Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

L’accordo tra UAW e Ford potrebbe mettere sotto pressione GM e Stellantis

L’accordo tra UAW e Ford potrebbe mettere sotto pressione GM e Stellantis

Le case automobilistiche di Detroit e il sindacato United Auto Workers hanno continuato a negoziare sabato, il giorno dopo che il sindacato ha ampliato gli scioperi in modo da limitare le forniture di componenti per le auto prodotte da General Motors e Stellantis, che possiede Jeep e Ram, hanno detto i rappresentanti dell’azienda. .

Venerdì i membri della UAW hanno lasciato il lavoro presso i centri di distribuzione dei ricambi General Motors e Stellantis, ma hanno fatto un’eccezione per Ford, affermando che la società aveva fatto di più per soddisfare le sue richieste.

“La nostra pressione su Ford sta iniziando a dare i suoi frutti”, ha detto sabato ai membri la UAW.

Gli analisti hanno affermato che, sebbene non vi fossero indicazioni che un accordo con Ford fosse imminente, l’accordo con la società potrebbe esercitare pressioni sulle altre due società affinché offrano condizioni simili e portare a una rapida fine dello sciopero.

“Il momento in cui si ottiene un accordo con Ford che include gran parte o tutto ciò che la UAW sta cercando, ciò mette molta pressione su GM e Stellantis”, ha affermato Michael Duff, professore alla St. Louis University School of Law. Ex avvocato del National Labor Relations Board. “Li mettono nella posizione di dover discutere sul perché sono diversi, sul perché non possono offrire niente di più”.

Un breve sciopero sarebbe una buona notizia per l’economia. Secondo l’Automotive Innovation Alliance, un gruppo industriale, circa 200.000 persone lavorano nell’industria automobilistica. Questo numero non include i posti di lavoro che dipendono indirettamente dall’industria automobilistica, che è molte volte superiore.

La perdita dei salari danneggerebbe la spesa dei consumatori, mentre l’inflazione potrebbe aumentare se alcuni veicoli diventassero difficili da ottenere o se i pezzi scarseggiassero nelle officine e nei concessionari. Se così fosse, la Fed dovrà continuare i suoi sforzi per rallentare l’economia mantenendo alti i tassi di interesse. Più di 18.000 membri dell’UAW sono ora in sciopero.

READ  Elon Musk non pensava che qualcuno avrebbe effettivamente accettato di fermare l'intelligenza artificiale

Anche le case automobilistiche devono far fronte alla pressione dell’opinione pubblica. La tesi dei lavoratori del settore automobilistico secondo cui i loro salari non hanno tenuto il passo con l’inflazione, mentre le case automobilistiche hanno riportato buoni profitti, ha risonanza tra il pubblico, ha affermato Ivana Delevska, fondatrice della società di investimento Spear Invest.

“L’inflazione è alta su tutta la linea. Devono pagare il costo della vita”, ha detto la Delevska dei lavoratori.

Duff ha affermato che i sondaggi mostrano che i lavoratori hanno l’opinione pubblica dalla loro parte, ma ciò potrebbe cambiare se uno sciopero lungo rendesse più difficile per le persone riparare le loro auto o fosse visto come un danno per l’economia. “Mentre lo sciopero continua, si può rimanere delusi dai lavoratori”, ha detto.

Venerdì i lavoratori di Stellantis hanno scioperato in 20 centri di distribuzione dei ricambi dell’azienda, mentre i lavoratori di GM hanno scioperato in 18 centri.

L’accordo che Ford ha raggiunto la scorsa settimana con il sindacato che rappresenta i lavoratori canadesi potrebbe fornire indizi sull’esito negli Stati Uniti. L’accordo con Unifor prevede aumenti salariali fino al 25% nei tre anni del contratto, oltre a bonus, maggiori benefici pensionistici e misure per proteggere i dipendenti mentre Ford riorganizza le sue fabbriche di veicoli elettrici.

Unifor, che potrebbe avere meno influenza della UAW a causa della presenza molto minore di Ford in Canada, ha ottenuto questi guadagni senza doversi ritirare. Il sindacato sta negoziando separatamente con GM e Stellantis in Canada.

La Delevska ha detto che gli investitori si aspettano che le case automobilistiche americane ed i sindacati raggiungano un accordo su un aumento salariale inferiore al 30%, e ha aggiunto che entrambe le parti hanno un incentivo a raggiungere un accordo rapido. “Non è nell’interesse di nessuno che questa situazione si trascini ancora a lungo”, ha detto.

READ  PNC e JPMorgan fanno le offerte finali per la First Republic Bank nell'asta FDIC

Le richieste della UAW includono un aumento salariale del 40% in quattro anni, migliori benefici per i pensionati e orari di lavoro più brevi. Il sindacato vuole anche porre fine al sistema di retribuzione a scaglioni che avvia nuove assunzioni con salari ben al di sotto del salario massimo della UAW di 32 dollari l’ora.

Ford ha accettato alcune delle richieste della UAW, secondo il sindacato, promettendo ad esempio di adeguare i salari dei lavoratori in linea con l’inflazione e di aumentare i bonus di partecipazione agli utili.

Ford ha inoltre accettato di concedere ai lavoratori il diritto di sciopero in caso di chiusura degli stabilimenti, una concessione importante. Il sindacato teme che le case automobilistiche chiudano alcune fabbriche mentre l’industria si sposta verso le auto elettriche, che richiedono meno parti e manodopera.

“Questi sono progressi storici, ma abbiamo ancora molta strada da fare”, ha affermato sabato l’UAW in una lettera ai membri.