Ottobre 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le azioni sono crollate in una delle peggiori settimane dell'anno a Wall Street

Le azioni sono crollate in una delle peggiori settimane dell’anno a Wall Street

Le azioni sono scese venerdì, chiudendo una delle peggiori settimane dell’anno a Wall Street. Ma una presentazione dei principali investitori e dirigenti aziendali ha chiarito che ritengono che il peggio debba ancora venire per l’economia e i mercati finanziari.

Dopo aver toccato il livello più basso a giugno, l’S&P 500 è salito di oltre il 17% a metà agosto, prima di perdere nuovamente terreno. Le vendite di questa settimana hanno lasciato solo l’indice 5,6% al di sopra del minimo di giugno, dopo che un calo dello 0,7% di venerdì ha portato le sue perdite settimanali vicino al 5%. Il mercato è sceso solo del 5% in una settimana tre volte quest’anno.

Tuttavia, anche dopo il rapido declino di questa settimana, alcune delle più potenti società di trading del mondo, che spendono trilioni di dollari per fondi pensione, governi e altri investitori, avvertono che c’è più dolore per il futuro.

“Se mi chiedessi un anno fa, ‘Qual è stato lo scenario peggiore per i mercati finanziari? “Penso che ora le cose siano peggio di qualsiasi cosa possiamo immaginare”, ha affermato Nikolai Tangen, capo del fondo sovrano norvegese, che è il più grande del suo genere. Il fondo gestisce fondi generati dalle vaste vendite di petrolio e gas in Norvegia e $ 1,4 trilioni sono investito in tutto il mondo.

Imprenditori, politici e cittadini americani sono tutti alle prese con la fine di un decennio di bassi tassi di interesse che hanno contribuito a spingere l’economia dopo la crisi finanziaria del 2008, passando a una condizione meno comune, una volta ogni generazione. Esplosione di inflazione. Il collasso delle catene di approvvigionamento, la guerra in Ucraina e un’emergente crisi energetica sono tra una serie di sfide che si aggiungono a un livello di incertezza che alcuni investitori affermano di non vedere da decenni.

READ  Dow futures: un rally di mercato non lo farà; Le azioni di BBBY crollano inversamente a Meme

La forza di fondo dell’economia statunitense offre una certa protezione, ma rende anche difficile per la Federal Reserve raffreddare rapidamente le cose, con un mercato del lavoro forte e salari in aumento che contribuiscono a far salire i prezzi di beni e servizi. Il timore è che le medicine necessarie per curare il problema possano spingere gli Stati Uniti in una grave recessione economica.

Il calo è arrivato venerdì come inventario del gigante della logistica Fedex Più del 21%, dopo aver avvertito che i suoi guadagni sono stati colpiti dalla debolezza in Asia e in Europa. FedEx ha affermato che taglierà alcuni servizi, chiuderà siti e bloccherà le assunzioni, diventando l’ultima di una serie di società a esprimere preoccupazioni e alimentare la fiducia degli investitori.

FedEx è considerata un leader economico perché la sua attività di spedizione di pacchi riflette la domanda delle imprese e dei consumatori. Parla con il CEO dell’azienda, Raj Subramaniam CNBC Giovedì ha previsto una “recessione globale”.

Anche il direttore finanziario di GE, Carolina Dibek Happy, ha avvertito delle sfide alla conferenza di giovedì, lamentando problemi irrisolti della catena di approvvigionamento che rimangono “difficili” e “minano la nostra capacità di fornire servizi ai nostri clienti”. Le azioni della società sono scese di quasi il 4% venerdì.

Il calo del fine settimana è arrivato sulla scia del peggior calo di un giorno dell’S&P 500 da giugno 2020, un calo del 4,3% martedì, che è arrivato dopo che il CPI ampiamente seguito ha deluso le speranze che inflazione Ho iniziato a sciogliermi. Il rapporto ha riacceso i timori che la Federal Reserve possa spingere gli Stati Uniti in recessione mentre aumenta i tassi di interesse nel tentativo di combattere l’aumento dei prezzi.

READ  Una buona notizia sorprendente: le biblioteche sono in piena espansione e stanno diventando sempre più diversificate

Le preoccupazioni economiche erano evidenti anche in altri aspetti dei mercati finanziari: i prezzi del debito societario sono scesi e il prezzo del petrolio ha registrato la terza settimana consecutiva di perdite.

Tangen, del fondo sovrano norvegese, ha affermato di non pensare che ci sia una regione di investimento in nessuna parte del mondo che possa fare soldi nel prossimo futuro. “Questa è la cosa davvero frustrante”, ha detto.

L’umore cupo è in netto contrasto con la massiccia ripresa dalle profondità della pandemia e il rimbalzo del mercato azionario che ha spinto l’indice S&P 500 a nuovi massimi all’inizio di gennaio. Investitori e politici hanno minimizzato il rischio che l’inflazione diventi un problema intrattabile, esacerbato dall’aumento dei prezzi dell’energia dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

“Quello che stiamo affrontando sono le aspettative di inflazione che sono molto radicate in questo”, ha affermato Seth Bernstein, presidente e CEO di AllianceBernstein, un gestore di fondi con oltre 600 miliardi di dollari di asset. Ha detto che la stagnazione era l’unico modo per “romperlo”.

Gli investitori questa settimana hanno rivisto le loro aspettative su quanto la Fed avrà bisogno per aumentare i tassi di interesse e per quanto tempo la banca centrale li manterrà alti, prevedendo più dolore per le imprese, prezzi delle azioni più bassi e maggiore disoccupazione.

La Fed ha già alzato i tassi di interesse tra il 2,25% e il 2,5% da quasi zero a marzo. È probabile che la banca centrale aumenterà nuovamente gli oneri finanziari quando si riunirà la prossima settimana e il rilascio è previsto previsione di crescitaL’inflazione e il percorso dei tassi di interesse.

READ  La BMW interrompe la produzione in Russia e interrompe le esportazioni nel Paese

Le previsioni di mercato per i tassi di interesse mostrano che i trader si aspettano un aumento di tre quarti di punto percentuale la prossima settimana. Qualcosa di più alto sarebbe una grande mossa che non è stata fatta dal 1984 e potrebbe portare a un ulteriore calo dei mercati finanziari.

Nel complesso, i prezzi di mercato puntano a un picco dei tassi dal 4,25% al ​​4,5% il prossimo anno, ben 2 punti percentuali in più rispetto al livello attuale.

La Fed non è l’unica nella sua spinta ad aumentare i tassi di interesse per combattere l’inflazione. Giovedì, la Banca Mondiale ha aggiunto avvisi di recessione, affermando che l’effetto combinato delle banche centrali di tutto il mondo che alzano i tassi di interesse contemporaneamente potrebbe spingere l’economia globale verso la deflazione già il prossimo anno.

Le aspettative variano tra le maggiori banche statunitensi. Gli economisti di Wells Fargo e Citigroup si aspettano una recessione. David Solomon, CEO di Goldman Sachs, lo ha affermato venerdì I mercati finanziari stanno “attraversando un periodo più basso, più lungo e più accidentato”.

JPMorgan Chase e Morgan Stanley continuano ad aspettarsi un atterraggio morbido, poiché la Fed può ridurre l’inflazione senza andare troppo oltre e causare una recessione.

Dan Ivaskin, chief investment officer della società di investimento obbligazionaria Pimco, che gestisce quasi 1,8 trilioni di dollari, si è detto “un po’ più preoccupato” per l’entità delle pressioni inflazionistiche nell’economia statunitense dopo che i dati sull’inflazione sono stati pubblicati martedì.

“Gli investitori possono aspettarsi una maggiore volatilità sui mercati verso la fine dell’anno”, ha affermato. “Pensiamo che il 2023 sarà ancora pieno di molte incertezze”.