Giugno 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Le aziende cinesi si sono affrettate a colmare il vuoto lasciato in Russia dai marchi emersi dalla guerra in Ucraina

Le aziende cinesi si sono affrettate a colmare il vuoto lasciato in Russia dai marchi emersi dalla guerra in Ucraina

Hong Kong (CNN) Nell’ultimo anno sono apparsi centinaia di marchi internazionali fuggire La Russia in risposta alla sua invasione dell’Ucraina. Ciò ha costretto i russi a trovare alternative a tutto, dagli smartphone alle automobili.

Società beneficiarie: concorrenti cinesi. I dati del settore mostrano che il gigante degli smartphone Xiaomi e la casa automobilistica Geely sono tra quelli che hanno visto aumentare le vendite negli ultimi mesi.

Laddove iPhone e Samsung Galaxies una volta erano i bestseller, i modelli di Xiaomi e di un altro fornitore cinese, Realme, sono ora in cima alle classifiche di vendita, secondo Counterpoint Research.

I produttori cinesi erano molto popolari in Russia prima della guerra, conquistando quasi il 40% del mercato degli smartphone nel dicembre 2021. Ora, secondo i dati di Counterpoint, hanno quasi il 95% del mercato un anno dopo.

Mentre, SAMSUNG (SSNLF) E mela (AAPL) – che in genere detenevano rispettivamente i primi due posti – ha visto la sua quota di mercato combinata scendere dal 53% a solo il 3% nello stesso periodo. Ritirato dal paese.

Una storia simile si sta svolgendo sulle strade della Russia. Nell’ultimo anno, le case automobilistiche cinesi Chery e Great Wall Motor sono entrate nella top 10 dei marchi di autovetture BMW e Mercedes Germania (MBGAF) Secondo i dati di S&P Global Mobility.

Russi Acquirente Un numero record di auto cinesi lo scorso anno, secondo il fornitore di dati Autostat. Ha affermato in un rapporto del mese scorso che le vendite di nuove auto cinesi nel paese sono aumentate del 7% nel 2022, a 121.800 veicoli, anche se il mercato è crollato.

Anche Lada, un marchio nazionale che era già la casa automobilistica più popolare della Russia prima della guerra, ha visto crescere la sua quota di mercato da circa il 22% al 28% nel 2022, secondo i dati di S&P. (Renault Ha venduto la sua partecipazione di controllo in Lada a maggio.)

Queste aziende sono praticamente le ultime aziende in piedi.

Come la Renault, le case automobilistiche globali si sono ritirate dalla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina, incluso Hyundai e Kia, gli altri grandi player stranieri là fuori.

“Ha lasciato un grosso buco nel mercato”, ha affermato Tu Li, fondatore della società di consulenza Sino Auto Insights con sede a Pechino. E i cinesi sono felici di riempire quel buco”.

Confusione del prodotto

Xiaomi, Realme e Honor, il marchio economico Precedentemente posseduto Da parte del gigante tecnologico cinese Huawei, “ha risposto rapidamente per cogliere l’opportunità”, ha affermato Jan Strijac, direttore associato di Counterpoint Research. Hanno aumentato le spedizioni in Russia rispettivamente del 39%, 190% e 24% nel terzo trimestre del 2022 rispetto al trimestre precedente.

Xiaomi è stata la principale beneficiaria, raddoppiando la sua quota di mercato nel corso dell’anno. L’azienda con sede a Pechino è ora il più grande venditore di smartphone in Russia, in gran parte grazie alla sua popolare linea Redmi, una gamma economica di dispositivi noti per l’elevata qualità della fotocamera.

La gente passa davanti a un venditore Apple chiuso in un centro commerciale a Omsk, in Russia, nel marzo 2022.

sacrificio nel servizio

In risposta all’esodo aziendale, la Russia ha introdotto soluzioni alternative per mantenere parte della merce sugli scaffali.

L’anno scorso, il governo ha autorizzato il cosiddetto Importazioni parallele Smartphone, che hanno permesso l’ingresso di merci dai paesi vicini, come il Kazakistan.

Questa pratica ha aiutato i principali rivenditori russi a continuare a vendere telefoni Samsung e Apple dopo la sospensione delle spedizioni dirette, ha scritto l’analista di Counterpoint Research Harshit Rastogi in un post sul blog. post sul blog.

READ  Il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è sceso ulteriormente dopo il “grande cambiamento” della Fed.

Ma le procedure comportano potenziali problemi. Rastogi ha osservato che gli utenti che hanno acquistato questi telefoni potrebbero avere problemi a scaricare app mobili che sono state bloccate in Russia, mentre la ricerca di servizi da fornitori ufficiali “non è garantita”.

Allo stesso modo, le persone hanno acquistato auto vendute nel paese tramite importazioni parallele, pur sapendo che non riceveranno garanzie, secondo Tatiana Hristova, direttore associato della ricerca automobilistica presso S&P Global Mobility.

Lo showroom della casa automobilistica cinese Chery a Mosca il 18 aprile 2022. L’azienda è una delle numerose aziende cinesi che sono entrate nella top 10 dei più grandi marchi di autovetture in Russia nell’ultimo anno.

“Le persone sono disposte a farlo perché non c’è altra scelta”, ha detto.

Desiderosi di attenersi ai marchi premium, alcuni russi hanno acquistato Mercedes e Audi in vacanza in Kazakistan o in Uzbekistan in scene che ricordano il crollo dell’Unione Sovietica negli anni ’90.

“Se vuoi prendere una macchina, non lo fai [a Soviet-era] Zhiguli … Ho appena ordinato a qualcuno di andare in Europa in autobus, comprarti un’auto e portarla in Russia per te “, ha detto Hristova.

Tempi duri per i consumatori

Sebbene i marchi cinesi stiano raccogliendo i frutti dei divieti occidentali, anche il mercato russo si sta restringendo L’economia ristagnava.

L’anno scorso, le vendite di smartphone russi sono diminuite del 33% a 21 milioni, secondo Counterpoint Research. In confronto, il mercato degli smartphone in Europa è in calo del 20%.

Il mercato automobilistico russo è andato peggio, in calo di quasi il 60% nel 2022 rispetto all’anno precedente, secondo Autostat.

READ  Il giudice ordina il rilascio del presunto riciclatore di bitcoin Razzlekhan

Hristova ha affermato che per molti consumatori russi, le decisioni sui beni costosi sono “probabilmente in sospeso per il momento”, in particolare mentre si preparano a potenziali future ondate di carenze dei consumatori. Mobilitazione militare.

La grande domanda ora, secondo gli analisti, è se il mercato sia cambiato per sempre.

Se la guerra in Ucraina finisce, ha affermato Stryjak, Apple e Samsung probabilmente ricostruiranno le operazioni nel paese e ripristineranno rapidamente le vendite di smartphone.

Auto Lada viste in una concessionaria a Togliatti, nota anche come Togliatti, in Russia, nell’aprile 2022. Già il marchio automobilistico più popolare nella Russia prebellica, Lada ha visto crescere la sua quota di mercato nell’ultimo anno.

La giuria è fuori sulle auto, però, e alcune aziende hanno già chiaramente espresso interesse a tornare.

Nella sua decisione di lasciare la Russia lo scorso anno Renault Lascia la porta aperta Indietro, con un’opzione per riacquistare la sua partecipazione in Lada fino al 2028, ha osservato Hristova.

Fino ad allora, con il ritorno dei marchi internazionali, gli operatori cinesi possono mantenere la loro posizione, soprattutto considerando quanto tempo potrebbe essere necessario per ricostruire le catene di approvvigionamento.

Molto probabilmente dipenderà da quanto durerà la guerra.

“L’abbiamo chiarito un po’, ma i marchi russi e cinesi sono una specie di sostituti dei giocatori reali”, ha affermato Le di Sino Auto Insights.

“Le posizioni permanenti possono diventare giocatori permanenti”.