Aprile 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L'asteroide che ha spazzato via i dinosauri ha anche causato uno tsunami globale

L’asteroide che ha spazzato via i dinosauri ha anche causato uno tsunami globale

Iscriviti alla newsletter di Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte sorprendenti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Secondo una nuova ricerca, quando un asteroide delle dimensioni di una città si è scontrato con la Terra 66 milioni di anni fa, ha spazzato via i dinosauri e inviato mostruose onde di tsunami in giro per il pianeta.

L’asteroide, che è largo circa 8,7 miglia (14 chilometri), ha lasciato il suo cratere d’impatto a circa 62 miglia (100 chilometri) vicino alla penisola messicana dello Yucatan. Oltre a porre fine al regno dei dinosauri, il colpo diretto ha causato l’estinzione di massa del 75% della vita animale e vegetale del pianeta.

Quando l’asteroide si è scontrato, ha causato una catena di eventi catastrofici. fluttuazioni della temperatura globale; Colonne di aerosol, fuliggine e polvere riempiono l’aria; Gli incendi sono iniziati quando pezzi di materiale in fiamme sono esplosi a causa dell’impatto e sono rientrati nell’atmosfera e sono piovuti. In 48 ore, gli tsunami hanno fatto il giro del globo ed erano migliaia di volte più attivi dei moderni tsunami causati dai terremoti.

I ricercatori si sono proposti di ottenere una migliore comprensione dello tsunami e della sua prevalenza attraverso la modellazione. Hanno trovato prove a sostegno delle loro scoperte sul corso e la forza dello tsunami studiando 120 carote di sedimenti oceanici in tutto il mondo. Uno studio dettagliato dei risultati è stato pubblicato martedì sulla rivista L’Unione geofisica americana avanza.

È la prima simulazione globale di uno tsunami indotto da Chicxulub ad essere pubblicata su una rivista scientifica peer-reviewed, secondo gli autori.

READ  Le lattine scadute di salmone di decenni fa rivelano una grande sorpresa: ScienceAlert

Secondo lo studio, lo tsunami è stato abbastanza potente da creare onde imponenti alte più di un miglio e pulire il fondo dell’oceano a migliaia di chilometri da dove l’asteroide ha colpito. Ha effettivamente rimosso la registrazione dei sedimenti di ciò che è accaduto prima dell’evento, così come durante esso.

ha detto l’autrice principale Molly Ring, che ha iniziato a lavorare allo studio come matricola e ha completato la sua tesi di laurea presso l’Università del Michigan.

I ricercatori stimano che lo tsunami sia stato fino a 30.000 volte più attivo dello tsunami dell’Oceano Indiano il 26 dicembre 2004, uno dei più grandi tsunami registrati che ha ucciso più di 230.000 persone. L’energia dell’impatto dell’asteroide è stata almeno 100.000 volte maggiore dell’eruzione del vulcano Tonga all’inizio di quest’anno.

Brandon Johnson, coautore dello studio e assistente professore alla Purdue University, ha utilizzato un grande programma per computer chiamato codice idraulico per simulare i primi 10 minuti dell’effetto Chicxulub, compresa la formazione di crateri e l’inizio dello tsunami.

Ha incluso le dimensioni e la velocità dell’asteroide, che si stima si muovesse a 26.843 miglia orarie (43.200 chilometri orari) quando ha colpito la crosta di granito e le acque poco profonde della penisola dello Yucatan.

Meno di tre minuti dopo, rocce, sedimenti e altri detriti hanno spinto un muro d’acqua lontano dall’impatto, facendolo risalire per 4,5 chilometri, secondo la simulazione. Questa ondata si placò quando il materiale esplosivo ricadde a terra.

Ma quando i detriti caddero, fecero onde ancora più caotiche.

Dieci minuti dopo la collisione, un’onda a forma di anello alta quasi un miglio è iniziata attraverso l’oceano in tutte le direzioni da un punto situato a 137 miglia (220 chilometri) dalla collisione.

READ  Meduse e moscerini della frutta rivelano le antiche radici della regolazione della fame

Queste simulazioni sono state quindi inserite in due diversi modelli globali di tsunami, MOM6 e MOST. Mentre MOM6 viene utilizzato per modellare le onde dello tsunami nelle profondità oceaniche, MOST fa parte delle previsioni dello tsunami presso i centri di allerta tsunami della National Oceanic and Atmospheric Administration.

Entrambi i modelli hanno fornito all’incirca gli stessi risultati, creando una sequenza temporale per lo tsunami per il team di ricerca.

Un’ora dopo la collisione, lo tsunami ha viaggiato fuori dal Golfo del Messico nel Nord Atlantico. Quattro ore dopo la collisione, le onde hanno attraversato la rotta marittima centroamericana nell’Oceano Pacifico. La rotta centroamericana separava il Nord e il Sud America.

Questo grafico mostra il movimento dell'innalzamento del livello del mare in uno tsunami 24 ore dopo l'impatto.

Entro 24 ore, le onde sono entrate nell’Oceano Indiano da entrambi i lati dopo aver attraversato il Pacifico e l’Atlantico. Entro 48 ore dall’impatto, le grandi onde dello tsunami avevano raggiunto la maggior parte delle coste della Terra.

La corrente sottomarina era più forte nelle rotte marittime del Nord Atlantico, Centro America e Sud Pacifico, superando 0,4 mph (643 metri all’ora), abbastanza forte da soffiare i sedimenti sul fondo dell’oceano.

Nel frattempo, l’Oceano Indiano, il Pacifico settentrionale, l’Atlantico meridionale e il Mediterraneo sono stati al riparo dal peggio dello tsunami, con meno correnti sottomarine.

Il team ha analizzato le informazioni provenienti da 120 sedimenti che provenivano in gran parte da precedenti progetti di perforazione oceanica scientifica. C’erano più strati di sedimenti intatti nelle acque protette dall’ira dello tsunami. Nel frattempo, c’erano lacune nel record di sedimenti per gli oceani del Nord Atlantico e del Sud Pacifico.

I ricercatori sono rimasti sorpresi nello scoprire che i sedimenti sulle coste orientali delle isole settentrionali e meridionali della Nuova Zelanda erano profondamente disturbati da cavità multiple. All’inizio, gli scienziati credevano che ciò fosse dovuto all’attività delle placche tettoniche.

READ  La Terra ha un misterioso "battito cardiaco" ogni 27 milioni di anni: ScienceAlert

Ma il nuovo modello mostra che il sedimento era direttamente sulla traiettoria dello tsunami di Chicxulub, nonostante fosse a 7.500 miglia (12.000 km) di distanza.

“Riteniamo che questi depositi registrino gli effetti dell’impatto di uno tsunami, e questa è forse la conferma più significativa del significato globale di questo evento”, ha affermato Ring.

Sebbene il team non abbia stimato l’impatto dello tsunami sulle inondazioni costiere, il modello mostra che le aree costiere dell’Atlantico settentrionale e della costa del Pacifico del Sud America erano probabilmente esposte a onde superiori a 20 metri di altezza. Le onde sono cresciute mentre si avvicinavano alla riva, causando inondazioni ed erosione.

Secondo Brian Arbeck, coautore dello studio e professore di fisica dell’Università del Michigan, la ricerca futura modellerà l’entità delle inondazioni globali dopo un impatto e fino a che punto si possono avvertire gli effetti di uno tsunami.

“Ovviamente, le maggiori inondazioni sono state le più vicine al luogo dell’impatto, ma è probabile che le onde siano molto grandi anche a grande distanza”, ha detto Arbic.