il salmone non conservino i vermi nel loro stato originale, i ricercatori sono riusciti a sezionare i filetti e contare il numero di vermi per grammo di salmone.

Verme marrone ingrandito su sfondo bianco
Anisakide altamente idrolizzato presente nel salmone in scatola. (Natalie Mastic/Università di Washington)

Hanno scoperto che i vermi aumentavano nel tempo nel chum e nel salmone rosa, ma non nel sockeye o nel coho.

“Vedere il loro numero aumentare nel tempo, come abbiamo fatto con il salmone rosa, suggerisce che questi parassiti sono stati in grado di trovare tutti gli ospiti adatti e riprodursi. Ciò potrebbe indicare un ecosistema stabile o in ripresa, con abbastanza ospiti adatti per gli anisakis.”, ” Lui dice Mastic, autore principale dell'articolo.

Ma i livelli stabili di anisakidi nel coho e nel sockeye sono difficili da interpretare, soprattutto perché il processo di inscatolamento ha reso difficile identificare specie specifiche di anisakidi.

READ  SpaceX sta riprogrammando il lancio del Falcon 9 dal Capo fino alla fine della settimana

“Sebbene siamo fiduciosi sulla nostra identità a livello familiare, non siamo stati in grado di riconoscere la nostra identità [anisakids] Lo abbiamo scoperto a livello di specie”, gli autori Lui scrive“Quindi è possibile che i parassiti delle specie in crescita tendano a infettare il salmone rosa e rosso, mentre i parassiti delle specie sedentarie tendono a infettare il salmone rosso e il coho”.

Mastic e i suoi colleghi ritengono che questo nuovo approccio – trasformare vecchie lattine polverose in un archivio ambientale – potrebbe alimentare molte scoperte scientifiche. Sembra che abbiano aperto un grosso barattolo di vermi.

Questa ricerca è stata pubblicata in Ambiente ed evoluzione.